IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Integrazione architettonica nelle facciate

Integrazione architettonica nelle facciate

Sfruttamento di energia solare e progettazione integrata costituiranno un binomio sempre piú fondamentale nel settore edilizio.
La politica europea ed anche quella italiana si stanno impegnando a promuovere l'efficienza energetica e l'utilizzo di energie rinnovabili all'interno degli edifici, in particolare con le direttive europee EPBD (Energy Performance Building Directive, 2010/31/EU) e RES (Renewable Energy Sources, 2009/28/CE) e con il Piano di Azione Nazionale per le Energie Rinnovabili, che prevede un obbligo di potenza minima installata da FER (fonti energia rinnovabile) in edilizia come azione di programma.
Un nuovo approccio è dunque richiesto per la progettazione degli edifici, considerando che essi dovranno essere in grado di produrre una parte dell'energia che consumano utilizzando fonti rinnovabili: il fabbisogno elettrico in particolare potrebbe essere coperto da sistemi fotovoltaici integrati nell'edificio e che quindi producono energia in loco.
Integrare efficacemente la tecnologia fotovoltaica in architettura significa ripensare all'involucro edilizio come ad un sistema attivo, in grado non solo di isolare e proteggere l'edificio dagli agenti esterni ma anche di produrre energia. Inoltre, accanto agli aspetti legati all'efficienza e massimizzazione della produzione, altri fattori di tipo estetico-formale entrano in gioco e devono essere considerati fin dalle prime fasi della progettazione dell'edificio.
Dal punto di vista della performance energetica, i moduli fotovoltaici integrati nell'edificio si trovano generalmente ad operare in condizioni piú sfavorevoli rispetto alle installazioni standard a terra e per tanto è importante adottare alcuni accorgimenti in fase di progettazione.
Le principali problematiche che si riscontrano in questo tipo di sistemi sono legate a tre fattori: l'orientamento non ottimale, la presenza di ombreggiamenti anche parziali e l'aumento della temperatura dei moduli.
Spesso infatti i moduli integrati si trovano ad operare in adiacenza ad altre superfici e, in mancanza di un'opportuna ventilazione o sistema di raffrescamento, questo determina l'aumento della temperatura delle celle ed una conseguente perdita di performance che dipende dal coefficiente di temperatura della tecnologia utilizzata.
Il sistema fotovoltaico integrato nelle facciate dell'edificio Ex Post a Bolzano, rappresenta un interessante caso studio per l'analisi e la valutazione degli aspetti sopra citati. Si tratta di un impianto retrofit costituito da 26,73 KWp di moduli in silicio policristallino suddiviso in due facciate rivolte rispettivamente a sud-est e sud-ovest. L'Istituto per le Energie Rinnovabili di EURAC Research sta monitorando ed analizzando il funzionamento di tale impianto da febbraio 2010.
Durante i sei mesi di monitoraggio da febbraio a luglio, l'impianto ha prodotto 10123 KWh ed i moduli hanno operato ad una temperatura media giornaliera (tra le 6:00 e le 18:00) di 25,3°C, non molto distante dalle condizioni standard STC. È interessante peró sottolineare che durante le ore piú produttive (ore centrali della giornata) le celle fotovoltaiche si trovano ad operare ad una temperatura molto maggiore determinando una perdita di produzione. La temperatura piú alta è stata registrata il 23 luglio ed è pari a 57,4°C. In quel momento dunque, considerando il coefficiente di temperatura dei moduli, il sistema sta perdendo il 15,4% della sua produzione di potenza a causa dell'alta temperatura.
I valori di temperatura raggiunti in questo sistema tuttavia, rimangono notevolmente al di sotto di quelli misurati in altri casi studio presentati all'interno del progetto europeo EU IP Performance [Actual Temperatures of Building Integrated PV Modules, Berrei va Kampen. 2008], dove vengono raggiunti valori di temperatura fino a 85°C.
Un'altra problematica tipica dei sistemi fotovoltaici integrati è costituita dalla presenza di ombreggiamenti che sono spesso dovuti alla morfologia del territorio ed alla presenza di ostacoli o altri edifici.
Poiché all'interno di una stringa i moduli sono collegati in serie, anche l'ombreggiamento parziale di un singolo modulo influenza la performance dell'intero sistema.
Considerando il caso studio dell'edificio Ex Post ad esempio, le simulazioni teoriche mostrano una perdita di produzione causata dall'ombreggiamento pari al 13%.
Nella progettazione di questo tipo di sistemi è perció essenziale tenere in considerazione questi fattori al fine di minimizzare le perdite dovute all'orientamento non ottimale, alla temperatura ed agli ombreggiamenti.
La scelta della tecnologia fotovoltaica piú adatta considerando l'orientamento e le caratteristiche climatiche del luogo, la presenza di ventilazione o di un sistema di raffrescamento e la disposizione delle stringhe in considerazione dell'ombreggiamento del sistema, sono aspetti fondamentali per garantire la buona performance del sistema.
L'Accademia Europea di Bolzano (EURAC) è un innovativo centro di ricerca e di formazione impegnato in cinque aree scientifiche. All'interno di Eurac, l'Istituto per le Energie Rinnovabili conduce attività di ricerca applicata nel campo dell'energia solare e della gestione dell'energia negli edifici.

A cura di Ing. Laura Maturi, Ricercatrice presso l'Istituto per le Energie Rinnovabili di Eurac Research, all'interno del gruppo che si occupa di sistemi fotovoltaici - Fonte SAIE Today 2010
Impianto fotovoltaico edificio Ex-Poste di Bolzano

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
23/10/2017

Fotovoltaico a basso costo e alta efficienza grazie al grafene

Grafene e ossido di grafene su celle di perovskite completamente inorganica per il fotovoltaico del futuro, economicamente conveniente e sostenibile     Un gruppo di Ricerca guidato da Anna Vinattieri, docente di Fisica sperimentale ...

20/10/2017

Il progetto NeighborHub vince il Solar decathlon 2017

Il Solar Decathlon di Denver negli USA è stato vinto da un team svizzero con il progetto NeighborHub, una casa solare a servizio del quartiere e della comunità     Il team svizzero composto da partecipanti dell'Ecole ...

18/10/2017

La componentistica fattore essenziale per l'affidabilit degli impianti fotovoltaici

Per l’affidabilità e l’efficienza del pannello fotovoltaico è importante considerare i materiali di cui è fatto e la componentistica     DuPont ha organizzato un convegno dedicato alle "Strategie di mitigazione ...

16/10/2017

Posata la prima pietra del primo smart district di Milano

UpTown sarà uno smart district verde, ecosostenibile, caratterizzato da spazi di aggregazione e di socializzazione, domotica e servizi pubblici facili da fruire     Sono partiti i lavori per la realizzazione di UpTown, il primo ...

11/10/2017

Blocchi di vetro innovativi per soddisfare i fabbisogni energetici degli edifici

I mattoni di vetro Solar Squared potrebbero rappresentare una soluzione ai problemi di progettazione dell'energia solare dell'edilizia 
    Gli esperti di energie rinnovabili e sistemi fotovoltaici integrati in edilizia (BIPV) ...

10/10/2017

Impianto fotovoltaico sperimentale e innovativo a Lampedusa

E' stato inaugurato presso il centro Enea della bellissima isola siciliana un impianto che integra fotovoltaico, sistema di accumulo e software innovativo EMS 
 
Enea, nell'ambito delle proprie attività di ricerca e innovazione ...

05/10/2017

Un futuro sempre pi brillante per le energie rinnovabili

Nei prossimi 5 anni il fotovoltaico entrerà in una nuova era rivoluzionando il settore delle rinnovabili che nel complesso entro il 2022 copriranno il 30% della produzione di energia.     Le rinnovabili nel 2016, grazie soprattutto alla ...

04/10/2017

Peninsula Place primo progetto in Inghilterra di Santiago Calatrava

Il famoso architetto spagnolo sbarca in Inghilterra per realizzare un progetto di rinnovamento urbano nell’area di Greenwich       L’archistar Santiago Calatrava lascerà il segno nella città di Londra: il ...