IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > OpportunitÓ e prospettive della valorizzazione del comparto termico

OpportunitÓ e prospettive della valorizzazione del comparto termico

Si è svolto il 14 aprile il convegno degli Amici della Terra sulle rinnovabili termiche con la partecipazione delle associazioni industriali del settore e gli interventi del Professor Alessandro Ortis, Autorità per l'energia, del Dott. Nando Pasquali, Amministratore delegato del GSE, e del Sottosegretario del Ministero per lo sviluppo economico Stefano Saglia.
Il convegno ha messo in luce che per il raggiungimento dell'obiettivo del 17% di energia rinnovabile al 2020, la produzione e il recupero di calore sono destinati a fornire il contributo più rilevante, con importanti ricadute economiche ambientali e sociali.
"Attualmente il settore termico contribuisce solamente per 2,2 Mtep, ovvero il 29% delle rinnovabili, a fronte di un potenziale del 60% al 2020 (pari a 16 Mtep in termini assoluti, più di sette volte tanto il valore attuale) -ha detto Rosa Filippini, Presidente degli Amici della Terra-. Eppure questo potenziale non è conosciuto dall'opinione pubblica, è snobbato dal mondo politico, è sottovalutato dal dibattito sulle strategie energetiche, accede ad incentivi in modo incongruo e disordinato. L'elaborazione del Piano nazionale può rappresentare l'occasione per delineare una strategia energetica di qualità, che apra la strada all'uso razionale e sostenibile dell'energia, tenga conto del potenziale effettivo delle diverse fonti, dell'impatto sul territorio e dello sviluppo di filiere industriali avanzate, limitando il rischio di speculazioni a spese degli utenti."
Secondo il Prof. Alessandro Ortis, Presidente dell'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas "Il miglioramento dell'efficienza nell'uso dell'energia, anche attraverso le "rinnovabili termiche", dovrà necessariamente assumere un ruolo determinante per poter rispettare gli impegni nazionali e comunitari connessi al cosiddetto "Pacchetto 20-20-20 al 2020". In questo senso l'Autorità per l'energia sta intensificando il suo impegno a favore del meccanismo "certificati bianchi" applicato al comparto termico. Per apprezzare il ruolo delle "rinnovabili termiche" si può confrontare la specificità delle varie rinnovabili. Ad esempio, secondo la normativa corrente, tra pochi anni arriveremo per il fotovoltaico ad un onere sulle bollette elettriche di oltre 3 miliardi con impegno ventennale; questo forte investimento consentirà di sostituire, in termini di fonti primarie, meno dell'1% dei consumi fossili con fonti rinnovabili. Lo stesso impegno finanziario, se destinato ad interventi di efficienza energetica nel comparto termico, potrebbe produrre risultati almeno cinque volte superiori, con ricadute industriali ed occupazionali molto rilevanti. Anche per questo motivo, l'Autorità per l'energia ha appena approvato con la delibera EEN 9/10 tre nuove metodologie che consentono l'accesso semplificato al meccanismo dei "certificati bianchi" per qualunque tipologia di sistemi di riscaldamento e raffrescamento in ambito civile, andandosi ad aggiungere a quelle già in vigore, relative al solare termico e alle pompe di calore: sistemi centralizzati di climatizzazione, piccoli sistemi di cogenerazione e sistemi di teleriscaldamento per la climatizzazione e la produzione di acqua calda sanitaria. Considerati i positivi risultati raggiunti, rispetto all'introduzione di nuovi sistemi di incentivazione ad hoc per le "rinnovabili termiche", è importante dare priorità al prolungamento e rafforzamento del meccanismo dei "certificati bianchi" ad esse già con successo dedicato.
Per il Dott. Nando Pasquali, Amministratore delegato del GSE, "Occorre costruire un quadro che porti alla riduzione dei consumi finali di energia e che consenta la crescita dell'impiego delle rinnovabili in tutti i settori. Evitando peraltro di puntare l'attenzione solo sugli incentivi. Obblighi, informazione, formazione di una cultura energetica e stimolo ai buoni comportamenti, semplificazione delle procedure autorizzative, stabilizzazione del quadro normativo e potenziamento della rete di trasmissione e distribuzione, saranno le carte su cui puntare per vincere la partita. Inoltre, secondo Pasquali, in parallelo alle azioni di promozione, sarà necessario adeguare alle esigenze introdotte dalla Direttiva il sistema statistico nazionale, nel quale al momento gli usi termici delle energie rinnovabili non appaiono ancora adeguatamente monitorati".
