IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > L'importanza del ritorno degli investimenti nelle costruzioni green

L'importanza del ritorno degli investimenti nelle costruzioni green

Lo scorso 26 ottobre il Festival della Scienza di Genova ha ospitato la conferenza organizzata da BAEC - consulenza globale per le costruzioni - "Il futuro Eco-nomico delle costruzioni - L'importanza del ritorno degli investimenti nelle costruzioni green", con l'obiettivo di animare il dibattito sull'edilizia green per individuare un punto di incontro tra l'esigenze ambientali/energetiche e quelle strettamente finanziarie, sensibilizzando domanda e offerta sull'importanza di innovare il processo produttivo per un'edilizia realmente sostenibile.
Dalla conferenza è emerso un nodo che deve essere sciolto per rendere sostenibile economicamente l'edilizia green e soprattutto per rilanciare il mercato immobiliare: l'extraprofitto, che oggi si dividono i proprietari dei terreni e gli immobiliaristi. Infatti, riducendo questa voce sarà possibile mettere sul mercato immobili - nuovi o ristrutturati - con elevata efficienza energetica senza aggravio di costi oggi non più sostenibili dall'acquirente, al di là della contingente contrazione del credito.
Oggi il mercato immobiliare deve fare i conti con le direttive europee che incentivano l'efficienza energetica da un lato ed il cattivo andamento economico che disincentiva gli investimenti dall'altro. "In questa situazione, immobiliaristi e proprietari dei terreni non possono più permettersi di ottenere l'impressionante extraprofitto di cui fino ad oggi hanno beneficiato" - sottolinea il Prof Alberto Pavan docente di Project Management presso la facoltà di Ingegneria del Politecnico di Milano e fondatore di BAEC - "devono decidersi a investire in efficienza energetica parte di quella fetta di profitto che risulta dalla differenza tra il prezzo naturale del prodotto (costruzione, pm sviluppo, progetto, oneri, credito, area e profitto ordinario) e il prezzo di mercato". Questa differenza ha un peso molto elevato. Dalla ricerca di BAEC risulta che ad esempio, per un appartamento del valore di 3.000€ al mq nella periferia di Milano, l'extraprofitto può pesare fino al 20%; mentre per un appartamento del centro del valore di
13.000€ al mq, superare il 40%. In sostanza, con una riduzione dell'extra si potrebbero immettere sul mercato degli immobili con un'ottima efficienza energetica senza aumentare il prezzo all'utenza finale rendendo così appetibile l'acquisto degli immobili.
"Per raggiungere questi obiettivi, ha aggiunto l'arch. Elisabetta Aiazzone, esperta di efficienza energetica Casaclima e coordinatrice della conferenza, è necessario sviluppare anche un nuovo business model coordinato da un altrettanto nuova figura professionale: l'Efficiency Manager in grado di gestire tutti i processi dalla produzione dell'energia, passando per la trasmissione e la distribuzione, alla gestione della performance degli edifici con il bilanciamento edificio-impianto, sino ai consumi finali dell'energia primaria, senza trascurare le problematiche urbanistiche come quelle finanziarie e di accesso al credito".

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
18/07/2018

Larcipelago di Vega, patrimonio Unesco, ospita il suo primo centro per visitatori

La prossima primavera si inaugura il centro visite del sito Unesco dell’Arcipelago Vega. Una struttura sobria, elegante, realizzata con materiali robusti e naturali. Un manifesto della cultura popolare norvegese, incastonato in un paesaggio ...

13/07/2018

Vivere e lavorare in un edificio BIO in legno

Il titolare dell’Azienda Agricola Debiasi ha affidato a Vario Haus la realizzazione di un edificio totalmente sostenibile, che ospita l’abitazione, il laboratorio e il punto vendita     Stefano Debiasi, titolare dell’omonima ...

12/07/2018

Casa G a energia quasi 0 realizzata in bioarchitettura

Dalla riqualificazione di un rustico di fine 800 Tiziana Monterisi Architetto ha realizzato a Moneglia un’abitazione Nzeb utilizzando esclusivamente materiali naturali e spesso poco sfruttati in edilizia quali paglia di riso, argilla, cocciopesto e ...

09/07/2018

Il Politecnico di Torino firma un progetto sostenibile per le Olimpiadi della Cina

Il Politecnico di Torino realizza “Il Parco Dora di Shougang” una delle sedi che ospiteranno le olimpiadi invernali del 2022 in Cina, progetto sostenibile e a “zero consumo di suolo”.     Nasce dalla riqualificazione ...

29/06/2018

Un edificio in sinergia con la lussureggiante natura canadese

Il progetto dell'Audain Art Museum di Patkau Architects insignito del RIBA International Prize 2018, un edificio in vetro e legno immerso nella natura   a cura di Fabiana Valentini     Un edificio di design immerso nella natura e custode ...

27/06/2018

Occitanie Tower, la torre di 40 piani con la spirale verde

Nella zona est di Tolosa sorgerà il primo grattacielo della città. Con i suoi 150 metri di altezza, l’edificio avrà una forma a spirale interrotta solo da un giardino pensile continuo che contrasta con il colore silver delle ...

25/06/2018

A Vancouver il grattacielo di legno pi alto al mondo

L’archistar Shigeru Ban firma Terrace House, ambizioso progetto eco-friendly a Vancouver: un grattacielo ibrido di 71 metri in legno, vetro e acciaio   a cura di Fabiana Valentini     Le città del futuro saranno sempre ...

11/06/2018

Ecolibera, un nuovo progetto immobiliare che fa risparmiare

Ecolibera è un concetto di casa come organismo autosufficiente, capace di sfruttare il sole per produrre energia domestica e per la mobilità elettrica, cibo e acqua calda necessari al supporto vitale di chi la abita. Ecolibera è la tappa ...