IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Il Sud Italia brucia, i danni per l’ambiente forse irreparabili

Il Sud Italia brucia, i danni per l’ambiente forse irreparabili

Una tragedia per la biodiversità, per lo più opera di piromani, con danni ancora non quantificabili per il territorio e gravi conseguenze per l’economia e le aziende

 

 

Dal Lazio fino alla Sicilia, il Sud Italia in questi giorni è sconvolto da incendi dolosi che stanno devastando terreni e aree naturali difficilmente recuperabili e creando danni per milioni di euro.

 

Protezione Civile e Vigili del fuoco faticano a domare le fiamme soprattutto in certe aree, come quella di San Vito Lo Capo, dove è stato necessario evacuare via mare circa 700 turisti presenti in un villaggio.

 

Si tratta di una tragedia per il territorio con danni irreparabili per la biodiversità e per l’economia, e grossi problemi anche per le aziende agricole. 
Legambiente nel rapporto Dossier Incendi evidenzia che da metà giugno a oggi sono 26.024 gli ettari di superfici boschive andati in fumo, ovvero il 93,8% del totale della superficie bruciata in tutto il 2016.

 

Viste le temperature molto alte di questi giorni, con le massime superiori di 3,2 gradi rispetto alla media di riferimento a giugno e le piogge in diminuzione del 53%, il livello di allerta rimane chiaramente molto alto. Ma probabilmente sarà necessario attendere la fine dell’estate per comprendere l’entità dei danni, anche se il timore è che sia a rischio la stessa sopravvivenza del territorio, con il pericolo anche di frane e smottamenti quando arriveranno i temporali.

 

Con l’aiuto di Coldiretti proviamo a capire quali siano i danni per l’ambiente.  

Sono circa 400 gli animali tra mammiferi, uccelli e rettili, oltre a una grande varietà di vegetali, che popolano ogni ettaro di macchia mediterranea che, a causa degli incendi, sono scomparsi. Non solo, Coldiretti evidenzia che nei boschi andati a fuoco per anni non potranno esserci attività antropiche tradizionali quali la raccolta della legna, dei funghi e dei piccoli frutti.

 

I danni creati dagli incendi all’ambiente a causa della perdita di biodiversità sono incalcolabili – continua la Coldiretti – con la perdita di vaste aree boschive, oltre che la morte degli animali e dei vegetali, che sono dei veri polmoni verdi e sono fondamentali per il clima e l'ecosistema perché assorbono l'anidride carbonica responsabile dei cambiamenti climatici.

 

Particolarmente difficile è la situazione nel suggestivo Parco Nazionale del Vesuvio, con la presenza di più focolai di origine chiaramente dolosa su più chilometri.

 

Il presidente della Commissione Ambiente della Camera Ermete Realacci si augura che i colpevoli vengano identificati e  che nei casi più gravi sia possibile utilizzare il nuovo reato di “disastro ambientale" introdotto dalla norma 68/2015 sugli ecoreati.

 

Ai danni creati dagli incendi di questo periodo si aggiungono inoltre i problemi dovuti alla siccità e alla tropicalizzazione del clima che richiede che vengano pianificati interventi per garantire che le attività agricole, soprattutto in certe regioni particolarmente colpite dal caldo e dalla mancanza di piogge, possano proseguire.

 

Gli ultimi dati Isac Cnr hanno indicato questa primavera come la terza meno piovosa dal 1800 con precipitazioni in calo del 48%.

 

A questo proposito Roberto Moncalvo presidente Coldiretti sottolinea la necessità di realizzare al più presto interventi strutturali per la raccolta dell’acqua nei periodi più piovosi. “Occorrono azioni di manutenzione, risparmio, recupero e riciclaggio delle acque con le opere infrastrutturali, creando bacini aziendali e utilizzando le ex cave e le casse di espansione dei fiumi per raccogliere l’acqua piovana”.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
21/07/2017

Record Costa Rica con il 99,35% di elettricità da fonti rinnovabili

Nei primi 6 mesi del 2017 in Costa Rica il fabbisogno energetico è stato soddisfatto quasi esclusivamente dalle fonti rinnovabili.     Il Costa Rica, paese dell'America Centrale situato tra Nicaragua e Panama, da ormai parecchio tempo ...

20/07/2017

Per cedere le detrazioni fiscali c’è la piattaforma Creditswap

I benefici energetici e fiscali aumentano se si pianificano interventi più incisivi di riqualificazione. La piattaforma Harley&Dikkinson per ottimizzare l'incontro fra domanda e offerta        La Legge di Bilancio 2017 ...

20/07/2017

Tour Maraîchère, per una banlieue a filiera corta

A pochi chilometri da Parigi l'innovativa doppia fattoria verticale autosufficiente dal punto di vista energetico.     E’ il 2015 quando a Parigi si firma l’accordo COP 21 sulla riduzione del surriscaldamento globale. Se da ...

19/07/2017

Eco materiali per edifici più efficienti e sani

Un progetto europeo mostra il potenziale ancora non sfruttato dei materiali ecologici naturali per migliorare la qualità interna degli ambienti     Il tema dell’efficienza energetica degli edifici è prioritario nelle ...

18/07/2017

Nuovo skyline per Lodi con Torre Zucchetti

L'ormai ex Pirellino rinasce più eco-friendly che mai     In occasione della tanto attesa inaugurazione, si torna a parlare di Torre Zucchetti, la nuova futuristica impresa di Marco Visconti. Realizzato con la collaborazione di MAP ...

13/07/2017

Cresce il comparto delle case in legno, belle ed efficienti

Nel 2015 una casa su 14 in legno, Italia al 4° posto in Europa, il made in Italy sempre più apprezzato anche all'estero     Il Centro Studi Federlegno Arredo Eventi ha presentato il 2° Rapporto Case ed Edifici in Legno che mostra ...

13/07/2017

Piazza Gae Aulenti: il belvedere si tinge di green

piuarch vuole un tetto verde per il Porta Nuova Building.       Con un po' di ritardo rispetto ai colleghi europei, anche la capitale meneghina da qualche tempo ripensa lo sviluppo urbanistico in altezza e senza più freni. Palazzo ...

11/07/2017

Nei prossimi 4 anni 2GW di nuovi impianti per il fotovoltaico italiano

Le fonti rinnovabili sul mix energetico in Italia oggi hanno raggiunto quota 38.5%. Il fotovoltaico italiano nella top 5 mondiale per base installata. Quanto è vicina la grid parity?   A cura di Damiano Cavallaro - Energy&Strategy ...