IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > In Pakistan il parco fotovoltaico più grande del Medio Oriente

In Pakistan il parco fotovoltaico più grande del Medio Oriente

Il Gruppo Conergy ha unito le forze con Ensunt, fornitore di soluzioni energetiche e sviluppatore di progetti, per realizzare 50 MW di energia fotovoltaica per la DACC Power Company Generation Limited (DPGCL). Il progetto sarà il più grande impianto fotovoltaico in Pakistan e uno dei progetti di riferimento per tutto il Medio Oriente e per la regione indiana.
Il progetto di Bahawalpur, città situata nella regione di Cholistan, è di proprietà del governo pakistano e di DPGCL, che hanno assunto Conergy per fornire la pianificazione generale, l'ingegneria e la progettazione del parco fotovoltaico. Conergy fornirà inoltre i suoi componenti premium "Made in Germany" per questo progetto su larga scala. Successivamente Ensunt fornirà l'implementazione locale, nonché i lavori di costruzione sul sito.
L'obiettivo principale di questo progetto sarà facilitare l'accesso ad una fonte di alimentazione energetica per la popolazione pakistana e, al tempo stesso, rendere il paese meno vulnerabile alle interruzioni di corrente.
Doug Melvin, Presidente di DPGCL, ha dichiarato: "Questo impianto fotovoltaico di 50 megawatt è il più importante progetto fotovoltaico per il governo del Pakistan. Attualmente, la regione è fortemente dipendente dalle centrali idroelettriche come fonte di energia. I risultati sono notevoli oscillazioni nella fornitura energetica, interruzioni di corrente o insufficienza di energia. In risposta alle richieste del Presidente, il Primo Ministro e il Consiglio dei Ministri stanno lavorando per prevenire l'insufficienza energetica, fornendo nel contempo una fonte di energia pulita e rinnovabile, uno sviluppo economico sostenibile e la creazione di posti di lavoro in Pakistan."
DPGCL e Ensunt hanno collaborato con Conergy per assistere il governo del Pakistan ad essere più sensibile ai bisogni delle persone e attenuare l'insufficienza energetica in tutto il Pakistan.
"Dopo un confronto completo dei prodotti e delle capacità, DPGCL e Ensunt hanno scelto Conergy per la fornitura di tutte le nostre esigenze. Stiamo addirittura puntando al di là di suddetti 50 megawatt. È una grande comodità per DPGCL e il governo pakistano collaborare con una società del calibro di Conergy, come unico fornitore di pianificazione, progettazione e componentistica in Pakistan. Siamo certi che a lungo termine la qualità eccezionale dei componenti Conergy e la sua comprovata esperienza ripagheranno attraverso la fornitura di energia stabile", ha aggiunto Doug Melvin.
Marc Lohoff, Membro del Consiglio di Conergy e CSO di Conergy Asia e America, ha dichiarato: "Questo progetto prestigioso è una pietra miliare per Conergy e il team dell'Asia e del Medio Oriente. Ciò dimostra che siamo estremamente ben posizionati nei mercati asiatici in crescita e che gli investitori si fidano di Conergy per progetti importanti, soprattutto quelli che puntano sulla qualità e sull'esperienza a lungo termine. Il potenziale in Pakistan è smisurato: attualmente, solo il 63% della popolazione totale del paese è fornito energeticamente. Essendo questo tipo di energia decentrata e grazie ai livelli di elevata insolazione, l'energia fotovoltaica è ideale per colmare tale lacuna e per rifornire la popolazione di energia sicura, pulita e conveniente. Allo stesso tempo, l'energia fotovoltaica è in grado di supportare lo sviluppo economico del Paese ".
Il Dr. Philip Comberg, CEO di Conergy, ha aggiunto: "Finora siamo molto soddisfatti dello sviluppo della nostra attività nel secondo trimestre del 2012. Questo è un altro passo in avanti nella programmazione dei nostri interessanti progetti per il 2012. Sottolinea l'importanza del mercati fotovoltaici asiatici, la loro crescita potenziale e, oltretutto, riflette l'ottimo accesso ai mercati, la presenza globale e le ambizioni in Asia da parte di Conergy. Abbiamo preso la giusta decisione concentrandoci sui mercati in crescita e puntiamo ad aumentare la nostra presenza non solo in Asia ma anche in America."
Una volta che la centrale risulterà completata, i 210.000 moduli Conergy PowerPlus posizionati su circa 210 km di sistemi di montaggio Conergy SolarLinea produrranno più di 78 GWh di energia pulita all'anno. Più di 140 inverter centrali IPG 300C andranno poi ad alimentare la rete elettrica fotovoltaica del Pakistan, fornendo energia per 30.500 famiglie. Oltre alla famiglie, anche l'agricoltura beneficerà da questa energia: ad esempio utilizzandola per far funzionare le pompe d'acqua nei campi e nelle colture. Un'alimentazione energetica affidabile è oltremodo essenziale per mantenere la produttività delle imprese e dell'economia.
A causa dell'insufficienza energetica del Pakistan, alcune sezioni del paese possono essere lasciate di tanto in tanto senza fornitura di energia, addirittura fino a 18 ore al giorno. Ciò comporta minore produttività, instabilità economica e tensioni sociali. Il governo pakistano ha reagito alla situazione con la demolizione dei dazi per le importazioni sui sistemi fotovoltaici, anche creando incentivi agli investimenti sugli impianti stessi. Con 8-9 ore di sole al giorno e valori annuali di insolazione pari a più di 1.700 kWh/m2, le condizioni climatiche in Pakistan sono ideali. Il governo del paese spera dunque di raggiungere una maggiore stabilità sociale ed economica nel paese, attraverso investimenti nel fotovoltaico e un approvvigionamento energetico più stabile.

