IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Polo d’eccellenza made in Italy a Nairobi

Polo d’eccellenza made in Italy a Nairobi

In via di realizzazione a Nairobi un centro ospedaliero d’avanguardia realizzato in una zona green nel rispetto dell’ambiente

 

 

E’ stato presentato nei giorni scorso l’East African Kidney Institute Centre of Excellence (EAKI), un nuovo centro ospedaliero, specializzato in particolare in nefrologia e urologia, che sarà realizzato a Nairobi, in Kenya, da Politecnica, tra le più importanti società di progettazione integrata a capitale italiano, in collaborazione con il Governo del Kenya.

Politecnica prevede la realizzazione in tempi molto stretti della nuova struttura grazie alle capacità organizzative, gestionali e di conoscenza delle metodiche d’avanguardia.

 

Il progetto "excellence in healthcare" è destinato a diventare un punto di riferimento nel continente africano e un polo di eccellenza per quanto riguarda la ricerca sulle Scienze biomediche, coprirà un bacino di utenza più vasto di quello keniota che, in particolare, interesserà le aree dell’Etiopia, Somalia e Tanzania, cui saranno riservati spazi ed aree ospedaliere dedicate e realizzate secondo standard sanitari approvati e riconosciuti a livello internazionale.

 

Il progetto rientra nel programma di finanziamento attuato dall’African Development Bank nei confronti del Governo Kenyota, che ha l’obiettivo di aiutare il mercato del lavoro locale, in questo caso destinato ai professionisti qualificati nelle specialità biomediche di nefrologia e urologia all'interno dell'East Africa’s Centre of Excellence (EAC).

 

 

 

L’ospedale, che secondo il Ministero della Sanità del Kenya prevede un investimento di circa 16 milioni di euro, si svilupperà su una superficie complessiva di 15.000 m2, e verrà realizzato in una zona verde, nelle immediate vicinanze del Kenyatta National Hospital e del Polo Universitario nazionale.

 

L’edificio si svilupperà su 5 piani e caratterizzerà tutta l’area grazie a una progettazione contemporanea ma contemporaneamente attenta al rispetto dell’ambiente circostante, agli aspetti bioclimatici, alle problematiche di approvvigionamento idrico ed ai valori urbani.

 

Il progetto verrà realizzato completamente in ambiente BIM (Building Information Modeling), da un team multidisciplinare internazionale che ha analizzato ogni dettaglio a seconda delle specifiche esigenze del contesto ambientale, culturale e sanitario, in modo da assicurare per i futuri pazienti massima qualità di fruizione e di gestione.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
15/12/2017

Come si vive in una CasaClima? Scopriamolo a Bolzano

In occasione di Klimahouse si rinnova l'appuntamento con gli Enertour, visite guidate alla scoperta degli edifici più virtuosi ed efficienti della Regione        Si conferma anche per l’edizione 2018 di ...

13/12/2017

Passivhaus tra tecnologia e obblighi di legge

Il metodo Passivhaus per il raggiungimento dell'obbligo per gli edifici pubblici e privati di edifici dello standard NZEB, a energia quasi zero       Si è svolta a Bologna la 5^ conferenza nazionale ...

12/12/2017

Efficienza energetica e sostenibilità di una Casa di riposo

Una nuova Casa di riposo realizzata in provicia di Bergamo unisce una progettazione attenta a sostenibilità ed efficienza a massima attenzione ai bisogni di comfort e privacy degli ospiti     In tutta Europa e nel nostro Paese in ...

07/12/2017

aVOID, mini casa mobile dotata di ogni comfort

La mini-casa firmata dal giovane architetto Leonardo Di Chiara, in 9mq soddisfa ogni comfort, sposando uno stile di vita più sostenibile     Prototipo di “casa mobile” ispirata alla tipologia americana di tiny house, casa ...

30/11/2017

Koi Cafè ad Hanoi: il progetto green di Farming Architects

Lo studio Farming Architects ha ricreato un ecosistema all’interno di un locale: un ambiente raffinato circondato da uno stagno per le carpe Koi, una cascata al coperto e un orto sul tetto.       Quanti di voi sognano di poter ...

22/11/2017

Una casa passiva a 1800 mt che non necessita di riscaldamento

Casa UD è un'abitazione passiva che grazie all'uso di soluzioni costruttive 100% naturali non utilizza combustibili fossili e non necessita di impianti di riscaldamento né di condizionamento    
Lo studio Tiziana Monterisi ...

21/11/2017

A Genova il modulo abitativo sperimentale ed energeticamente autonomo

Biosphera 2.0, il modulo abitativo sperimentale ed energeticamente autosufficiente ospitato a Genova in occasione del Festival della Scienza     Un interessante fuori programma per Biosphera 2.0, modulo abitativo passivo che dal 2016 è ...

16/11/2017

Campus di Humanitas University immerso nel verde

Inaugurato il nuovo Campus Humanitas che comprende 3 edifici su uno spazio di 25 mila metri quadrati. Tanto verde, grandi vetrate per un'illuminazione efficiente, massimo comfort    
Inaugurato a Milano, in occasione ...