IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Il potenziale delle alghe come nuova fonte energetica sostenibile

Il potenziale delle alghe come nuova fonte energetica sostenibile

Il Progetto europeo BIOFAT si propone di massimizzare i benefici dalle alghe, riducendo al minimo l'impatto ambientale

Il progetto europeo BIOFAT, finanziato dal Settimo Programma Quadro della Commissione Europea, che proseguirà fino ad aprile del 2016, coinvolge dieci partner provenienti da sette paesi ed è dedicato al potenziale delle alghe come fonte sostenibile di biocarburante e bioprodotti con basse emissioni di gas a effetto serra. 

In particolare in Italia e Portogallo sono state costruite delle strutture di lavorazione su scala pilota, ciascuna con dimensioni pari a mezzo ettaro,  mentre una struttura dimostrativa su scala più grande di dimensioni pari a 10 ettari è attualmente in fase di ultimazione.
I partner del consorzio si sono concentrati su questioni ambientali (come l’uso di specie marine di alghe per limitare l’uso di acqua dolce) e su questioni economiche (come ad esempio ottenere un basso consumo di energia). Questi impianti hanno dimostrato in che modo le tecnologie per produrre biocarburanti dalle alghe funzioneranno da un punto di vista economico, e hanno mostrato che le piattaforme di produzione delle microalghe su larga scala possono essere gestite in maniera efficiente.

Le alghe verdi, una comune seccatura dei laghetti nei giardini, hanno un immenso potenziale come nuova fonte energetica sostenibile e a buon mercato. I biocarburanti prodotti da microalghe garantiscono efficienza energetica, sostenibilità economica e sostenibilità ambientale. I benefici chiave includono il fatto che le alghe sono tra gli organismi fotosintetici che crescono più rapidamente. Esse possono raddoppiare in numero nel giro di poche ore, possono essere raccolte ogni giorno e hanno il potenziale di produrre un volume di biomassa e biocarburante molte volte superiore rispetto a quello delle nostre colture più produttive.

Le alghe inoltre accumulano energia sotto forma di oli e carboidrati, e questo, in combinazione con la loro elevata produttività, significa che possono produrre da due a cinquemila galloni di biocarburanti per acro all’anno. Le alghe producono oli che possono essere trasformati in biodiesel e carboidrati, che possono essere poi fatti fermentare per produrre etanolo.

Dopo l’estrazione dell’olio, la rimanente biomassa algale può essere essiccata e “pellettizzata” e usata come combustibile da bruciare in caldaie industriali e altre fonti per la produzione di energia. Le alghe possono anche essere coltivate per produrre una varietà di prodotti per mercati grandi e piccoli: plastiche, materie prime chimiche, lubrificanti, fertilizzanti e persino cosmetici.

BIOFAT fa parte di un’azione concertata da parte dell’UE volta a utilizzare delle forme alternative di energia, allo scopo di affrontare in modo efficace delle questioni come il cambiamento climatico e l’impatto delle colture per produrre combustibile sulla produzione di cibo e il cambiamento nell’uso del suolo. Il progetto è una delle tre iniziative su grande scala guidate dall’industria mirate a dimostrare la produzione di biocombustibili algali lungo l’intera catena di valore, trattando dalla selezione delle specie fino alla coltivazione e produzione delle alghe, estrazione dell’olio, produzione del biocombustibile e collaudo del biocombustibile per applicazioni nel settore dei trasporti.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
19/07/2018

Gli investimenti energetici nel 2017 non tengono il passo con gli obiettivi di sostenibilit energetica

L'ultimo Rapporto pubblicato dall'IEA mostra nel 2017 un aumento degli investimenti nelle fonti fossili e un calo, dopo diversi anni di crescita, di quelli nelle energie rinnovabili e nell'efficienza energetica      IEA - International ...

13/07/2018

+2% per le rinnovabili nel primo trimestre 2018

Pubblicata l'analisi trimestrale Enea per il periodo gennaio-marzo 2018: crescono i consumi di energia e le rinnovabili grazie all'ottima performance dell'idroelettrico. Emissioni CO2 stabili     Enea ha pubblicato il consueto Rapporto ...

12/07/2018

Continua il viaggio intorno al mondo del catamarano 100% rinnovabile

Rimarrà fino al 16 luglio a Venezia la prima imbarcazione al mondo a zero emissioni alimentata da idrogeno che ha iniziato a navigare nell'estate 2017       Energy Observer è la prima barca al mondo alimentata a ...

10/07/2018

La "Super Finestra" che pu far risparmiare 10 mld di dollari l'anno di costi energetici

Il Laboratorio Nazionale Lawrence Berkeley del Dipartimento dell'Energia (Berkeley Lab) sta lavorando con i produttori per portare sul mercato una "super finestra" che sia almeno due volte più isolante del 99% delle finestre presenti sul ...

05/07/2018

Qualche suggerimento per affrontare i rincari di luce e gas

In un recente comunicato ARERA ha anticipato che le nostre bollette subiranno rincari significativi, pari a +6,5% per l'elettricità e +8,2% per il gas. I piccoli accorgimenti per limitare gli aumenti       ARERA, Autorità di ...

29/06/2018

Efficienza e risparmio di CO2 dalla corretta gestione degli impianti di condizionamento

Entro il 2060 la domanda di energia per il raffrescamento sarà superiore a quella per il riscaldamento, con aumento del surriscaldamento. Pubblicato il Global Opportunity Report con indicazioni per l'efficientamento degli impianti di ...

25/06/2018

Risparmio energetico di luce e gas: come contenere i consumi e rispettare lambiente

Qualche consiglio pratico per evitare sprechi energetici nei consumi domestici di luce e gas   a cura di Fabiana Valentini     Luce e gas, quanto mi costate! Nel 2018 le bollette sono diventate ancor più salate rispetto agli anni ...

20/06/2018

In che modo l'evoluzione del sistema energetico influenzer l'esigenza di stoccaggio di energia?

L'Associazione europea per lo stoccaggio dell'energia (EASE) ha pubblicato uno studio che stima la capacità di stoccaggio necessaria per consentire all'Europa di raggiungere i propri obiettivi di decarbonizzazione.     Pubblicato da ...