TEMA TECNICO:

Solare fotovoltaico

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
19/01/2017

Nel 2016 cala la produzione fotovoltaica

Il "Rapporto statistico solare fotovoltaico" Pubblicato dal GSE evidenza un calo del 4,3% della produzione fv dei primi 11 mesi del 2016 rispetto allo stesso periodo del 2015     Come ogni anno il GSE, pubblica il “Rapporto statistico - ...

16/01/2017

Nel deserto israeliano la più alta torre solare del mondo

La torre Ashalim sarà alta 250 metri e riceverà la luce riflessa da un campo di 50.000 pannelli eliostati     E’ in costruzione nel deserto israeliano del Negev la torre solare più alta del mondo che con i suoi 250 ...

13/01/2017

Al Campus di Savona autonomia energetica e rinnovabili

Lo Smart Energy Building vanta autosufficienza energetica grazie a geotermia, fotovoltaico e movimento degli studenti       Prosegue l’impegno del Campus di Savona quale Centro di Innovazione nazionale sulle tecnologie per la Smart ...

09/01/2017

Il Milleproroghe ferma obbligo rinnovabili al 35%

Rinviato al 2018 l’obbligo della quota del 50% di utilizzo delle rinnovabili termiche nei nuovi edifici o per le ristrutturazioni rilevanti  
Il decreto Milleproroghe, pubblicato nella Gazzetta ufficiale 304 del 30 dicembre scorso, ...

23/12/2016

Nei primi 9 mesi del 2016 fotovoltaico ed eolico coprono il 14% della domanda di energia

Raggiunto da gennaio a settembre il massimo storico di produzione da eolico e solare, mentre calano in contemporanea le emissioni di CO2 e i consumi energetici     L'Enea ha pubblicato il Bollettino del Sistema Energetico Italiano dedicato al ...

21/12/2016

Il fotovoltaico più economico dell’eolico e del carbone

L’ultimo Rapporto pubblicato da Bloomberg New Energy Finance, evidenzia che il mondo green è arrivato a un punto di svolta e che i mercati emergenti stanno superando le economie forti grazie ai pannelli a basso costo.     Il ...

19/12/2016

Cala la produzione fotovoltaica nel 2016

Pubblicata dal GSE un’analisi preliminare sulla produzione fotovoltaica nei primi 9 mesi dell’anno che segna un -4.1%       Il GSE ha pubblicato l’analisi preliminare dedicata alla “Produzione fotovoltaica in Italia ...

15/12/2016

Rinnovabili in Italia in crescita, attesi lavoro e investimenti

Dal 2016 al 2020 saranno installati circa 3,7 GW di potenza aggiuntiva da fonti rinnovabili, per un investimento di oltre 7 miliardi di euro. Crescono gli occupati scendono i costi in bolletta     Il GSE ha pubblicato uno Studio sugli scenari ...