IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > L'occasione persa del referendum anti trivelle

L'occasione persa del referendum anti trivelle

Ha votato il 32% degli aventi diritto e non è stato raggiunto il quorum. Soddisfazione di Renzi. Dagli ambientalisti i ricorsi alla Commissione europea

 

Le cause della bassa influenza alle urne di ieri sono da imputare probabilmente alla complessità del quesito, incomprensibile a molti, all'informazione non sempre chiara ed esaustiva, all'invito all'astensione di buna parte del PD, presidente del Consiglio in testa e al disinteresse di molte regioni lontane dal mare.

 

Sta di fatto che l’affluenza finale del referendum antitrivelle promosso da 9 regioni, si ferma al 32% dei 51 milioni di aventi diritto e la Basilicata (50,4%) è la sola regione ad aver raggiunto il quorum. Vittoria schiacciante del sì, l'86%, tra i votanti. 

 

Le società petrolifere potranno dunque continuare a estrarre gas e petrolio entro le 12 miglia marine senza limiti di tempo, fino a esaurimento del giacimento. 

 

Matteo Renzi in una conferenza stampa a Palazzo Chigi a urne chiuse, ha sottolineato che si tratta di un risultato che non annovera il Governo tra i vincitori, ma che i veri vincitori sono le persone che lavorano sulle piattaforme, mentre escono sconfitti "consiglieri regionali e chi ha cavalcato il referendum per ragioni politiche".

 

Greenpeace in un comunicato, pur prendendo atto del mancato quorum, evidenzia però che il Governo non possa non ascoltare il segnale che viene dalle urne e il messaggio dei circa 16 milioni di italiani che hanno votato, per la maggior parte contro le trivelle, "per chiedere un futuro energetico diverso e una politica indipendente dalle lobby fossili".   

Greenpeace inoltre anticipa che il suo impegno a tutela dei mari continuerà, infatti "la norma che assegna ai petrolieri concessioni senza una precisa scadenza, viola lo spirito e la lettera della Direttiva 94/22/CE, recepita dall'Italia con il D.Lgsl. 625/96, secondo la quale l'estensione delle aree costituenti oggetto di autorizzazioni e la durata di quest'ultime devono essere limitate". Greenpeace si appresta quindi a inviare un atto di denuncia alla Commissione Europea per segnalare questa e altre violazioni che denotano sistematici aggiustamenti delle norme e dei principi del Diritto comunitario a favore degli interessi dei petrolieri.

 

Anche Legambiente attraverso le parole del presidente Rossella Muroni, ha commentato che la proroga senza limiti delle concessioni per l’estrazione di petrolio e gas è in contrasto con le regole del diritto UE sulla libera concorrenza e ha annunciato l'intenzione di presentare una denuncia alla Commissione europea contro la norma che concede concessioni illimitate per le estrazioni di gas e petrolio. "Continuerà la battaglia affinché si intervenga da subito sulle numerose criticità emerse rispetto alle attività estrattive in mare, a partire dalla dismissione delle piattaforme che già oggi non sono più attive e per stabilire royalties giuste per tutte le attività estrattive, cancellando un sistema iniquo per cui larga parte delle concessioni non paga le royalties e chi lo fa le deduce dalle tasse".

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
19/04/2018

Corrono gli investimenti nelle rinnovabili

Presentato l’Irex Annual Report: nel 2017 13,5 miliardi di investimenti nelle rinnovabili, per una potenza di 13,4 GW, soprattutto all’estero.     Nel 2017 gli investimenti in rinnovabili tra Italia e, soprattutto, estero hanno ...

17/04/2018

Forum mondiale per la forestazione urbana

Le foreste urbane e le infrastrutture verdi possono fornire un contributo fondamentale alla progettazione sostenibile: a Mantova la prima edizione del World Forum on Urban Forests        Dal 28 novembre al 1 dicembre Mantova ...

13/04/2018

21 maggio 2017: l'87% dei consumi elettrici coperti da rinnovabili

Nel 2017 crescono i consumi di energia, calano leggermente le emissioni di CO2, prezzi in discesa e rinnovabili ai massimi storici. Il nuovo report Enea.     Pubblicata da Enea l'analisi trimestrale del sistema energetico italiano che si ...

12/04/2018

Risparmio energetico e riqualificazione edilizia a Klimahouse Toscana

Appuntamento a Firenze dal 13 al 15 aprile presso il Nelson Mandela Forum per approfondire le soluzioni e tecnologie a basso impatto ambientale per abitazioni confortevoli ed energeticamente efficienti     Si rinnova l'appuntamento a Firenze ...

11/04/2018

Soluzione innovativa di facciata per il risparmio energetico

Impianti di distribuzione integrati nella facciata degli edifici per la gestione del riscaldamento, raffrescamento e il ricambio d’aria: l'innovativa soluzione sviluppata da Eurac Research e l’azienda Stahlbau ...

05/04/2018

Dalle foglie che svolazzano nuova fonte di energia?

Dal passaggio tra luce e ombra che si crea al movimento delle foglie al vento si può generare energia pulita. I risultati di uno studio della Linköping University     In futuro potrebbe essere possibile raccogliere energia con ...

04/04/2018

Normativa comunitaria su emissioni di CO2 dei mezzi pesanti

La Commissione accoglie con favore l'ambizioso accordo raggiunto per la prima volta con il Parlamento Europeo sulla legislazione dell'UE in materia di monitoraggio e comunicazione delle emissioni di CO2 dei veicoli pesanti       I ...

29/03/2018

Le città galleggianti possono salvare gli oceani

La prima città galleggiante potrebbe diventare presto realtà: energeticamente autosufficiente, 100% rinnovabile e rispettosa dell’ambiente marino. Sorgerà a circa un km dalla riva all’interno di una meravigliosa laguna ...