IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Norma CEI 0-21: ANIE/GIFI chiede un intervento urgente del Ministero dello Sviluppo Economico

Norma CEI 0-21: ANIE/GIFI chiede un intervento urgente del Ministero dello Sviluppo Economico

La questione dei sistemi di protezione di interfaccia in bassa tensione previsti dall'allegato A70 al codice di rete di Terna e dalla norma CEI 0-21 per impianti di potenza superiore a 6 kW e resi obbligatori dal 1 luglio scorso dalla Delibera 84/12 dell'AEEG rimane ancora irrisolta.
"L'Autorità per l'Energia Elettrica ed il Gas - dichiara Valerio Natalizia, Presidente GIFI-ANIE - ha preso atto della carenza di tali dispositivi ma non ha proposto nessuna possibile via di soluzione. Ad oggi milioni di euro di investimenti rischiano di essere seriamente compromessi: cosa che non possiamo permetterci in questa delicatissima fase di crisi finanziaria pena il definitivo affossamento dell'industria fotovoltaica italiana. Tanto più che i sistemi in questione non nascono per la salvaguardia del sistema elettrico nazionale. E' ben noto infatti che l'obbligo di tali dispositivi sulla rete di bassa tensione nasce dall'esigenza di garantire il distacco completo e non parziale dell'impianto in occasione di perturbazioni sulla rete di bassa tensione, cosa certamente importante ma meno urgente della prima."
"Come ANIE/GIFI - continua Natalizia - abbiamo denunciato molteplici volte le difficoltà del mercato a reperire i sistemi di interfaccia e l'inadeguatezza delle tempistiche imposte dall'AEEG, richiedendo la deroga all'installazione giusto per il tempo necessario alla regolarizzazione delle forniture. Purtroppo le nostre richieste  sono rimaste inascoltate."
"Richiediamo quindi in maniera ufficiale - conclude Natalizia - l'intervento urgente del Ministero dello Sviluppo Economico a tutela e salvaguardia di centinaia di impianti già realizzati che rischiano a questo punto di non poter accedere a nessuna tariffa incentivante."
 
Ieri anche l'ANTER, Associazione Nazionale Tutela Energie Rinnovabili, ha fatto sentire la propria voce all'all'AEEG, Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas: "Abbiamo ricevuto centinaia di segnalazioni e richieste di intervento da parte dei nostri associati -dichiara il Presidente Anter Antonio Rainone- che, disorientati, ci chiedono notizie in merito al futuro del loro impianto. La confusione del momento, unita alle rigidità dell'AEEG e del quadro normativo, rischia di mettere in secondo piano alcune istanze positive del V conto Energia che rispetto al IV privilegia l'autoconsumo e premia i cittadini virtuosi. Molti addetti ai lavori ci sottolineano poi la difficoltà di soddisfare gli obblighi previsti dalla normativa CEI 0-21, vista l'insufficiente offerta dei prodotti sul mercato e la loro reale disponibilità prevista solo a fine settembre".
"Chiediamo all'AEEG -continua Rainone- di considerare una deroga temporale rispetto ai termini previsti dalla delibera 84/12/R/eel per scongiurare il rischio di blocco di migliaia di investimenti già avviati oltre che l'annullamento di migliaia di ordini già fatti". 

TEMA TECNICO:

Solare fotovoltaico

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
21/06/2018

Anno record per il fotovoltaico!

Pubblicato da SolarPower Europe il "Global Market Outlook 2018-2022": il 2017 è stato un altro anno da primato per il fotovoltaico che ha segnato un +30% e la domanda dovrebbe continuare a crescere fino al 2021     SolarPower Europe ...

18/06/2018

La stampa locale delle celle solari in perovskite pu salvaguardare le risorse

Un gruppo di ricerca dell’istituto Fraunhofer ISE ha sperimentato una nuova tecnica di produzione basata sulla perovskite e sull’inversione del classico ciclo produttivo delle celle solari. Il risultato? 12,6% di efficienza.   a cura di ...

15/06/2018

In leggero cale le installazioni di rinnovabili nel primo quadrimestre 2018

Diminuiscono del 4% rispetto al 2017 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico, che complessivamente raggiungono 195 MW. L'osservatorio di Aprile di Anie Rinnovabili     ANIE Rinnovabili, associazione di ANIE ...

14/06/2018

Poche semplici mosse per il rilancio del fotovoltaico in Italia

Firmata l’alleanza tra aziende e associazioni a sostegno di maggiori investimenti nella rigenerazione delle centrali solari   Siglata la "Carta del rilancio sostenibile del fotovoltaico" dalle principali aziende e associazioni del settore: ANIE ...

13/06/2018

Con i cristalli bidimensionali aumenta la durata delle celle solari a perovskite

Un team di ricercatori di Cnr e Istituto italiano di tecnologia ha scoperto i vantaggi dell'uso del cristallo bidimensionale per il miglioramento di durata e prestazioni delle celle fv a perovskite      Le celle solari perovskite ...

12/06/2018

L'italia pu arrivare al 59% di elettricit da rinnovabili entro il 2030

Un nuovo studio dell'European Climate Foundation mostra che per l'Italia le tecnologie pulite meno costose rappresentano un'opportunità capace di stimolare maggiori ambizioni in materia di clima ed energia, in linea con gli obiettivi dell'accordo di ...

08/06/2018

Facciate fotovoltaiche: le finestre che generano energia sono reali?

Ben presto potremo ricavare energia direttamente dalle finestre grazie alle facciate fotovoltaiche. Quali sono le principali tecnologie applicabili a questo settore dell’edilizia?   a cura di Tommaso Tautronico     Le finestre in ...

07/06/2018

Market e grid parity, il mercato italiano del fotovoltaico pronto

Riduzione dei costi della tecnologia, possibilità di siglare accordi PPA (Power Purchase Agreement) e gli obiettivi della Strategia energetica nazionale (Sen) hanno permesso all’Italia di tornare a essere un mercato interessante per il ...