IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > L'ANEV presenta i veri extra costi dell'eolico in italia

L'ANEV presenta i veri extra costi dell'eolico in italia

L'Anev chiede al Governo di guidare il settore eolico verso livelli europei, tramite una corretta rimozione delle barriere amministrative, economiche e tecnologiche che consentirebbero di ridurne il costo improprio in maniera significativa. Alla luce delle seppur marginali riduzioni della tecnologia, emerse dallo studio Bloomberg, l'Anev sottolinea che è il momento di eliminare gli extracosti che solo in italia gli imprenditori affrontano e che rendono le rinnovabili più care che nel resto d'Europa. Eliminando i costi delle inefficienze e dei trasferimenti agli enti locali (pari a circa 40,00 €/mwh) e beneficiando della prevedibile ulteriore riduzione dei costi della tecnologia, l'eolico in italia potrebbe raggiungere entro il 2020 la grid parity.

La positiva riduzione, seppur marginale, del costo degli aerogeneratori eolici valutata dallo studio: "Wind Turbine Price Index di Bloomberg New Energy Finance" in qualche punto percentuale, è un importante elemento di valutazione e deve essere correttamente analizzato.
 
Innanzitutto come si evince analizzando lo studio nel dettaglio, tale seppur marginale riduzione di costo e relativa a ordini effettuati dai soli big players e ancor più relativa ad ordini per potenze di 250 MW.
 
Questo significa ovviamente che il prezzo ottenuto, e correttamente riportato dallo studio, si avvantaggia dall'essere riferito a controparti forti che sono riuscite a massimizzare i valori economici dei loro ordini. Altro importante elemento riguarda l'importante apprezzamento valutario avvenuto nel 2010 da parte dell'Euro rispetto al dollaro, contestualmente al consolidamento del mercato mondiale (extra europeo) degli aerogeneratori che oggi sono prevalenti rispetto a quelli europei.
 
Ultima questione è relativa a come questo studio si possa applicare all'Italia e se sia corretta per il nostro Paese la valutazione economica fornita. La risposta è sostanzialmente positiva con piccole correzioni dovute non al costo della tecnologia eolica, che è uguale in ogni parte del mondo e anche in Italia, ma nei costi di trasporto e costruzione che nel nostro Paese sono leggermente maggiori a causa della maggiore complessità orografica e infrastrutturale. Ultimo aspetto positivo che ha ulteriormente contribuito alla riduzione dei costi dell'eolico nel 2010 è stato l'aumento medio della potenza dei singoli aerogeneratori che si avvicina ai 3 MW cosa che ovviamente consente una riduzione complessiva di costo per macchina dovuta anche ad economie di scala.
 
In conclusione l'ANEV auspica, e si attende, una riduzione ben maggiore di quella già avvenuta del costo finale di installazione dell'eolico, che consenta entro il 2020 all'eolico di raggiungere per le nuove installazioni la grid-parity. In parallelo però è indispensabile che in Italia vengano rimossi quegli elementi di inefficienza che oggi rallentano lo sviluppo delle rinnovabili, e che nel resto d'Europa non esistono.
 
La semplice azione di semplificazione potrebbe infatti portare alla riduzione dei costi finali in maniera assai più rapida di quanto la riduzione dei costi della tecnologia possa fare, e potrebbe far scendere dal 1,59 milioni a MW attuali almeno a 1,25 milioni a MW per il nostro Paese.
 
Tale riduzione potrebbe contestualmente far scendere il valore necessario dell'incentivo dai 159,00 €/MWh necessari oggi, ai 119,30 €/MWh a parità di durata (15 anni). Infine non può essere tralasciato un ultimo aspetto, la cui valutazione deve essere demandata al Governo centrale, e che riguarda gli importi che i produttori di energia eolica riconoscono ai Comuni e che tipicamente arrivano al 5% del ricavo cui vanno aggiunte le imposte locali per un ulteriore 1%. Tale onere che di fatto si configura come trasferimento di risorse agli Enti locali per il tramite degli imprenditori eolici NON può essere poi opposto agli stessi come troppo elevato livello di incentivazione.
 

 
 

TEMA TECNICO:

Eolico

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
05/10/2017

Un futuro sempre pi brillante per le energie rinnovabili

Nei prossimi 5 anni il fotovoltaico entrerà in una nuova era rivoluzionando il settore delle rinnovabili che nel complesso entro il 2022 copriranno il 30% della produzione di energia.     Le rinnovabili nel 2016, grazie soprattutto alla ...

04/10/2017

In UE al 2030 dall'eolico il 30% della domanda di energia

L’eolico potrebbe soddisfare nel 2030 il 30% della domanda elettrica europea, garantendo investimenti e posti di lavoro. Italia indietro rispetto agli altri paesi  
    WindEurope, Associazione europea dell’eolico, ha ...

03/10/2017

Bene le Regioni italiane sui consumi di energia da rinnovabili

Il GSE ha pubblicato i dati statistici sui consumi di energia rinnovabile nelle Regioni italiane, con monitoraggio degli obiettivi burden sharing. Veneto e provincia di Bolzano hanno praticamente raddoppiato gli obiettivi fissati al ...

14/09/2017

+18% le installazioni di rinnovabili in Italia da gennaio-agosto

Pubblicato l'osservatorio Anie Rinnovabili, ad Agosto 2017 la nuova potenza di fotovoltaico a 291 MW, + 14% rispetto all'anno precedente     Anie Rinnovabili ha pubblicato il consueto Rapporto mensile realizzato su dati Terna, che conferma ...

31/07/2017

Record rinnovabili: + 67% nei primi 6 mesi del 2017

Pubblicato da Anie Rinnovabili il Rapporto FER di giugno che mostra un trend positivo per fotovoltaico, eolico e idroelettrico
 
Crescono le installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico che nel complesso a fine giugno 2017 ...

28/07/2017

Con l'eolico si risparmia acqua e si fa bene all'ambiente

L'eolico negli ultimi 10 anni ha permesso di risparmiare 110 milioni di metri cubi d’acqua, risorsa preziosa ma esauribile.     Cambiamenti climatici, eccessivo consumo del suolo e interventi invasivi hanno portato a una crisi ecologica ...

26/07/2017

Rinnovabili non fotovoltaiche, on line il bollettino GSE

Pubblicato il documento con l'aggiornamento al 31 dicembre 2016 sui meccanismi di incentivazione degli impianti a fonti rinnovabili diversi dal fotovoltaico.        Il GSE ha pubblicato sul proprio sito il ...

10/07/2017

Le rinnovabili tornano a crescere: +66% nei primi 5 mesi del 2017

Grazie agli impianti di grande taglia le FER nel periodo gennaio/maggio raggiungono 432 MW. L’Osservatorio Anie Rinnovabili    
Pubblicato da Anie Rinnovabili il consueto Osservatorio sulle energie rinnovabili elaborato su dati ...