IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Legambiente: il 32,9% dei consumi elettrici italiani coperti da rinnovabili

Legambiente: il 32,9% dei consumi elettrici italiani coperti da rinnovabili

Rapporto Comuni Rinnovabili: 700mila gli impianti rinnovabili presenti nel 100% dei Comuni

Legambiente ha presentato, in occasione di Solarexpo di Milano, il Rapporto 2014 Comuni Rinnovabili, realizzato con il contributo del GSE, da cui emerge che le fonti pulite sono presenti in tutti gli 8.054 comuni italiani, un dato importante se si considera che erano 7.937 nel 2013 e solo 356 nel 2006. Sono 29 i Comuni al 100% rinnovabili.

Nel 2013 si è registrato una crescita per tutte le fonti – dal solare fotovoltaico a quello termico, dall’idroelettrico alla geotermia, agli impianti a biomasse e biogas integrati con reti di teleriscaldamento e pompe di calore. Sono più di 700mila gli impianti diffusi nel 100% dei comuni d’Italia che nel 2013 hanno garantito il 32,9% dei consumi elettrici del Paese e il 15% di quelli complessivi.

 

Contributo rinnovabili rispetto ai consumi elettrici in Italia (Elaborazione Legambiente su datio Terna)

 

“I risultati raggiunti dalle rinnovabili nel nostro Paese in termini di produzione e distribuzione nel territorio erano semplicemente inimmaginabili solo 10 anni fa - dichiara Edoardo Zanchini, vice presidente di Legambiente - e dimostrano come gli impianti sono affidabili e competitivi. Ora però non dobbiamo fermarci, perché la crisi economica e i problemi energetici italiani - costi crescenti in bolletta, dipendenza dall’estero e quindi insicurezza, emissioni inquinanti e di gas serra - possono trovare risposta proprio attraverso un modello di generazione distribuito, efficiente e da fonti rinnovabili. L’Italia ha tutto l’interesse a percorrere questa direzione, che permette a famiglie e imprese di risparmiare autoproducendo l’energia termica e elettrica di cui hanno bisogno e gestendola in maniera più efficiente”.

 

Sono 2629 i Comuni in Italia autonomi rispetto ai consumi elettrici, 79 rispetto a quelli termici grazie alla produzione da fonti rinnovabili e 29 Comuni al 100% rinnova­bili, in cui un mix di impianti diversi da rinnovabili e impianti a biomasse allacciati a reti di teleriscaldamento coprono interamente (e superano) i fab­bisogni elettrici e termici dei cittadini residenti. 

 

Nel dettaglio sono 8.054 i Comuni del solare in Italia, 628 quelli dell’eolico, 1.123 i comuni del mini idroelettrico, 372 quelli della geotermia sono 372, 1.529 i comuni per le bioenergie, sono 317 i Comuni in cui gli impianti di teleriscaldamento utilizzano fonti rin­novabili, come biomasse “vere” (di origine organica animale o vegetale provenienti da filiere terri­toriali) o fonti geotermiche, attraverso cui riescono a soddisfare larga parte del fabbisogno di riscaldamento e di acqua calda sanitaria.


La crescita dei Comuni Rinnovabili

 
“A Governo e Autorità per l’energia chiediamo di aprire la strada all’autoproduzione di energia da fonti rinnovabili - aggiunge Zanchini - Oggi è infatti possibile ridurre significativamente la spesa energetica di famiglie e imprese, attraverso impianti da fonti rinnovabili e efficienti che utilizzano in modo innovativo le reti elettriche e di teleriscaldamento”.

 

Legambiente nel rapporto fa una serie di proposte per continuare a far crescere le rinnovabili. A partire proprio dal premiare tutti coloro che si rendono autonomi attraverso impianti rinnovabili ed efficienti, togliendo ogni limite allo scambio sul posto dell’energia con la rete e aprendo ai contratti di vendita diretta di energia prodotta da impianti da fonti rinnovabili e in cogenerazione, rendendo possibile la gestione delle reti da parte di cooperative e Esco. Servono poi regole chiare e trasparenti per l’approvazione dei progetti da rinnovabili che sono la condizione per uno sviluppo integrato nel territorio e libero da appetiti della criminalità. In molte Regioni è di fatto vietata la realizzazione di nuovi progetti mentre in altre non sono garantite trasparenza e tutela e l’incertezza delle procedure è ancora oggi una delle principali barriere alla diffusione degli impianti da fonti rinnovabili in Italia (per l’eolico offshore siamo ancora a 0 impianti in Italia). Serve introdurre, come in Germania, un sistema di incentivi per le famiglie e le piccole e medie imprese per impianti fotovoltaici sui tetti integrati con sistemi di accumulo che prevedano almeno il 60% della produzione di autoconsumo; e reintrodurre incentivi in conto energia per la sostituzione di coperture in amianto con tetti fotovoltaici. Infine, occorre spingere la riqualificazione energetica in edilizia con nuove politiche per aiutare a ridurre le bollette, in particolare quella la spesa più consistente che riguarda il riscaldamento, di case, condomini, uffici, edifici pubblici e privati (pari al 5,2% della spesa media una famiglia a fronte dello 0,3 di quella per gli incentivi alle rinnovabili su cui si concentra tutta l’attenzione mediatica e politica).  

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia