IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > L’Europarlamento approva un pacchetto ambizioso per l’economia circolare

L’Europarlamento approva un pacchetto ambizioso per l’economia circolare

Il parlamento europeo ha fatto approvato quattro proposte legislative che introducono nuovi obiettivi relativi al riutilizzo, il riciclaggio e lo smaltimento in discarica dei rifiuti

 

 

 

La proposta approvata dall'Europarlamento nella seduta del 14 marzo nasce dall'obiettivo di produrre meno rifiuti per passare a un sistema di economia circolare e prevede l’aumento, entro il 2030, dal 44 al 70% della percentuale di rifiuti solidi urbani, familiari e di piccole imprese, da riciclare e all’80% per gli imballaggi, quali carta e cartone, plastica, vetro, metallo e legno. La Commissione europea aveva proposto il 65%.

 

Inoltre i deputati hanno proposto di limitare la quota di smaltimento in discarica dei rifiuti urbani al 2030 al 10%, con il suggerimento di arrivare al 5%, ma è prevista una proroga di cinque anni a determinate condizioni per gli Stati membri che, nel 2013, hanno portato in discarica più del 65% dei loro rifiuti urbani.

 

Per quanto riguarda i rifiuti alimentari che nell’UE nel 2014 sono stati di circa 89 milioni di tonnellate, pari a 180 kg pro-capite annui, la proposta è quella di arrivare a una diminuzione del 30% per il 2025 e del 50% entro il 2030.


Le statistiche relative al 2014 mostrano che il 44% di tutti i rifiuti urbani dell’UE è riciclato o compostato, a fronte di un dato del 31% del 2004.
Entro il 2020, gli Stati membri dell’UE dovrebbero essere in grado di riciclare o compostare più del 50% dei rifiuti.
Le proposte rafforzano inoltre le disposizioni UE sulla prevenzione dei rifiuti e sull’estesa responsabilità del produttore, semplificando le definizioni, gli obblighi di comunicazione e i metodi di calcolo per gli obiettivi.

 

Il Parlamento dovrà ora negoziare il testo con il Consiglio dei ministri UE.


Soddisfatta la relatrice della proposta Simona Bonafè, che ha sottolineato che il pacchetto è stato approvato a larga maggioranza, riproponendo obiettivi ambiziosi per il riciclaggio e la discarica, in linea con quanto la Commissione aveva inizialmente proposto nel 2014.
Ad oggi per quanto la gestione dei rifiuti nei paesi dell’Unione sia decisamente migliorata negli ultimi decenni, quasi un terzo dei rifiuti urbani viene smaltito in discarica e meno della metà viene riciclato o compostato, è quindi necessario che tutti i paesi si impegnino maggiormente, così da assicurare benefici per l’ambiente, il clima, la salute umana, in una reale transizione transizione a un'economia circolare in cui si crei valore in tutto il ciclo di vita di un prodotto.


Grazie alle proposte approvate è possibile trasformare l’emergenza rifiuti in una grande opportunità economica ed occupazionale. Questo il commento di Legambiente. Il raggiungimento degli ambiziosi obiettivi introdotti dalle proposte legislative – secondo la valutazione della stessa Commissione Europea – permetterebbe di creare 580 mila posti di lavoro, con un risparmio annuo di 72 miliardi di euro per le imprese europee grazie ad un uso più efficiente delle risorse e quindi ad una diminuzione delle importazioni di materie prime.
Ma secondo Legambiente i posti di lavoro potrebbero crescere ulteriormente, sino a 867 mila se, all’obiettivo del 70% di riciclaggio si accompagnassero a livello europeo e nazionale anche misure ambiziose per il riuso, in particolare nell’arredamento ed il tessile. Solo nel nostro paese si possono creare almeno 190 mila nuovi posti di lavoro, al netto dei posti persi a causa del superamento dell’attuale sistema produttivo.

 

Anche il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti ha commentato positivamente il testo approvato, molto elevato nei target e che, per quanto riguarda il nostro paese, non potrà prescindere dall’armonizzazione delle regole, ovvero una spinta di pari intensità da parte degli Stati membri e un’effettiva comparabilità tra le loro performance.

TEMA TECNICO:

Normativa

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
11/01/2018

Novità della Legge di Bilancio su Super e Iper ammortamento

La Legge di Bilancio ha prorogato per tutto il 2018 super e iper ammortamento, forme di agevolazione legate agli investimenti in beni materiali. Fisco Oggi, la rivista telematica dell’Agenzia delle Entrate, ha pubblicato un utile vademecum per ...

04/01/2018

Costo dell’elettricità ridotto per le imprese energivore

Dal 1° gennaio sono attive le agevolazioni definite dal decreto del 21 dicembre che prevede la riduzione del costo dell’energia per le imprese manifatturiere energivore     Lo scorso 21 dicembre, a conclusione di un complesso lavoro ...

03/01/2018

Firmato il Decreto per il fondo Nazionale per l'efficienza energetica

Ministero dello Sviluppo Economico e dell'Ambiente, con il concerto del Ministro dell'Economia, hanno firmato lo scorso 27 dicembre il decreto di costituzione del Fondo nazionale per l’efficienza energetica.     Con quasi tre ...

27/12/2017

Il Bilancio 2018 è Legge, le novità per ecobonus e sismabonus

Cosa cambia per ecobonus + sismabonus, ecobonus al 65% per le caldaie in classe A con termoregolatori,  bonus verde, e tanto altro       Nella seduta del 23 dicembre il Senato, con 140 sì e 97 no, ha approvato in via definitiva ...

11/12/2017

Requisiti di competenza di chi opera negli impianti fotovoltaici

Disponibile la UNI CEI TS 11696:2017 "Attività professionali non regolamentate - Figure professionali operanti sugli impianti fotovoltaici - Requisiti di conoscenza, abilità e competenza"     Il CTI, Comitato ...

13/11/2017

15 milioni per le diagnosi energetiche delle PMI

Pubblicato il Bando dal ministero dello Sviluppo Economico a sostegno delle PMI per la realizzazione di diagnosi energetiche in modo da efficientare i loro consumi   Il ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato il bando 2017 destinato a ...

13/11/2017

SEN 2017: Italia fuori dal carbone dal 2025

Presentato a Palazzo Chigi il testo definitivo della Strategia Energetica Nazionale, che prevede un investimento di 175 miliardi, di portare le rinnovabili al 55% nei consumi elettrici al 2030 e fine carbone al 2025       Il ...

08/11/2017

Proposte per migliorare l'ecobonus per il 2018

L’analisi di Virginio Trivella di Rete Irene del testo della Legge di Bilancio 2018 e alcuni suggerimenti per ottimizzare l’ecobonus     Virgino Trivella, coordinatore del Comitato tecnico scientifico di Rete Irene, ci propone ...