L'on. Stefano Saglia, Sottosegretario del Ministero dello Sviluppo Economico con delega all'energia, ha affermato: "Sono convinto del fatto che per raggiungere un Piano Nazionale al 2020 per le fonti rinnovabili, bisogna sviluppare dei punti di massima importanza.
• Il primo di questi riguarda il raggiungimento di obiettivi comunitari attraverso un sostegno più accentuato alla produzione di calore da fonti rinnovabili. Si tratta di una necessità, anche alla luce delle modalità con cui sono fissati gli obiettivi dal pacchetto 20 - 20 - 20 e che agiscono sui consumi complessivi di energia e non solo sull'elettricità e sui carburanti per trasporto. Tra l'altro, è importante ricordare che il sistema di contabilizzazione valorizza fortemente gli usi termici e che, nel potenziale complessivo da fonti rinnovabili al 2020, è prevalente la quota da calore rispetto a quella da elettricità. Nonostante i buoni propositi, appare condivisibile che la situazione in Italia non sia pienamente soddisfacente per una serie di meccanismi che ancora non sono del tutto strutturali. Basti pensare ai "certificati bianchi", strumento attualmente non idoneo a stimolare iniziative anche poco lontane dalla competitività, oppure alla "agevolazione fiscale" limitato però al teleriscaldamento da biomasse e geotermia. Per questi motivi appena illustrati, il Governo è impegnato ad una riflessione articolata ed alla predisposizione di una proposta organica che sarà disegnata nel Piano Nazionale d'azione sulle fonti rinnovabili e poi formalizzata nel decreto legislativo di recepimento della direttiva 2009/28/CE.
• Il secondo punto riguarda il necessario inserimento di un sostegno alla produzione di calore da fonti rinnovabili in una strategia complessiva sul settore.
Ciò significa:
a) stabilizzare i sistemi di incentivazione, ossia incentivi stabili e a basso rischio (come le tariffe fisse) per le tecnologie meno mature accompagnati da sostegno continuo a ricerca e sviluppo ed incentivi più orientati al mercato per le tecnologie con minor gap di competitività economica;
b) stabilizzare e semplificare i meccanismi di autorizzazione, attraverso le linee guida che il Governo è impegnato a licenziare.
Infatti, il testo delle linee guida (previste dal d.lgs. 387/03) ponendo regole procedimentali unitarie ed omogenee per tutto il territorio nazionale, contribuirà alla creazione di un sistema amministrativo efficiente. Lo schema del provvedimento è oggi finalmente condiviso dalle Amministrazioni statali competenti e dalle Regioni e dovrebbe quindi essere approvato al più presto dalla Conferenza Unificata.
Pari attenzione andrà posta agli impianti per la produzione da calore;
c) condividere gli obiettivi europei con le regioni (Burden sharing), nel senso che l'art. 8 bis della legge 27 febbraio 2009 n. 13 prevede la ripartizione tra Regioni e Province autonome della quota minima di incremento dell'energia prodotta con fonti rinnovabili per raggiungere l'obiettivo, posto dalla direttiva, del 17% del consumo interno lordo entro il 2020. E' stato avviato dal Mise, in collaborazione con l'Enea e con l'Erse, un lavoro di ricognizione della situazione, degli obiettivi già assunti dalle singole regioni e di elaborazione di criteri di ripartizione di quanto serve per raggiungere gli scopi preposti. A breve il testo dovrebbe essere consolidato e potrà essere sottoposto a consultazione, per concluderlo, presumibilmente, entro la prossima estate;
d) promuovere l'efficienza energetica, essendo questa una risorsa a cui è necessario dare impulso proprio nell'ottica dello sviluppo del sistema imprenditoriale italiano. In tal senso, la legge 99/2009 ha previsto il varo di un Piano straordinario per l'efficienza ed il risparmio energetico dove gli strumenti operativi di questa strategia sono molteplici: promozione della cogenerazione diffusa, misure volte a favorire l'autoproduzione di energia per le piccole e medie imprese, rafforzamento del meccanismo dei titoli di efficienza energetica, promozione di nuova edilizia a rilevante risparmio energetico e riqualificazione energetica degli edifici esistenti, incentivi per l'offerta di servizi energetici. Sul Piano, il Ministero dello sviluppo economico sta lavorando con Enea ed Erse ed a breve sarà definito un testo da portare in consultazione.
 
