IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Il Parlamento Europeo approva la "Borsa delle emissioni"

Il Parlamento Europeo approva la "Borsa delle emissioni"

La commissione Ambiente del Parlamento Europeo ha approvato, con 44 voti favorevoli, 20 contrari e 1 astenuto, la parte più rilevante del pacchetto sul clima ed energia dell’Unione Europea, riguardante la nuova “Borsa delle emissioni” di gas serra (Ets) che funzionerà dal 2013 al 2020.

La misura adottata prevede l’obiettivo di ridurre le emissioni di gas serra del 20% entro il 2020, percentuale che passerebbe automaticamente al 30% nell’eventualità di un accordo internazionale alla conferenza sul periodo post-Kioto, che si terrà a Copenaghen nel dicembre 2009. Il risultato raggiunto è stato comunque nei giorni scorsi bersaglio di numerose critiche, alcune anche veementi, da parte di quei governi e settori industriali che sono in forte ritardo nelle riconversione verde: contro il pacchetto Ue si erano schierati sia il ministro per le Politiche comunitarie Andrea Ronchi, sia il presidente di Confindustria Emma Marcegaglia, accompagnati dai governi dei paesi appartenenti all’ex blocco comunista, Polonia su tutti. La decisione presa in mattinata inoltre rafforza la posizione iniziale della Commissione Europea riguardo ai permessi di emissione, che prevede dal 2013 il dovere per il settore energetico di acquisire all'asta il 100% delle emissioni attribuite a ciascuna installazione (per il momento le quote di anidride carbonica sono assegnate gratis, e si paga solo in caso di superamento dei tetti previsti).

Dal 2013 invece gli altri settori industriali dovranno acquistare solo il 15% dei loro permessi di emissione, percentuale che salirà di anno in anno, fino a raggiungere il 100% nel 2020. La parte più controversa e spinosa del testo approvato è quella che ha come soggetto il futuro del carbone, la fonte energetica che ha il maggior impatto sul clima. Un emendamento approvato esplicita che dal 2015 sarà vietato erigere centrali termoelettriche che emettano più di 500 grammi di CO2 per kilowattora generato, una disposizione che nei fatti elimina la possibilità di costruire centrali a carbone. L’unica via alternativa sarà quella di dotare le centrali della tecnologia Ccs (carbon capture and storage), ossia un congegno di "cattura" delle emissioni e di stoccaggio in un deposito geologico.

Innovazione quest’ultima ancora agli albori che viene tra l’altro ritenuta poco sicura dagli ambientalisti. Ma proprio col pacchetto clima ed energia è stata adottata una misura che prevede di destinare il ricavato derivante dalla messa all'asta dei permessi relativi a 500 milioni di tonnellate di CO2 (pari a circa 10 miliardi di euro agli attuali prezzi di mercato), come finanziamento, a 12 progetti pilota di impianti Ccs, nel periodo 20013-2020. Dura la replica di Greenpeace, la cui mancata totale soddisfazione è dovuta proprio alla battaglia sul carbone: “Il Parlamento ha confermato che l'obiettivo unilaterale per la riduzione dei gas serra scatterà al 30% in caso di raggiungimento di un accordo internazionale per la seconda fase di Kyoto. Tuttavia “ si legge sempre nella nota diramata dall’associazione ambientalista “sono stati stanziati nuovi sussidi all'industria del carbone, concedendo crediti di CO2 per 10 miliardi di euro a progetti di cattura e sequestro della CO2. La patata bollente passerà ora nelle mani del Consiglio europeo dell'energia il prossimo 10 ottobre".

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
21/07/2017

Record Costa Rica con il 99,35% di elettricit da fonti rinnovabili

Nei primi 6 mesi del 2017 in Costa Rica il fabbisogno energetico è stato soddisfatto quasi esclusivamente dalle fonti rinnovabili.     Il Costa Rica, paese dell'America Centrale situato tra Nicaragua e Panama, da ormai parecchio tempo ...

20/07/2017

Per cedere le detrazioni fiscali c la piattaforma Creditswap

I benefici energetici e fiscali aumentano se si pianificano interventi più incisivi di riqualificazione. La piattaforma Harley&Dikkinson per ottimizzare l'incontro fra domanda e offerta        La Legge di Bilancio 2017 ...

20/07/2017

Tour Marachre, per una banlieue a filiera corta

A pochi chilometri da Parigi l'innovativa doppia fattoria verticale autosufficiente dal punto di vista energetico.     E’ il 2015 quando a Parigi si firma l’accordo COP 21 sulla riduzione del surriscaldamento globale. Se da ...

19/07/2017

Eco materiali per edifici pi efficienti e sani

Un progetto europeo mostra il potenziale ancora non sfruttato dei materiali ecologici naturali per migliorare la qualità interna degli ambienti     Il tema dell’efficienza energetica degli edifici è prioritario nelle ...

18/07/2017

Nuovo skyline per Lodi con Torre Zucchetti

L'ormai ex Pirellino rinasce più eco-friendly che mai     In occasione della tanto attesa inaugurazione, si torna a parlare di Torre Zucchetti, la nuova futuristica impresa di Marco Visconti. Realizzato con la collaborazione di MAP ...

14/07/2017

Il Sud Italia brucia, i danni per lambiente forse irreparabili

Una tragedia per la biodiversità, per lo più opera di piromani, con danni ancora non quantificabili per il territorio e gravi conseguenze per l’economia e le aziende     Dal Lazio fino alla Sicilia, il Sud Italia in questi ...

13/07/2017

Cresce il comparto delle case in legno, belle ed efficienti

Nel 2015 una casa su 14 in legno, Italia al 4° posto in Europa, il made in Italy sempre più apprezzato anche all'estero     Il Centro Studi Federlegno Arredo Eventi ha presentato il 2° Rapporto Case ed Edifici in Legno che mostra ...

13/07/2017

Piazza Gae Aulenti: il belvedere si tinge di green

piuarch vuole un tetto verde per il Porta Nuova Building.       Con un po' di ritardo rispetto ai colleghi europei, anche la capitale meneghina da qualche tempo ripensa lo sviluppo urbanistico in altezza e senza più freni. Palazzo ...