IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Porcelanosa: ricerca e innovazione al servizio del progetto BiosPHera 2.0

Porcelanosa: ricerca e innovazione al servizio del progetto BiosPHera 2.0

Progetto per la realizzazione di un modulo abitativo sperimentale energeticamente autonomo

Il Gruppo Porcelanosa è da sempre sensibile protagonista nel campo della ricerca e dell’innovazione, anticipatore di tendenze e punto di riferimento e di stimolo per l’intero settore delle finiture e dei sistemi per l’edilizia e dei materiali e dei complementi per l’interior design.

Partner ideale, dunque, per qualsivoglia esperienza intenda proiettarsi nel futuro con visione strategica e con l’obiettivo di elaborare soluzioni creative e vincenti ai problemi del presente, prefigurando scenari per ora solo immaginabili.

 

È per queste ragioni che Porcelanosa ha sposato con entusiasmo e generosità il progetto BiosPHera 2.0 by Aktivhaus, concepito congiuntamente al Dipartimento di Architettura e Design del Politecnico di Torino, per la realizzazione di un modulo abitativo sperimentale energeticamente autonomo.
Il know-how aziendale di Porcelanosa, in particolare, ha valorizzato i rivestimenti interni e le soluzioni arredative di questo avanzatissimo microhabitat, che è inteso anche quale momento di esplorazione di un nuovo e aggiornato concetto dell’abitare.

 

 

Più nel dettaglio, si tratta di una struttura della dimensione di un container, che consente l’ingresso della giusta quantità di sole e luce, valutata in base alle reazioni del nostro organismo, ed è costruita in pannelli di legno x-lam, secondo criteri di massima sostenibilità. In inverno le perdite di calore per trasmissione attraverso l’involucro vengono quasi interamente compensate dagli apporti passivi gratuiti dovuti all’irraggiamento solare dalle finestre e al calore generato dagli occupanti; l’energia necessaria per pareggiare il bilancio termico residuo viene prodotta da sistemi non convenzionali (pannelli fotovoltaici, pompe di calore).

 

 

Un’esperienza che si prefigge, lungo un percorso itinerante, dai -10°C di Courmayeur ai + 40°C di Rimini, di verificare al vero la risposta prestazionale del manufatto nelle diverse condizioni microclimatiche in cui sarà, di volta in volta, collocato. Ma pure di costituire stazione sperimentale di ricerca scientifica e tecnologica e di monitoraggio ambientale degli specifici contesti ove posizionato.

 

 

 

La conferenza di illustrazione della più generale filosofia del progetto e l’inaugurazione del modulo sono previste per martedì 1 marzo, a Courmayeur, dove questo modulo è stato inizialmente installato, rispettivamente alle ore 14.00 e 17.00.

Sarà l’occasione per “toccare” al vero l’eccellenza di un’iniziativa capace di far convergere sinergicamente ricerca universitaria, realtà di punta della progettazione e dell’impresa e mondo della produzione, intorno ai temi della sostenibilità ambientale e dell’innovazione: un gioco di squadra, di cui Porcelanosa - quale azienda leader di mercato - non poteva non essere protagonista.

Il progetto è stato, infatti, promosso da Aktivhaus, Politecnico di Torino, Vda structure, Univda e dagli istituti Zephir, Minergie e Pefc, con il patrocinio della Regione Valle d'Aosta.

Il concept è frutto di un concorso lanciato dal gruppo WoodLab del Politecnico di Torino e dalla start up Be-eco, a cui hanno partecipato 100 studenti di architettura e ingegneria: il progetto vincitore, Elio, è stato assunto come linea guida per sviluppare il modulo abitativo con il concorso di partner aziendali quale, per l’appunto, Porcelanosa.

Scarica il programma dettagliato dell'incontro di domani primo marzo a Curmayeur 

a cura di Claudio Sangiorgi
Il modulo sperimentale a consumi energetici zero, BiosPHera 2.0 ripreso nella sua prima collocazione a Courmayeur in occasione dell'inaugurazione del progetto itinerante

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
18/07/2018

Larcipelago di Vega, patrimonio Unesco, ospita il suo primo centro per visitatori

La prossima primavera si inaugura il centro visite del sito Unesco dell’Arcipelago Vega. Una struttura sobria, elegante, realizzata con materiali robusti e naturali. Un manifesto della cultura popolare norvegese, incastonato in un paesaggio ...

13/07/2018

Vivere e lavorare in un edificio BIO in legno

Il titolare dell’Azienda Agricola Debiasi ha affidato a Vario Haus la realizzazione di un edificio totalmente sostenibile, che ospita l’abitazione, il laboratorio e il punto vendita     Stefano Debiasi, titolare dell’omonima ...

12/07/2018

Casa G a energia quasi 0 realizzata in bioarchitettura

Dalla riqualificazione di un rustico di fine 800 Tiziana Monterisi Architetto ha realizzato a Moneglia un’abitazione Nzeb utilizzando esclusivamente materiali naturali e spesso poco sfruttati in edilizia quali paglia di riso, argilla, cocciopesto e ...

09/07/2018

Il Politecnico di Torino firma un progetto sostenibile per le Olimpiadi della Cina

Il Politecnico di Torino realizza “Il Parco Dora di Shougang” una delle sedi che ospiteranno le olimpiadi invernali del 2022 in Cina, progetto sostenibile e a “zero consumo di suolo”.     Nasce dalla riqualificazione ...

29/06/2018

Un edificio in sinergia con la lussureggiante natura canadese

Il progetto dell'Audain Art Museum di Patkau Architects insignito del RIBA International Prize 2018, un edificio in vetro e legno immerso nella natura   a cura di Fabiana Valentini     Un edificio di design immerso nella natura e custode ...

27/06/2018

Occitanie Tower, la torre di 40 piani con la spirale verde

Nella zona est di Tolosa sorgerà il primo grattacielo della città. Con i suoi 150 metri di altezza, l’edificio avrà una forma a spirale interrotta solo da un giardino pensile continuo che contrasta con il colore silver delle ...

25/06/2018

A Vancouver il grattacielo di legno pi alto al mondo

L’archistar Shigeru Ban firma Terrace House, ambizioso progetto eco-friendly a Vancouver: un grattacielo ibrido di 71 metri in legno, vetro e acciaio   a cura di Fabiana Valentini     Le città del futuro saranno sempre ...

11/06/2018

Ecolibera, un nuovo progetto immobiliare che fa risparmiare

Ecolibera è un concetto di casa come organismo autosufficiente, capace di sfruttare il sole per produrre energia domestica e per la mobilità elettrica, cibo e acqua calda necessari al supporto vitale di chi la abita. Ecolibera è la tappa ...