Infobuild
I portali esteri di Infobuild
Iscriviti alla newsletter
Riceverai gratuitamente tutte le informazioni su architettura sostenibile, risparmio energetico e fonti rinnovabili
IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Prestazioni energetiche degli edifici: nuovo progetto di norma UNI

Prestazioni energetiche degli edifici: nuovo progetto di norma UNI

Un nuovo progetto di norma nazionale viene sottoposto in questi giorni dall'UNI - e sino al prossimo 5 aprile - all'inchiesta pubblica preliminare per verificarne il concreto interesse degli operatori e l'impatto sul mercato. Si tratta in particolare di una specifica tecnica che si applica al delicato settore dei consumi energetici nell'edilizia e che ha per titolo "Prestazioni energetiche degli edifici - Parte 2: Determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione invernale, per la produzione di acqua calda sanitaria, per la ventilazione e per l'illuminazione in edifici non residenziali".
Il documento intende fornire dati e metodi per la determinazione del fabbisogno di energia (termica e primaria) utile a diversi usi e per diverse tipologie di ambiente. La specifica tecnica si applicherebbe sia a sistemi di nuova progettazione che a sistemi  ristrutturati o già esistenti: per il solo riscaldamento; misti o combinati per riscaldamento e produzione di acqua calda sanitaria; per sola produzione di acqua calda per usi igienico-sanitari; per i sistemi di sola ventilazione; per i sistemi di ventilazione combinati alla climatizzazione invernale e infine per i sistemi di illuminazione negli edifici non residenziali.
A livello europeo esistono direttive e normative specificamente dedicate al contenimento dei consumi nell'edilizia oltre che alla certificazione energetica, a conferma di un interesse concreto - e già sufficientemente definito - per un ambito di sviluppo e di ricerca cruciale negli anni a venire.
Non a caso nelle scorse settimane si è tenuto in UNI un seminario internazionale sulle prospettive, nella UE e nel nostro Paese, relative all'applicazione della nuova direttiva comunitaria sulle performance energetiche degli edifici: la cosiddetta direttiva EPBD (Direttiva 2010/31/CE Energy Performance of Buildings Directive- EPBD recast).
In questo contesto, particolarmente articolato in Italia a causa di competenze non centralizzate, l'adeguamento e l'unificazione delle metodologie di calcolo dei fabbisogni energetici degli edifici sono aspetti di fondamentale importanza.
La specifica tecnica che si vuole sviluppare affronta pertanto questi temi, con l'intento anche di predisporre un quadro nazionale più ampio e coerente con gli scenari europei.
Si ricorda che l'inchiesta pubblica preliminare è un nuovo importante passaggio del processo normativo, volto a vagliare preventivamente le concrete esigenze del mercato in merito ai progetti che si vogliono avviare. Nasce dunque da esigenze di trasparenza ed efficienza, perché lo sviluppo di una norma deve aver luogo solo di fronte a un reale beneficio e individuando tutti i soggetti significativi degli interessi in gioco.
 

TEMA TECNICO:

Normativa

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
15/05/2015

Efficienza energetica e fonti rinnovabili, modalità operative per il riconoscimento dei costi del GSE

Come previsto dal Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 24 dicembre 2014, il GSE ha pubblicato le Modalità operative per il riconoscimento delle tariffe a copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle ...

Gse - modalità operative
14/05/2015

Informazione e formazione nel mondo della termoidraulica con Thermo Evolution

Il 26 Settembre 2015 sarà una data da ricordare per i produttori, i distributori e gli installatori del settore dei sistemi di riscaldamento. Da questo giorno, infatti, tutti i prodotti e i servizi termosanitari immessi sul mercato dovranno essere ...

Conferenza stampa 12 Maggio 2015
14/05/2015

Pubblicato in GU il decreto per l'efficienza energetica delle scuole, stanziati 350 milioni

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 109 del 13 maggio 2015 il Decreto interministeriale n. 66 del 14 aprile 2015, “Misure per l’efficientamento energetico degli edifici scolastici”, attuativo dell’ articolo 9, comma 8, ...

Pubblicato in GU il decreto per l'efficienza energetica delle scuole, stanziati 350 milioni
13/05/2015

Avviso MISE per sostenere la realizzazione di diagnosi energetiche delle PMI

Il Ministero dello sviluppo economico e il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare hanno pubblicato ieri l'Avviso che avvia il programma destinato a stimolare le piccole e medie imprese a rendere più efficienti i ...

Decreto per stimolare la diagnosi energetiche per le piccole e medie imprese
06/05/2015

Al via i due bandi Mise per Industria sostenibile e Agenda digitale

Si potranno presentare da fine giugno le istanze preliminari per accedere alle agevolazioni del Fondo per la crescita sostenibile che prevedono 400 milioni destinati dal Ministero dello Sviluppo Economico alle imprese che investono in grandi progetti di ...

Al via i due bandi Mise per Industria sostenibile e Agenda digitale
08/04/2015

Prestazione energetica degli edifici, ok delle Regioni su nuovi metodi di calcolo

La conferenza unificata delle Regioni del 25 marzo scorso ha dato l’ok definitivo al decreto Mise, emanato di concerto con il Ministero dell'ambiente e dei trasporti e di prossima pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, che definisce le modalità ...

Prestazione energetica degli edifici, ok delle Regioni su nuovi metodi di calcolo
31/03/2015

Estensione del reverse charge a edilizia, settore energetico e pallets

L'Agenzia delle Entrate con la circolare n.14/E fornisce importanti chiarimenti sulle novità introdotte dalla Legge di stabilità sull'estensione, a partire dal 1 gennaio 2015, del meccanismo di inversione contabile Iva (reverse charge) ...

Estensione del r everse charge a edilizia, settore energetico e pallets
26/03/2015

La Commissione Europea riprende l'Italia sul recepimento della Direttiva 2012/27 sull'efficienza energetica

La Commissione Europea ha aperto due procedure di infrazione a carico dell’Italia, la prima per il non corretto recepimento delle direttive 72 e 73 del 2009, (Terzo pacchetto sul mercato dell’energia) e, la seconda,   in merito ai ...

La Commissione Europea riprende l'Italia sul recepimento della Direttiva 2012/27 sull'efficienza energetica
Partnership