IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > L'energia solare che nasce "on the road"

L'energia solare che nasce "on the road"

Le strade d'America potrebbero produrre tre volte il fabbisogno elettrico della nazione. Chissà se le proporzioni saranno davvero quelle, ma sembra promettente la tecnologia di generazione di energia pulita a partire dalla pavimentazione fotovoltaica della rete viaria: dalle autostrade alle rampe di accesso, senza tralasciare parcheggi, aree di sosta, piste ciclabili.
Poche settimane fa, Scott Brusaw, l'inventore del concetto e fondatore di Solar Power Roadways, ha presentato un prototipo di pannello fotovoltaico sostitutivo dell'asfalto. Nelle intenzioni dell'ingegnere dell'Idaho lo speciale manto stradale non solo capta l'energia dei raggi ma assolve la funzione di distribuirla, e perdipiù è in grado di immagazzinarne per applicazioni in loco: ogni modulopannello solare, è fornito da migliaia di Led, con luce bianca e gialla, destinati a disegnare sul fondo stradale una gigantesca segnaletica luminosa orizzontale.
Inoltre è integrato da elementi autoriscaldanti per sciogliere la neve ed evitare la formazione di ghiaccio. L'evoluzione è una strada intelligente, con pannelli intessuti di microscopici sensori wireless in grado di comunicare malfunzionamenti o avvisare il guidatore in caso di attraversamento di pedoni o animali. Brusaw ha ottenuto un contributo di 100mila dollari dal DOT, il dipartimento per i trasporti, per finanziare la prima sperimentazione di strada per ora pedonale pavimentata con tecnologia Solar Roadways. Il pannello è composto da tre strati. Sopra, una superficie traslucida per far passare i raggi solari ma resistente ai carichi elevati, all'acqua e alle intemperie, aderente quanto un asfalto drenante e non riflettente. I costi proibitivi dei vetri speciali, molto più complessi di quelli tradizionali a base di silicio (peraltro la stessa materia prima degli abituali pannelli solari) lo hanno costretto a ripiegare su una superficie in policarbonato. Nel centro del pannello uno strato contenente le celle fotovoltaiche, stavolta sì a base di silicio, e i Led, mentre lo strato alla base racchiude collettori e trasmettitori. Giunti di connessione foderano i lati dei pannelli sicché assemblandoli si compone una rete elettrica interconnessa che si dirama dalle arterie interstatali fino ai viottoli privati. Secondo le assunzioni, certo un po' ottimistiche, della startup, ogni pannello fornisce giornalmente 6,7 MWh. Un miglio (1,6 chilometri) di una strada a 4 corsie richiede 440 pannelli e genera circa 13 MWh di energia rinnovabile al giorno, l'equivalente del fabbisogno medio di 428 abitazioni. Ipotizzando l'applicazione sull'intera infrastruttura viaria si otterrebbe una produzione di oltre 13mila TWh, appunto le tre volte quella consumata negli Usa, all'incirca il consumo mondiale. Una siffatta rete stradale porterebbe un'impennata allo sviluppo del trasporto elettrico. Unico punto debole: viene postulato un tempo medio di 4 ore di insolazione, senza tener conto delle giornate di maltempo e del fatto che l'inclinazione orizzontale del pannello riduce la produttività.
Sull'asfalto come un immenso collettore di energia solare sta indagando anche un gruppo di ricercatori del Worcester Polytechnic Institute del Massachussetts, che in particolare analizza le proprietà dello scambio termico: per tutto il giorno il manto stradale assorbe i raggi del sole, immagazzinando un'immensa quantità di energia dissipata durante la notte. Inserendo sotto la superficie stradale una rete di condutture di acqua questa una volta scaldata può essere utilizzata per scaldare edifici limitrofi o fatta passare attraverso generatori termoelettrici per produrre elettricità. La sfida tecnica del progetto sostenuto dall'azienda, anch'essa statunitense, Novotech, è trovare i materiali adatti per massimizzare l'assorbimento di calore e la conduttività termica. Tra le diverse composizioni di asfalto quella con l'aggiunta di quarzite ha dato le migliori prestazioni. In Europa, infine, c'è Road Energy System, brevetto dell'olandese OOms Avenhorn Groep che lo ha applicato con successo anche in Belgio e Inghilterra. Sotto il manto stradale sono collocati dei tubi nei quali scorre un fluido riscaldato grazie all'assorbimento dell'energia solare da parte dell'asfalto. Due serbatoi, uno per l'acqua calda e l'altro per l'acqua fredda sono scavati a circa 80 metri di profondità e collegati alle tubature. Da uno di questi, è pompata l'acqua fredda utilizzata per raffreddare d'estate gli edifici limitrofi alla strada. E l'acqua calda viene pompata e impiegata per il riscaldamento degli edifici e per sciogliere il ghiaccio sull'asfalto.
 
Fonte www.repubblica.it - PATRIZIA FELETIG

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
16/01/2017

Nel deserto israeliano la più alta torre solare del mondo

La torre Ashalim sarà alta 250 metri e riceverà la luce riflessa da un campo di 50.000 pannelli eliostati     E’ in costruzione nel deserto israeliano del Negev la torre solare più alta del mondo che con i suoi 250 ...

13/01/2017

Al Campus di Savona autonomia energetica e rinnovabili

Lo Smart Energy Building vanta autosufficienza energetica grazie a geotermia, fotovoltaico e movimento degli studenti       Prosegue l’impegno del Campus di Savona quale Centro di Innovazione nazionale sulle tecnologie per la Smart ...

09/01/2017

Il Milleproroghe ferma obbligo rinnovabili al 35%

Rinviato al 2018 l’obbligo della quota del 50% di utilizzo delle rinnovabili termiche nei nuovi edifici o per le ristrutturazioni rilevanti  
Il decreto Milleproroghe, pubblicato nella Gazzetta ufficiale 304 del 30 dicembre scorso, ...

05/01/2017

Crescono le rinnovabili, diminuisce la dipendenza energetica

L'Istat ha pubblicato l'edizione 2016 dell’Annuario statistico italiano che traccia una fotografia dei principali settori in Italia, tra cui ambiente ed energia.     L’Istat ha pubblicato l’edizione 2016 dell’Annuario ...

23/12/2016

Nei primi 9 mesi del 2016 fotovoltaico ed eolico coprono il 14% della domanda di energia

Raggiunto da gennaio a settembre il massimo storico di produzione da eolico e solare, mentre calano in contemporanea le emissioni di CO2 e i consumi energetici     L'Enea ha pubblicato il Bollettino del Sistema Energetico Italiano dedicato al ...

23/12/2016

Progetto #greenlight, per l'efficienza energetica nelle gallerie

Investimento da 155 milioni di euro per il risparmio energetico nelle Gallerie gestite da Anas e l'aumento della sicurezza       Illuminazione efficiente, risparmio energetico e aumento della sicurezza nelle Gallerie della rete stradale di ...

23/12/2016

Via libera al piano energetico delle Marche che spinge sulle rinnovabili

Obiettivo del piano è la diminuzione del consumo regionale di energia del 20% e di portare al 25.8% il contributo delle energie rinnovabili     Il Consiglio regionale delle Marche ha approvato Piano Energetico Ambientale Regionale (PEAR ...

21/12/2016

Il fotovoltaico più economico dell’eolico e del carbone

L’ultimo Rapporto pubblicato da Bloomberg New Energy Finance, evidenzia che il mondo green è arrivato a un punto di svolta e che i mercati emergenti stanno superando le economie forti grazie ai pannelli a basso costo.     Il ...