Per ulteriori informazioni e per scaricare gli interventi dei relatori
www.amicidellaterra.it

TEMA TECNICO:

Solare termico

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
27/07/2017

Qualche consiglio per la scelta dei pannelli solari termici

Come scegliere l’impianto solare termico più adatto alle proprie esigenze? I consigli di Viessmann     Sostenibilità ambientale, diminuzione delle fonti fossili a favore delle rinnovabili, riduzione delle emissioni inquinanti, ...

25/07/2017

Eindhoven raccoglie la sfida della sostenibilitÓ con Nieuw Bergen

Il progetto di tetti verdi e giardini tascabili di MRVD e SDK      Eindhoven non perde un colpo in fatto di sostenibilità. Nieuw Bergen è il nome del progetto ipermoderno che ridisegna un'area di 29.000 metri ...

18/07/2017

Nuovo skyline per Lodi con Torre Zucchetti

L'ormai ex Pirellino rinasce più eco-friendly che mai     In occasione della tanto attesa inaugurazione, si torna a parlare di Torre Zucchetti, la nuova futuristica impresa di Marco Visconti. Realizzato con la collaborazione di MAP ...

16/06/2017

Un vecchio edificio in classe G diventa NZEB

Tra i progetti vincitori del concorso Viessmann 2016 la ristrutturazione efficiente di un edificio del 1929, trasformato in un immobile passivo, a energia quasi zero     Il Concorso di idee Viessmann del 2016 “Innovazioni tecnologiche e ...

07/11/2016

Un anno difficile per il solare termico nel 2015

Il settore ha il potenziale per poter fare di più nel raggiungimento degli obiettivi per il clima del 2020, ma 2015 ancora in contrazione      Secondo l'ultimo rapporto pubblicato da Estif, associazione europea degli impianti solari ...

30/06/2016

Aggiornato il contatore rinnovabili non fotovoltaiche

A maggio 2016 in calo di 51 milioni di euro rispetto al mese precedente il Contatore del “costo indicativo cumulato annuo degli incentivi” riconosciuti agli impianti a fonti rinnovabili diversi da quelli fotovoltaici.  

30/06/2016

E' on line il portale per richiedere gli incentivi rinnovabili non fotovoltaiche

Dal GSE chiarimenti sulle procedure applicative del decreto DM 23 giugno 2016 e sulla pubblicazione bandi per la partecipazione ai registri     E' da oggi in vigore il Decreto DM 23 giugno 2016 che incentiva la produzione di ...

29/06/2016

Consumi di energia da rinnovabili nelle Regioni

Il GSE ha pubblicato sul proprio sito i dati statistici sui consumi finali da FER divisi per Regione, ripartiti per fonte e con monitoraggio degli obiettivi burden sharing       Il GSE, nell’ambito dell’attività di ...