IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > L'Italia e gli obiettivi europei

L'Italia e gli obiettivi europei

Saremo in grado di rispettare gli obiettivi europei (il noto 20-20-20, vale a dire avere, entro il 2020, il 20% della produzione energetica ottenuto dalle energie rinnovabili, il miglioramento del 20% dell'efficienza e il 20% in meno di emissioni di anidride carbonica)? E come si stanno sviluppando le fonti rinnovabili in Italia? Domande legittime. E le risposte arrivano a delineare il quadro della probabile situazione che potremmo apprezzare nei prossimi anni. Domande che si sono rivolti alla recente edizione di EnerSolar+. Siamo al 5,5%, in Italia, ma l’obiettivo è il 17%. E entro il 2020, il 20% del consumo energetico europeo dovrà essere soddisfatto dalle fonti rinnovabili. A EnerSolar+, venerdì 27 novembre ’09, con la consulenza tecnico-scientifica di Assolterm (Associazione Italiana Solare Termico), si è tenuta una giornata di studio sugli scenari di sviluppo del solare termico. Tentando di indicare la rotta da seguire per raggiungere i risultati di cui si è detto sopra, Marco Borgarello, dell’ERSEaprendo i lavori della giornata, ha dato rigorosa forma alle mosse da farsi: per ottemperare agli impegni comunitari, l’Italia dovrà non solo consumare meno energia ma “triplicare l’attuale quota di fonti rinnovabili impiegate nella produzione energetica”. Va esaltato, per ciò, l’apporto fornito dal solare termico. La dott.ssa Valeria Verga, di Assolterm, ha precisato che “il solare termico è ormai maturo” e in grado di offrire un contributo non vacillante nell’arco di pochi anni.
Altra tecnologia ricca di preziose risorse è quella della geotermia. A ricordarlo, è stato Giorgio Santucci, presentando la EGS Association, che è realtà attiva da diversi anni come gruppo multidisciplinare di esperti (40 professori di 14 università italiane), per creare le condizioni adeguate allo sviluppo della fonte Geotermica, e particolarmente della Geotermia di terza Generazione, fino a permettere a tale fonte di raggiungere contributi rilevanti nella produzione di energia elettrica nazionale. Secondo uno studio condotto dal Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, l’Italia è “il Paese che nel mondo ha il più elevato potenziale di produzione di energia geotermica pro capite. Ed è quello con la più lunga tradizione (oltre 100 anni) nello sfruttamento di questa fonte rinnovabile. Eppure è al quinto posto nel mondo per produzione, scavalcato anche da Paesi come Filippine e Indonesia che si sono affacciati a questa tecnologia da appena vent’anni”.
In sintesi, la situazione italiana è articolata, ma non va scordato che disponiamo di una viva tradizione storica nelle rinnovabili (in particolare nell'idroelettrico e nella geotermia). Siamo riusciti, nel corso degli anni, a sviluppare una reale capacità di sviluppo tecnologico, in particolare nella geotermia alle alte entalpie. Significativi i casi di Toscana e, in parte, della Campania e della Lombardia. La geotermia è un settore in cui sono ipotizzabili apprezzabili sviluppi (in particolare nell'ambito delle basse entalpie). Quanto al solare e all'eolico: il nostro Paese non ha ancora sviluppato una capacità di offerta a livello nazionale. Dipendiamo ancora troppo dall'importazione di componenti vitali: pannelli solari e turbine. In ogni modo, stiamo sviluppando i settori dell'installazione e della manutenzione. Nel complesso, seguendo una adeguata politica industriale, potremmo riuscire a perseguire gli obiettivi fissati dall'Unione europea. 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
11/07/2018

Efficienza al 25,2% dall'unione celle solari in silicio e perovskite

Le celle solari tandem realizzate nell’ambito del progetto europeo CHEOPS che uniscono silicio e perovskite raggiungono l’efficienza record del 25,2%.     Il Progetto Europeo CHEOPS, è partito a febbraio 2016 per lo ...

09/07/2018

Rinnovabili: le potenzialit del fotovoltaico off-grid

Nel mondo ci sono circa un miliardo di persone che non hanno accesso all’elettricità. I sistemi fotovoltaici off-grid possono aiutare a colmare questo divario, soprattutto nei paesi in via di sviluppo. Ma serve il supporto dei governi ...

04/07/2018

Possibile contrazione per il mercato fotovoltaico

Bloomberg pubblica per la prima volta stime negative rispetto ala crescita del settore fotovoltaico nel 2018: per la prima volta le installazioni potrebbero diminuire, del 3% secondo uno scenario conservativo      Per la prima volta il ...

03/07/2018

Il fotovoltaico e i nuovi sistemi energetici per le citt

Innovazione e interconnessione sono i perni della rivoluzione energetica urbana.   a cura di Italia Solare     La connettività e i dati sono oggi i driver di sviluppo sociale, economico e tecnologico. L'integrazione tra componenti ...

27/06/2018

Il futuro delle rinnovabili nella geotermia?

Il Consiglio nazionale dei geologi stima che la geotermia potrebbe soddisfare il 50% dei consumi, assicurando un risparmio in bolletta e zero emissioni di anidride carbonica     Come sappiamo gli edifici sono responsabili del 30% dei consumi ...

26/06/2018

Come ottenere il massimo dal proprio impianto fotovoltaico

Un nuovo convegno di Italia Solare a Firenze il 29 giugno dedicato alle opportunità offerte dal fotovoltaico: market parity, PPA, accumuli, mercato elettrico e blockchain     Venerdì 29 giugno Firenze ospita il convegno ...

21/06/2018

Anno record per il fotovoltaico!

Pubblicato da SolarPower Europe il "Global Market Outlook 2018-2022": il 2017 è stato un altro anno da primato per il fotovoltaico che ha segnato un +30% e la domanda dovrebbe continuare a crescere fino al 2021     SolarPower Europe ...

18/06/2018

La stampa locale delle celle solari in perovskite pu salvaguardare le risorse

Un gruppo di ricerca dell’istituto Fraunhofer ISE ha sperimentato una nuova tecnica di produzione basata sulla perovskite e sull’inversione del classico ciclo produttivo delle celle solari. Il risultato? 12,6% di efficienza.   a cura di ...