IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > L’Unione geotermica italiana soddisfatta dello schema del decreto sugli incentivi alle rinnovabili

L’Unione geotermica italiana soddisfatta dello schema del decreto sugli incentivi alle rinnovabili

"La presentazione effettuata dai ministri Passera, Clini e Catania e gli schemi di Decreti Ministeriali per le rinnovabili elettriche, attualmente sottoposti ai pareri delle regioni e delle autorità per l'energia, costituiscono una prima importante svolta positiva nel modo di impostare le scelte di politica energetica e il ruolo che in questa può avere un'adeguata valorizzazione della risorsa geotermica".  
Inizia così la nota stampa dell'Unione Geotermica Italiana, a commento dello schema di decreto sugli incentivi alle rinnovabili elettriche escluso, il fotovoltaico, fra cui rientra appunto anche la geotermia.
Secondo l'UGI è particolarmente positivo proprio il riconoscimento al ruolo della geotermia come "fonte rinnovabile virtuosa, la cui tecnologia ha maggiori ricadute su filiere economiche nazionali, rispetto ad altre tecnologie meno virtuose (come il Fotovoltaico) che sono state fino ad oggi privilegiate in modo abnorme riducendo le risorse oggi disponibili per il proseguimento delle politiche di incentivazione delle rinnovabili elettriche e termiche".  
L'UGI pone l'accento quindi anche sul fatto che nello schema di decreto su cui adesso sono in corso le osservazioni da parte di Regioni e Authority, siano state accolte le principali richieste che da parte del settore sono state avanzate e su cui ricorda il ruolo svolto nel corso della discussione avvenuta a partire dalle prime bozze di decreto circolate a fine dello scorso anno.
 
"Un lavoro di confronto con gli operatori interessati ai nuovi permessi di ricerca e con il Ministero dello Sviluppo   Economico - scrive l'UGI- mettendo   in   evidenza gli elementi, che se confermati avrebbero ulteriormente penalizzato il settore e in particolare le iniziative sviluppate negli ultimi tre anni che prefigurano una nuova stagione per lo sviluppo della geotermia in Italia".
Le richieste accolte e frutto di questo lavoro riguardano in particolare "l'innalzamento della soglia a 20MW per la partecipazione alle aste, ai contingenti previsti fino al 2015 e ai livelli d'incentivazione previsti (anche  se restano inferiori a quelli previsti nei più importanti paesi  europei)".   
Nonostante ciò restano ancora aperte molte questioni, sottolinea l'UGI, non solo riguardo al tema delle incentivazioni, "che dovranno avere risposte adeguate per consentire un pieno sviluppo della risorsa geotermica".
Positiva è ritenuta anche "l'introduzione dell'incentivo per gli impianti pilota, anche se sarà necessaria una più attenta valutazione dei parametrici tecnici previsti".
Tra gli aspetti in cui si ritiene necessario porre maggiore attenzione c'è l'incertezza del panorama di riferimento dopo il 2015, poiché le centrali geotermoelettriche di potenza compresa sino a 20 MW potranno accedere ai meccanismi incentivanti previa iscrizione in un apposito registro del GSE, solo entro il contingente massimo di potenza pari a 35 MW/anno.
"Sarà necessaria una continuità di azione - scrive l'UGI- per mantenere i contingenti per le iscrizioni ai registri e per le aste sufficientemente elevate per accogliere tutti i progetti che saranno il risultato delle attività di ricerca oggi in corso".
L'altro aspetto critico attiene "all'attuale quadro di riferimento autorizzativo e VIA, delegato alle regioni- che dice l'UGI - è in molti casi incerto per tempi e incertezza dell'effettiva possibilità di costruzione dei futuri impianti quale risultato degli investimenti già in corso per le attività di esplorazione".
Vi è poi la "mancanza di strumenti specifici a supporto del rischio minerario nelle attività di esplorazione per la ricerca della risorsa geotermica" e, infine, "la necessità di rafforzare il premio previsto per gli impianti realizzati su nuove concessioni estendendolo ai primi 20 MW installati rispetto ai 10 attualmente previsti".

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
10/03/2017

Progetto innovativo di riqualificazione scolastica

Sostenibilità ed efficienza energetica sono il cuore del progetto di recupero e di adeguamento sismico della scuola materna comunale del centro irpino di San Sossio Baronia     Un progetto ad alta efficienza energetica e ...

13/01/2017

Al Campus di Savona autonomia energetica e rinnovabili

Lo Smart Energy Building vanta autosufficienza energetica grazie a geotermia, fotovoltaico e movimento degli studenti       Prosegue l’impegno del Campus di Savona quale Centro di Innovazione nazionale sulle tecnologie per la Smart ...

07/10/2016

Geotermia: di cosa si tratta e quanto conviene

La geotermia è un energia innovativa conveniente e non inquinante. Vediamo insieme i principali vantaggi.     Il cliente che opta per questo settore, vuole assicurarsi un ambiente casalingo piacevole, dove il calore riempia le mura ...

06/10/2016

Energia fotovoltaica e geotermica per l'headquarters di Arval Italia

La nuova sede di Arval Italia è un edificio green che utilizza fonti rinnovabili nel rispetto dell'ambiente e in armonia con il territorio. Di Energy Resources l'impianto fotovoltaico e quello geotermico      Il progetto del nuovo ...

31/03/2016

Inaugurato impianto ibrido a tre rinnovabili negli USA

  La centrale di Stillwater realizzata da Enel Green Power a Fallon, nel Nevada, inaugurata alla presenza del premier Matteo Renzi, per la prima volta combina tecnologie basate sul geotermico a ciclo binario a media entalpia, il solare termodinamico e ...

01/03/2016

Geotermia: possibili sviluppi anche in Alto Adige?

L’energia geotermica, ovvero l’energia rilasciata dai processi di decadimento nucleare di alcuni elementi presenti all’interno della terra, può essere sfruttata per il riscaldamento e il rinfrescamento degli edifici e per alcuni ...

20/10/2015

Le critiche e le richieste di ANIE Rinnovabili sulle Fer non fotovoltaiche

La Conferenza Unificata ha all'ordine del giorno di oggi l'analisi e il parere sulla bozza di decreto rinnovabili non fotovoltaiche. In vista di questo appuntamento Emilio Cremona, Presidente di ANIE Rinnovabili, l’associazione che in Federazione ANIE ...

12/01/2015

Efficienza energetica e fonti rinnovabili: approvazione delle tariffe dal GSE e dal Ministero

A seguito della pubblicazione del Decreto Legge n.91/2014 (coordinato poi con la Legge 11 agosto 2014, n.116), che all'art. 25, comma 1 ha previsto che gli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di ...