IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Utile guida MCE Lab per scegliere le soluzioni per una casa energeticamente efficiente

Utile guida MCE Lab per scegliere le soluzioni per una casa energeticamente efficiente

Quali sono le tecnologie domestiche migliori per aiutare lefficienza energetica delle abitazioni, che investimenti richiedono e con che tempi di rientro

Dalla Conferenza sul clima di Parigi è emersa la necessità di una transizione verso le energie rinnovabili e il risparmio energetico. Il settore immobialiare è chiamato a fare la sua parte, attraverso il miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici residenziali, pubblici e commerciali, in cui ognuno di noi può dare un proprio contributo. Si tratta di un mercato con un alto potenziale, si stima infatti al 2020 un potenziale risparmio dell’8,5% per il fabbisogno elettrico e del 95% per il fabbisogno termico grazie all'utilizzo di soluzioni per l’efficienza energetica residenziale.


Per aiutare i consumatori a orientarsi nel panorama delle soluzioni presenti sul mercato, MCE Lab mette a disposizione una guida che illustra in modo sintetico e immediato le tecnologie domestiche per l’efficienza energetica, quelle di generazione distribuita da fonti rinnovabili e quelle capaci di integrare più soluzioni, arrivando a disegnare l’entità dell’investimento economico, dei tempi di recupero e le possibilità di ottimizzazione dello stesso negli anni.

La guida nasce dallo studio “L’utente finale e le tecnologie di risparmio energetico”, commissionato da MCE-Mostra Convegno Expocomfort all’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano.

 

Confrontando le soluzioni proposte, integrate e non, in base al tempo di ritorno dell’investimento (pay-back) e al costo dell’energia elettrica e termica, emerge che le pompe di calore, con un costo dell’energia a 9 c€/kWh, possano in soli 3 anni  avere un ritorno sull’investimento. Il basso costo di funzionamento e le detrazioni fiscali dal 36% al 50% ne hanno agevolato il trend di crescita.
Fra le soluzioni di generazione distribuita, è il solare termico che spicca per il tempo di pay-back più veloce: sono sufficienti 1,5–2 anni con un costo dell’energia di 0,03 kW/€. In particolare un impianto di 4 mq, ideale per una famiglia di 3 persone, permette di evitare l’emissione di oltre 1.500 kg di CO2 l’anno e riesce a coprire circa il 70% del fabbisogno medio di acqua calda sanitaria della famiglia. Utilizzato anche per il riscaldamento, può arrivare a coprire fino al 30% del consumo termico complessivo della casa (acqua calda sanitaria + riscaldamento). 
Il solare fotovoltaico necessita di un arco di tempo fra i 7-9 anni, con un costo dell’energia di 0,13 c€/kWh. Si tratta di un’opportunità di medio-lungo termine per il consumatore: un impianto da 1kWp può produrre il 40% dei consumi elettrici medi di una famiglia di 3-4 persone.

Superano invece i 3 anni di pay-back tutte le soluzioni integrate maggiormente impiegate per le utenze multiple o condominiali, nelle quali giocano un ruolo importante fattori quali la dimensione dell’intervento, la maggiore propensione all’efficientamento energetico dello stabile e la ripartizione del costo iniziale tra più condomini.

 

Scarica la Guida MCE Lab sulle soluzioni disponibili per una casa energeticamente efficiente

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia