IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > L'Università di Parma diventa sostenibile

L'Università di Parma diventa sostenibile

Il Rettore dell'Università di Parma Gino Ferretti ha presentato nei giorni scorsi  il finanziamento di 5 milioni di euro stanziato dal Ministero Ambiente per il progetto "Campus sostenibile" che prevede interventi strutturali per la produzione di energia da fonti rinnovabili.
In particolare grazie al progetto "C.A.M.P.U.S.E. - Concrete Actions Moving Public Universities to Sustainable Environment", siglato lo scorso 29 dicembre con il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, al Campus Universitario - Parco Area delle Scienze, sono in programma per i prossimi anni interventi strutturali volti alla produzione di energia da fonti rinnovabili con l'obiettivo di raggiungere l'autosostenibilità energetica e contemporaneamente, utilizzando tecnologie e prodotti innovativi, qualificare e riqualificare gli edifici in costruzione ed esistenti per ridurre gli sprechi energetici e migliorare la qualità della vita.
Oltre ai 5 milioni di euro già assegnati per il 2010, il Ministero dell'Ambiente si è inoltre riservato di stanziare ulteriori finanziamenti anche per il 2011 e il 2012, in base anche alla qualità degli interventi che verranno realizzati nella prima fase del progetto.
Questi nuovi ulteriori finanziamenti permetteranno all'Università di Parma di intervenire in modo strutturale per cambiare l'intero assetto energetico produttivo del Campus utilizzando le tecnologie più innovative e a più alta resa reperibili sul mercato, operando quindi una completa riqualificazione energetica in grado di rendere il Campus Universitario un vero e proprio fiore all'occhiello, in termini di risparmio energetico e tutela ambientale, nell'ambito delle energie rinnovabili.
Inoltre l'Università di Parma potrà così diventare uno dei primi attori del nostro Paese impegnati a raggiungere gli obiettivi stabiliti dalla Unione Europea con la direttiva 20-20-20 in termini di quantità di energia prodotta da fonti alternative.
Nell'ambito del finanziamento assegnato nel 2010 sono previsti i seguenti interventi:
1. riqualificazione ed ottimizzazione dell'illuminazione urbana del Campus Universitario con utilizzazione di tecnologia LED
In base al progetto verranno sostituiti i corpi illuminanti esistenti  e i fari di illuminazione degli edifici con nuovi con tecnologia a LED.
Il sistema sarà corredato di un gestore di controllo di flusso luminoso tramite apposite centraline di controllo, che permette di regolare tra 10 diverse curve di riduzione del flusso luminoso notturno, in funzione delle esigenze dell'Amministrazione, arrivando ad una ulteriore diminuzione dei consumi di circa il 30%.
2. realizzazione di impianti fotovoltaici con tecnologia a film sottili su edifici e pensiline per parcheggi del Campus Universitario
In base al progetto si prevede la realizzazione di impianti fotovoltaici con tecnologia a film sottile per la produzione di energia elettrica, utilizzando celle fotovoltaiche al tellururo di cadmio (CdTe) con un brevetto dell'Università di Parma.
Tali impianti verranno installati sulle coperture degli edifici e dei parcheggi attualmente in fase di costruzione all'ingresso del Campus Universitario, sul Laboratorio di ricerca applicata per l'innovazione e per il trasferimento tecnologico (situato a fianco della Sede Scientifica della Facoltà di Ingegneria) e su parte della Facoltà di Ingegneria, per una superficie netta complessiva di circa 5.686 mq ed una potenza stimata di 712 KW. Tali impianti permetterebbero un risparmio annuo economico (incentivo GSE e fornitura energia elettrica) di circa 325.665 euro.
I costi previsti per l'intervento, che si prevede sarà concluso entro dicembre 2012, sono stimati in complessivi 3.680.000 euro.
3. riqualificazione dell'edificio attualmente in costruzione all'ingresso del Campus Universitario (a destra dopo l'entrata di via Langhirano) per aumento delle prestazioni energetiche.
In base al progetto si interverrà sull'involucro dell'edificio (materiali e tecnologie costruttive di vetrate e pareti opache) aumentandone le prestazioni energetiche.
I costi previsti per l'intervento, che si prevede sarà concluso entro dicembre 2013, sono stimati in complessivi 620.000 euro.
 
Nel programma pluriennale sono previsti inoltre dei percorsi formativi per gli studenti dell'Ateneo volti alla formazione di figure professionali che potranno operare nell'ambito delle energie rinnovabili.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
19/01/2018

Crescono gli investimenti nelle rinnovabili

Pubblicato un nuovo Report di Bloomberg New Energy Finance che segnala che lo scorso anno gli investimenti in energie rinnovabili hanno raggiunto i 333,5 miliardi di dollari a livello mondiale, in crescita del 3% sul 2016     Nel 2017 gli ...

18/01/2018

Alzato dal PE il target su efficienza energetica. Rinnovabili dal 27% al 35%

Alzata dal Parlamento Europeo al 35% la quota di rinnovabili nel mix energetico e il target per efficienza energetica, 12% di energia da fonti rinnovabili nei trasporti      Il Parlamento Europeo, in seduta plenaria, ha votato la ...

18/01/2018

Guida alla scelta dei materiali sostenibili in edilizia

Legambiente presenta MaINN, la libreria dei materiali innovativi, salubri e sostenibili in edilizia. Strumento utile per architetti, progettisti e privati     MaINN è il nuovo portale lanciato da Legambiente e dedicato ai materiali ...

18/01/2018

Trasformare il trasporto grazie alle tecnologie rinnovabili

Il futuro verso la mobilità elettrica e sostenibile non è forse così lontano. Aumenta la competitività dei costi rispetto alle auto tradizionali, diminuiscono i tempi di ricarica     Il settore dei trasporti è ...

17/01/2018

Cos’è il metodo LCA e la sua applicazione in edilizia

Il metodo LCA permette di valutare gli impatti ambientali con riferimento all’intero ciclo di vita di un prodotto o di un servizio. Nasce in ambito industriale, ma ha grandi potenzialità applicato nel settore edile, offrendo uno strumento ...

15/01/2018

L’Europa rischia di non rispettare gli obiettivi rinnovabili al 2030

Per assicurare il rispetto del target del 27% di rinnovabili sui consumi l'Europa deve rivedere la propria strategia, focalizzanosi sulla decentralizzazione dei sistemi energetici      Il Rapporto recentemente pubblicato dalla ...

12/01/2018

Ancora pochi i mutui green

Nonostante la crescita dell’edilizia in legno, i mutui per la bioedilizia sono solo lo 0,47% delle richieste      Il mercato dell’edilizia in legno sta crescendo, tanto che nel 2° Rapporto Case ed edifici in legno 2015, ...

11/01/2018

Le idee più innovative e sostenibili per un’edilizia green

Selezionate le 10 aziende internazionali finaliste allo Startup Award con prodotti innovativi capaci di coniugare edilizia, uomo e natura     Torna a Klimahouse, in programma a Bolzano 24 al 27 gennaio prossimi, Klimahouse Startup ...