IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Per la prima volta l'Italia partecipa al Solar Decathlon Europe

Per la prima volta l'Italia partecipa al Solar Decathlon Europe

Solar Decathlon Europe è un concorso promosso dal Dipartimento USA per l'energia che dal 2001 si svolge a Washington ogni due anni e che si pone l'obiettivo di realizzare prototipi abitativi innovativi, sostenibili ed autosufficienti, grazie in particolare all'energia solare.
Nel 2012 la manifestazione si svolgerà a Madrid e, per la prima volta, anche l'Italia sarà presente con il progetto MED in Italy realizzato da alcuni docenti di Architettura, Economia ed ingegneria dell'Università Roma TRE e un piccolo team di Disegno industriale della Sapienza Università di Roma, coordinati da Chiara Tonelli, supportati dal contributo attivo degli studenti e dal finanziamento delle più prestigiose industrie italiane.
Il team di MED in Italy intende progettare una casa che affondi le sue radici nella tradizione del sud del Mediterraneo e nella sua cultura materiale, in un rapporto dialettico con la contemporaneità. Il filo rosso che lega la tradizione costruttiva del bacino del Mediterraneo è stato la dominazione romana che ha lasciato un'eredità indelebile nel modo di abitare e di organizzare lo spazio domestico, riconoscibile nella "domus" romana, succedanea della casa greca e matrice della casa araba, di quella catalana, della casa-corte campidanese.
Quindi, pur all'interno di un linguaggio e di modalità tecnico-costruttive avanzate e contemporanee, ci si orienta verso nuovi scenari di sostenibilità ambientale basati sull'ottimizzazione delle risorse locali climatiche e materiche. Questo comporta la concezione di un edificio con "massa" dal funzionamento prevalentemente passivo che, nonostante il suo peso, risulti assemblabile e trasportabile. La soluzione prospettata prevede uno scheletro, leggero, smontabile e trasportabile, e un materiale pesante di riempimento da reperire in loco e da montare a secco.
Rispetto alla contemporaneità invece il progetto si basa sulle soluzioni impiantistiche più performanti ed attuali come il fotovoltaico organico, il solare freddo, utilizzando come apporto "di compenso" il calore, o la domotica, le cui potenzialità verranno amplificate grazie alle opportunità offerte da sistemi wireless o dalle APP degli smartphone di ultimissima generazione, in cui la tecnologia non sarà esibita bensì discreta e celata e sempre user-friendly, al fine di creare comunicazione diretta tra ambienti e utente anche a distanza.
Alla base del progetto anche la sostenibilità economica: bassi costi di trasporto grazie a materiali da movimentare leggeri (legno), bassi costi di acquisto grazie a materiali poveri ed economici, bassi costi energetici grazie a materiali naturali e rinnovabili, basso impatto ambientale grazie a materiali locali e al montaggio a secco. E infine anche la sostenibilità sociale, generata dalla forte adattabilità del progetto abitativo a contesti territoriali svantaggiati, siano essi zone depresse per motivi climatici e/o economico-politici (vedi alcune zone del nord Africa) oppure territori da riurbanizzare in seguito a calamità naturali (p.e. terremoti).

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
13/07/2018

+2% per le rinnovabili nel primo trimestre 2018

Pubblicata l'analisi trimestrale Enea per il periodo gennaio-marzo 2018: crescono i consumi di energia e le rinnovabili grazie all'ottima performance dell'idroelettrico. Emissioni CO2 stabili     Enea ha pubblicato il consueto Rapporto ...

12/07/2018

Continua il viaggio intorno al mondo del catamarano 100% rinnovabile

Rimarrà fino al 16 luglio a Venezia la prima imbarcazione al mondo a zero emissioni alimentata da idrogeno che ha iniziato a navigare nell'estate 2017       Energy Observer è la prima barca al mondo alimentata a ...

10/07/2018

La "Super Finestra" che pu far risparmiare 10 mld di dollari l'anno di costi energetici

Il Laboratorio Nazionale Lawrence Berkeley del Dipartimento dell'Energia (Berkeley Lab) sta lavorando con i produttori per portare sul mercato una "super finestra" che sia almeno due volte più isolante del 99% delle finestre presenti sul ...

05/07/2018

Qualche suggerimento per affrontare i rincari di luce e gas

In un recente comunicato ARERA ha anticipato che le nostre bollette subiranno rincari significativi, pari a +6,5% per l'elettricità e +8,2% per il gas. I piccoli accorgimenti per limitare gli aumenti       ARERA, Autorità di ...

29/06/2018

Efficienza e risparmio di CO2 dalla corretta gestione degli impianti di condizionamento

Entro il 2060 la domanda di energia per il raffrescamento sarà superiore a quella per il riscaldamento, con aumento del surriscaldamento. Pubblicato il Global Opportunity Report con indicazioni per l'efficientamento degli impianti di ...

25/06/2018

Risparmio energetico di luce e gas: come contenere i consumi e rispettare lambiente

Qualche consiglio pratico per evitare sprechi energetici nei consumi domestici di luce e gas   a cura di Fabiana Valentini     Luce e gas, quanto mi costate! Nel 2018 le bollette sono diventate ancor più salate rispetto agli anni ...

20/06/2018

In che modo l'evoluzione del sistema energetico influenzer l'esigenza di stoccaggio di energia?

L'Associazione europea per lo stoccaggio dell'energia (EASE) ha pubblicato uno studio che stima la capacità di stoccaggio necessaria per consentire all'Europa di raggiungere i propri obiettivi di decarbonizzazione.     Pubblicato da ...

12/06/2018

L'italia pu arrivare al 59% di elettricit da rinnovabili entro il 2030

Un nuovo studio dell'European Climate Foundation mostra che per l'Italia le tecnologie pulite meno costose rappresentano un'opportunità capace di stimolare maggiori ambizioni in materia di clima ed energia, in linea con gli obiettivi dell'accordo di ...