IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Recupero, riuso e risparmio energetico per il Pixel Building

Recupero, riuso e risparmio energetico per il Pixel Building

Situato a breve distanza dal centro cittadino di Melbourne il Pixel Building, progettato dallo Studio 505, è il primo edificio australiano con emissioni di anidride carbonica pari a zero.
Il nome dell'edificio dipende dal particolare aspetto delle facciate che, tramite l'utilizzo di pannelli colorati e di forma irregolare richiama appunto la conformazione di una composizione di pixel.
L'impegno verso la sostenibilità dell'intero intervento ha interessato direttamente la scelta dei materiali, dei prodotti e delle tecnologie. E' stata utilizzata una miscela di calcestruzzo composta al 56% da inerti riciclati provenienti dalle demolizioni eseguite nell'area e la gran parte delle armature proviene dalla fusione di rottami per ridurre il quantitativo di energia incorporata in fase di produzione. Anche i pannelli esterni che fungono da frangisole, sono ricavati da materiale di scarto riciclato rivestiti da una sottile lamina di alluminio.
Il Pixel Building è in grado di provvedere autonomamente al proprio fabbisogno energetico, producendo più energia di quanto ne consumi.
L'impianto idraulico è stato concepito per auto alimentarsi grazie alle precipitazioni atmosferiche e per provvedere al riuso dell'acqua piovana che può essere immagazzinata in una grossa cisterna interrata e riutilizzata all'interno dell'edificio per scopi non potabili come lo scarico dei wc e delle docce.
L'impianto di climatizzazione è basato su un sistema misto, radiante ad attivazione della massa con ventilazione meccanica.
La produzione di energia elettrica è affidata a tre turbine eoliche, inoltre un grande impianto fotovoltaico installato sul tetto dell'edificio, con un sistema di orientamento automatico che garantisce un rendimento del 40% superiore rispetto a pannelli fissi

Per riscaldare e raffreddare l'edificio sono utilizzate 4 pompe di calore ad assorbimento Robur (potenza unitaria: 35,3 kWt; 16,9 kWf; assorbimento elettrico 0,9 kW) utilizzano il ciclo termodinamico acqua-ammoniaca (NH3 - H2O) e l'aria esterna (in un range di utilizzo variabile: 0 °C÷45 °C per raffrescamento; -20 °C÷3 5 °C per riscaldamento) come fonte energetica rinnovabile (in media, il 35% della potenza termica utile), per produrre in modo alternato acqua calda o fredda.
Diversamente dai cicli a compressione, il circuito ermetico non necessita di rabbocchi durante l'intero ciclo di vita dell'unità. In caso di basse temperature dell'aria, il ciclo di sbrinamento automatico dura  pochi minuti e assicura l'erogazione del 50% della potenza. Il numero contenuto di parti in movimento favorisce l'affidabilità di queste macchine aerotermiche, che possono superare efficienze puntuali del 140% producendo acqua a temperature comprese fra 3 °C e 60 °C, a fronte di una riduzione fino al 86% del fabbisogno di energia elettrica rispetto a sistemi elettrici tradizionali.

Grazie all'attenzione dedicata in fase progettuale ai diversi aspetti della filosofia sostenibile, riassumibili con le classiche tre "R" di recupero, riuso e risparmio, il Pixel Building ha ottenuto il punteggio più alto di "Green Stars" mai assegnato dal Green Building Council of Australia, e una prestigiosa serie di premi a livello internazionale che ha portato la Grocon, società coordinatrice del progetto, a definire il Pixel Building come "uno degli edifici più sostenibili al mondo".

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
21/07/2017

Polo d’eccellenza made in Italy a Nairobi

In via di realizzazione a Nairobi un centro ospedaliero d’avanguardia realizzato in una zona green nel rispetto dell’ambiente     E’ stato presentato nei giorni scorso l’East African Kidney Institute Centre of Excellence ...

20/07/2017

Riqualificazione efficiente secondo il protocollo CasaClima R

Il progetto vincitore del concorso Viessmann 2016 per la riqualificazione energetica e il miglioramento del comfort abitativo interno di un edificio a Riccione       Lo Studio Tecnico Associato Newton è stato premiato lo ...

20/07/2017

Tour Maraîchère, per una banlieue a filiera corta

A pochi chilometri da Parigi l'innovativa doppia fattoria verticale autosufficiente dal punto di vista energetico.     E’ il 2015 quando a Parigi si firma l’accordo COP 21 sulla riduzione del surriscaldamento globale. Se da ...

18/07/2017

Nuovo skyline per Lodi con Torre Zucchetti

L'ormai ex Pirellino rinasce più eco-friendly che mai     In occasione della tanto attesa inaugurazione, si torna a parlare di Torre Zucchetti, la nuova futuristica impresa di Marco Visconti. Realizzato con la collaborazione di MAP ...

14/07/2017

Per le situazioni di emergenza la casa è rinnovabile e autosufficiente

LIFEHAUS è un progetto che sviluppa abitazioni neutrali a basso consumo energetico e autosufficienti, partendo da materiali di riciclo.
     L'architetto libanese Nizar Haddad ha realizzato il progetto LIFEHAUS ovvero ...

13/07/2017

Piazza Gae Aulenti: il belvedere si tinge di green

piuarch vuole un tetto verde per il Porta Nuova Building.       Con un po' di ritardo rispetto ai colleghi europei, anche la capitale meneghina da qualche tempo ripensa lo sviluppo urbanistico in altezza e senza più freni. Palazzo ...

12/07/2017

Casa Smart Plus a emissioni quasi 0

Un sistema costruttivo innovativo che assicura contenimento dei consumi, risparmio in bolletta e utilizzo esclusivo di energie rinnovabili     Presentato recentemente a Casale sul Sile, in provincia di Treviso, il primo cantiere aperto Casa ...

12/07/2017

Eco-villaggio sostenibile H20S in Senegal

Nasce l’eco-villaggio progettato dallo studio veneziano TAMassociati all’insegna dell’ecologia e dello sviluppo comunitario.       In un territorio come quello africano desertificazione ed emigrazione sono solo alcuni dei ...