IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > La Conferenza unificata dà il via al nuovo conto termico

La Conferenza unificata dà il via al nuovo conto termico

Raggiunta l’intesa: il conto termico ha una dotazione di 900 milioni di euro, 200 per le istituzioni pubbliche e 700 per i privati

La Conferenza Unificata nella seduta del 20 gennaio ha dato finalmente l’ok al decreto attuativo sul nuovo conto termico del Ministero dello Sviluppo economico, del MISE e del Ministero delle politiche Agricole. Sono state recepite alcune richieste emendative formulate dalle Regioni e dall'Anci che richiedevano una semplificazione delle procedure relative agli investimenti riguardo al sistema di incentivazione dell’energia termica da fonti rinnovabile e agli interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni.
Il Conto termico 2.0 ha una dotazione di 900 milioni di euro, 200 per le istituzioni pubbliche e 700 per i privati, introduce varie semplificazioni rispetto alla precedente versione ed è finalizzato a facilitare l'accesso agli incentivi previsti per i cittadini, per le imprese e per la Pubblica Amministrazione.

Molto soddisfatta Simona Vicari, Sottosegretario allo Sviluppo Economico, che ha commentato: "Tale provvedimento, che ha visto il suo via libera con un ampio consenso, ci permette così di dare certezza agli enti locali su l'avvio dei progetti di riqualificazione energetica degli edifici della pubblica amministrazione".

Tra le novità segnalate dal Sottosegretario Vicari la previsione di un catalogo di prodotti prequalificati per l'efficienza energetica che ridurrà quindi i tempi di valutazione da parte del Gse e la possibilità che l'incentivo previsto possa essere erogato anche in un un'unica soluzione.

"Abbiamo inoltre innalzato il livello degli incentivi: infatti, per le ristrutturazioni che portino gli edifici dell PA ad 'energia quasi zero' l'incentivo può raggiungere il 65%. Grazie all'adozione di questo decreto attuativo -conclude Vicari- abbiamo sbloccato una quantità ingente di risorse per l'innovazione e superato numerose criticità: meno burocrazia, meno passaggi intermedi, più incentivi per investimenti che migliorano la nostra qualità della vita".

Il presidente del Consiglio Nazionale Anci e sindaco di Catania, Enzo Bianco, al termine dell’Unificata ha evidenziato che grazie al nuovo conto termico si potranno finalmente dare risposte certe per permettere il finanziamento e gli interventi di produzione energetica da fonti alternative. "La versione attuale del decreto, che contiene le richieste emendative dell’Anci, è quindi risolutiva rispetto alle precedenti difficoltà di gestione del contributo. Fino ad ora c’era troppa discrezionalità sulle domande ma con l’intesa di oggi la procedura di accesso agli incentivi è tale per cui la prenotazione degli stessi da parte del Gse nell’individuare un creditore certo equivale ad un atto di impegno. A fronte della decisione di oggi, spiega l’Anci, l’ente locale è quindi nelle condizioni di allocare a bilancio la somma relativa all’intervento e può utilizzare il finanziamento già nella fase di selezione pubblica del partner terzo”.

Ermete Realacci presidente della Commissione Ambiente territorio e lavori pubblici della Camera, pur con una nota polemica per il terribile ritardo di oltre un anno con cui è stato approvato, sottolinea che si tratta di una buona notizia e che la nuova misura permetterà di contrastare l’inquinamento e rilanciare l’economia a partire dall’efficienza energetica e dalle fonti rinnovabili: “E’ un decreto fondamentale per ridurre l’inquinamento legato alla produzione di calore che è responsabile di circa il 40% delle emissioni di polveri sottili, oltreché di molti altri inquinanti e di CO2. Sull’inaccettabile ritardo che si era accumulato ho presentato e sollecitato varie interrogazioni parlamentari. L’approvazione del nuovo Conto Termico è solo un primo passo, si tratterà ora di applicarlo bene, seguire e monitorare l’efficacia delle nuove norme e farne un pezzo delle politiche strategiche per rispondere all’emergenza smog, andare nella direzione indicata dalla Cop21 di Parigi, tagliare le bollette insieme alle emissioni e rilanciare la nostra economia stimolando l’innovazione e la competitività delle nostre imprese”.

 

In effetti a causa della farraginosità dell’iter burocratico il conto termico approvato nel 2012 ha registrato un bassissimo utilizzo. Per risolvere questo problema, l’articolo 22 dello Sblocca Italia aveva prescritto, entro dicembre 2014, un aggiornamento normativo di semplificazione dei criteri di utilizzo dei fondi del ‘conto termico’ così da facilitare l’accesso a tali contributi per imprese, famiglie e soggetti pubblici. Lo stesso articolo prevedeva inoltre una verifica sull’efficacia delle nuove norme da fare entro dicembre 2015. Il nuovo schema degli incentivi alle fer termiche è stato pubblicato sul sito del MISE a novembre 2015 e doveva entrare in vigore entro il 31 dicembre.

 

Scarica la bozza del nuovo Conto termico

TEMA TECNICO:

Normativa, Solare termico

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
13/11/2017

15 milioni per le diagnosi energetiche delle PMI

Pubblicato il Bando dal ministero dello Sviluppo Economico a sostegno delle PMI per la realizzazione di diagnosi energetiche in modo da efficientare i loro consumi   Il ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato il bando 2017 destinato a ...

13/11/2017

SEN 2017: Italia fuori dal carbone dal 2025

Presentato a Palazzo Chigi il testo definitivo della Strategia Energetica Nazionale, che prevede un investimento di 175 miliardi, di portare le rinnovabili al 55% nei consumi elettrici al 2030 e fine carbone al 2025       Il ...

08/11/2017

Proposte per migliorare l'ecobonus per il 2018

L’analisi di Virginio Trivella di Rete Irene del testo della Legge di Bilancio 2018 e alcuni suggerimenti per ottimizzare l’ecobonus     Virgino Trivella, coordinatore del Comitato tecnico scientifico di Rete Irene, ci propone ...

31/10/2017

In Senato il testo definitivo della Legge di Bilancio 2018, le novità per l’edilizia

E’ arrivato in Senato per l’esame parlamentare il testo finale della legge di bilancio 2018: prorogate le detrazioni fiscali per i lavori di ristrutturazione edilizia e di riqualificazione efficiente. Confermato il ...

31/10/2017

Le proposte del Senato per il nuovo APE europeo

Il Senato ha approvato una risoluzione con i commenti alla proposta del parlamento Europeo di modifica alla  direttiva 2010/31/UE sulla prestazione energetica dell'edilizia per garantire risparmio energetico ed ...

11/10/2017

Inchiesta preliminare UNI per posatori di cappotti termici

Inchiesta preliminare pubblica per norme che definiscono requisiti precisi per i posatori di cappotti termici e determinazione dei metodi di calcolo per i rendimenti della climatizzazione 
  Sono 21 i nuovi progetti di norma che ...

30/08/2017

Come cedere ecobonus condomini no tax area anche alle banche

Pubblicata l'attesa circolare dell'Agenzia delle Entrate con i chiarimenti per la cessione anche alle banche, per i contribuenti no tax area, dell'ecobonus per i lavori in condominio     L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato sul proprio ...

03/08/2017

Il Senato approva il DDL Concorrenza

Slitta a luglio 2019 la fine del mercato tutelato per l'energia elettrica e il gas. Possibile per gli utenti rateizzare le maxi bollette     Dopo un percorso travagliato durato quasi 3 anni, con 146 sì e 113 no il Senato ha approvato con ...