IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > A rischio gli ambiziosi obiettivi dell’economica circolare

A rischio gli ambiziosi obiettivi dell’economica circolare

Avviata la fase di negoziazione del pacchetto economia circolare in Europa. Allarme Legambiente sul rischio di uno stallo della riforma se prevarranno le posizioni conservatrici

 

Consiglio, Parlamento e Commissione europea hanno iniziato la fase di negoziazione relativa al pacchetto Economia circolare, riforma ambiziosa il cui successo dipende però da quale posizione riuscirà a prevalere tra quella conservatrice espressa da alcuni paesi e quella invece più aperta al cambiamento sostenuta da altri Stati.

 

Gli obiettivi approvati dal parlamento europeo parlano del 70% del riciclo per i rifiuti urbani e 80% per gli imballaggi; target per la preparazione al riutilizzo; un aumento della raccolta differenziata per tutte le tipologie di rifiuti, ed in particolare un obbligo generalizzato di separazione della frazione organica; nuove norme a livello europeo per la responsabilità del produttore e obiettivi di prevenzione al 2030.

 

Legambiente riporta i risultati dell’indagine a livello europeo guidata da European Environmental Bureau (EEB), Friends of the Earth Europe and Zero Waste Europe, a cui ha contribuito anche l’associazione ambientalista, che evidenziano che nel caso di una prevalenza della posizione conservatrice sostenuta da alcuni Paesi la transizione verso l’economia circolare nei prossimi anni sarà molto probabilmente in stallo.

L’indagine è stata realizzata attraverso un questionario inviato agli stati membri per capire se sia loro intenzione durante i negoziati di Bruxelles, sostenere le proposte chiave per rafforzare la politica europea sui rifiuti.

 

Emerge la mancanza di una posizione comune sul pacchetto sull'economia circolare che fa temere che i Paesi più contrari stanno avendo la meglio, mettendo a rischio non solo l’avvio di politica virtuosa dei rifiuti, ma stoppando quella che potrebbe essere una reale rivoluzione economica e occupazionale.

 

Tra i Paesi che si oppongono maggiormente alla proposta ci sono la Danimarca e la Finlandia, da sempre considerati a sproposito leader nelle politiche sui rifiuti, nonostante l’enorme quantità di rifiuti prodotti. Altri Paesi che rifiutano categoricamente gli obiettivi più ambiziosi del pacchetto sono Ungheria, Lituania e Lettonia.

Repubblica Ceca, Italia, Svezia, Portogallo, Lussemburgo e Slovacchia, sono a favore di un obiettivo di riciclo del 65%, ma non sembra che farebbero lo stesso con i target relativi alla preparazione al riutilizzo, all’obiettivo di riutilizzo del 10% degli imballaggi e a supporto di target di prevenzione dei rifiuti, tutte misure che costituiscono priorità del pacchetto dell’economia circolare.

 

Il Regno Unito, la Germania, la Polonia, l'Irlanda, la Slovenia e la Croazia invece non hanno voluto condividere la loro posizione, in contrasto con la posizione progressiva e trasparente adottata dal Parlamento europeo.

 

Ci sono invece alcuni Stati del Sud Europa, come la Grecia e la Romania, nonché la Spagna, che chiedono un maggiore impegno nei confronti del riciclo, della prevenzione dei rifiuti, e della raccolta differenziata. Altri paesi che sostengono le riforme sono la Francia, il Belgio e i Paesi Bassi.

 

L’Italia rispetto ai 6 punti che le associazioni ritengono prioritarie e su cui EEB ha costituito le domande rivolte ai Governi dei Paesi membri, ha dichiarato che supporterà, i target di riciclo proposti dalla Commissione, i requisiti minimi riguardo la responsabilità estesa al produttore e l’obbligo di raccolta differenziata per la frazione organica dei rifiuti urbani. Non sosterrà invece i i target specifici per la preparazione al riutilizzo dei rifiuti urbani e non ha preso posizione riguardo i target di prevenzione dei rifiuti (al 2025 e al 2030) e l’obiettivo di almeno il 10% di riutilizzo di imballaggi.

 

A questo proposito Giorgio Zampettiresponsabile scientifico di Legambiente commenta che il nostro paese sta svolgendo un ruolo di retroguardia, in contrasto con gli interessi nazionali, nonostante ci siano aziende molto impegnate nella circular economy. Inoltre va considerato che l'Italia è leader in Europa per know-how e tecnologie su riciclo e riuso e abbiamo alcune esperienze di gestione dei rifiuti tra le migliori a livello internazionale, come Milano o Treviso. Quindi se la riforma fosse applicata si tratterebbe di un’opportunità importante di sviluppo economico.

 

E' importante che i Governi abbiano il coraggio di intraprendere le azioni necessarie e coraggiose per stimolare la transizione reale verso l'economia circolare. Si stima  infatti che una transizione completa a un'economia circolare, oltre alle proposte attualmente in discussione a Bruxelles, potrebbe generare risparmi di circa 2mila miliardi di euro entro il 2030. Ciò equivale a un aumento del 7% del PIL dell'UE, con un aumento dell'11% del potere d’acquisto delle famiglie e 3 milioni di nuovi posti di lavoro supplementari.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
26/06/2017

Edilizia efficiente grazie a economia circolare e riciclo

Economia circolare e riciclo sono la chiave per il futuro delle costruzioni. Il rapporto di Legambiente.   L'economia circolare rappresenta una reale opportunità per la crescita del settore dell'edilizia, perchè possa uscire dalla ...

26/06/2017

Surriscaldamento globale, siccità e caldo killer

In aumento i decessi legati al rialzo delle temperature e cresce l’allarme per le ondate di calore e per la siccità     Il cambiamento climatico ha portato negli ultimi anni a una crescita del fenomeno delle ondate di calore che ...

23/06/2017

In crescita la filiera del riciclo dei RAEE

Presentati dal Consorzio Remedia i dati relativi all’attività nel 2016 e le opportunità di sviluppo per tutto il settore.     Remedia –Sistema Collettivo italiano no-profit per la gestione eco-sostenibile dei Rifiuti ...

23/06/2017

Riqualificazione edifici storici con energia fotovoltaica

Al via un programma internazionale promosso dall'Agenzia Internazionale dell'energia e guidato dall'EURAC dedicato al risanamento energetico degli edifici storici       Un quarto degli immobili europei sono edifici storici che rappresentano ...

22/06/2017

Bando per la riqualificazione di 10 aree periferiche

Pubblicato il bando che mette a disposizione 100mila euro per la riqualificazione di 10 aree periferiche segnalate dai Comuni     I Comuni italiani singoli o in associazione, sono i destinatari del concorso di idee promosso dalla Direzione ...

21/06/2017

A Londra nascerà una scuola passiva alimentata dalla marea

Un progetto da realizzarsi nel centro di Londra, può rappresentare un nuovo modello per l'architettura sostenibile nel centro della città, che sfrutta l'energia delle maree.     Il movimento dell'acqua legato alle maree ...

20/06/2017

Come evolverà il mercato delle rinnovabili?

Fotovoltaico ed eolico saranno i protagonisti della transizione energetica ed entro il 2040 copriranno il 34% delle richieste di energia     Pubblicata da Bloomberg New Energy Finance (BNEF) l’edizione 2017 del “New Energy Outlook ...

16/06/2017

La UE semplifica il sistema di etichettatura energetica

Il Parlamento UE approva la nuova etichettatura energetica riportando la classificazione dalla A alla G e semplificando l'acquisto di elettrodomestici a basso consumo     Il Parlamento UE ha approvato, con 535 voti favorevoli e 46 contrari, una ...