IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > PV Investment Grade: i SEU e le opportunità di sviluppo sostenibile del mercato

PV Investment Grade: i SEU e le opportunità di sviluppo sostenibile del mercato

I vantaggi dei Sistemi Efficienti di Utenza per lo sviluppo del fotovoltaico. La sostenibilità economica degli investimenti nei SEU

I Sistemi Efficienti di Utenza (SEU) sono configurazioni di rete costituite da uno o più impianti di produzione di energia elettrica con potenza nominale complessiva non superiore a 20 MW e installati sullo stesso sito, alimentati da impianti a fonte rinnovabili o in assetto cogenerativo ad alto rendimento, anche nella titolarità di una persona fisica o giuridica diversa dal cliente finale. Questi sono direttamente connessi, per mezzo di una rete privata senza obbligo di connessione di terzi, all’unità di consumo di un solo cliente finale (persona fisica o giuridica) e sono realizzati all’interno o nella disponibilità del medesimo cliente.

 

Questa soluzione ad oggi rappresenta un possibile modello di business per lo sviluppo delle rinnovabili, in particolare del fotovoltaico in grid parity, che consenta alle imprese interessate a questi sistemi di realizzare impianti in grado di massimizzare l’autoconsumo del cliente e, conseguentemente, risparmiare sulla spesa elettrica della società grazie all’eliminazione della componente degli oneri generali di sistema (o.g.s.) sull’energia consumata.
Questa soluzione risulta particolarmente interessante, nel caso del fotovoltaico, per le società energivore che assorbono la maggior parte dell’energia ad esse necessaria durante le ore di funzionamento dell’impianto stesso, in grado di massimizzare il livello di autoconsumo di energia elettrica prodotta.

 

Il vantaggio su cui si basano i SEU è l’esenzione dal pagamento degli o.g.s., che incidono sul prezzo dell’energia per una quota di circa il 20%, per la quantità prodotta e quindi autoconsumata, poiché questa non transita sulla rete elettrica nazionale. Gli oneri devono essere riconosciuti solo per la quota parte di energia che l’impresa acquista dalla rete per compensare il differenziale tra i consumi dell’impianto produttivo dell’impresa e la produzione dell’impianto rinnovabile o cogenerativo.
Questo modello di business potrebbe incrementare sensibilmente le installazioni di impianti fotovoltaici, e più in generale delle rinnovabili, grazie alla possibilità di intercettare un mercato che potenzialmente potrebbe interessare la quasi totalità delle PMI italiane, ad oggi oltre le 200.000 unità considerando quelle composte da 10 a 249 dipendenti.

 

Quello che sino ad oggi ha frenato lo sviluppo di questi sistemi è stata l’incompletezza normativa dovuta alla definizione dei SEU e la conseguente criticità legata al riconoscimento da parte dell’Autorità del sistema come tale, limitando conseguentemente la possibilità di accesso ai sistemi di finanziamento per l’implementazione di queste soluzioni.
A fronte di ciò, tra la fine del 2013 e la metà del 2014 si è potuto assistere a due importanti sviluppi normativi attesi dal 2008. Il primo, la Delibera 578/2013/R/EEL di Dicembre2013 dell’AEEGSI, definisce:

  • La categorizzazione dei SEU in modo definitivo e le modalità di accesso ad essi;
  • La possibilità di sfruttare il meccanismo dello Scambio sul Posto, purchè il titolare della convenzione sia il cliente e vi sia un accordo tra le parti contrattualmente definito;
  • Che il Punto di Connessione con la rete sia unico e gestito dal cliente finale;
  • La regole di accesso alle connessioni di emergenza per i produttori, semplificandole rispetto alla normativa precedente, in caso di inadempienze da parte del cliente;
  • L’esenzione per i SEU dal pagamento degli oneri generali di sistema, limitandone l’incidenza alla sola energia prelevata dalla rete, prevedendo però una possibile revisione futura del valore percentuale da riconoscere in base all’evoluzione degli o.g.s., così da evitare eccessive ripercussioni sugli utenti del sistema elettrico nazionale.

La circolare 12/D del 25 Luglio 2014 dell’Agenzia delle Dogane ha invece il compito di chiarire due aspetti: la necessità di riconoscere i SEU come tali da parte di enti autorizzati e la definizione del valore degli o.g.s. che dovranno essere riconosciuti negli anni successivi alla realizzazione del sistema. Per quanto concerne il primo punto, l’Autorità prevede necessariamente la certificazione come SEU da parte di Officine Elettriche autorizzate; per il secondo viene invece definito che il riconoscimento degli o.g.s. si baserà sull’energia consumata complessivamente dai SEU e sarà pari al 5% del valore teorico per gli impianti entrati in funzione entro il 2014. Per gli impianti realizzati dopo il 2015, l’Autorità definisce che gli oneri che dovranno essere riconosciuti saranno pari al 5% mantenendo però a discrezione del MiSE la possibilità di rivedere questo valore a partire dal 2016 con cadenza biennale e prevedendo un limite massimo di incremento. L’obiettivo del regolatore è quello di mantenere invariato il volume dei consumi su cui viene suddiviso il pagamento degli oneri stessi.

 

L’analisi riguardante la sostenibilità economica degli investimenti nei SEU sarà l’oggetto del convegno “PV Investment Grade”, organizzato da SMA Italia ed Energy &Strategy Group del Politecnico per Mercoledì 5 Novembre.
Un’occasione di dibattito e confronto in cui si potrà assistere ad interventi legislativi e tecnici e dalla case history di un grande impianto fotovoltaico realizzato in regime di SEU in Italia.
La partecipazione è gratuita previa registrazione sul sito SMA

A cura di Davide Rebosio, Project Manager Renewable Energy Report

TEMA TECNICO:

Solare fotovoltaico

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
19/01/2017

Nel 2016 cala la produzione fotovoltaica

Il "Rapporto statistico solare fotovoltaico" Pubblicato dal GSE evidenza un calo del 4,3% della produzione fv dei primi 11 mesi del 2016 rispetto allo stesso periodo del 2015     Come ogni anno il GSE, pubblica il “Rapporto statistico - ...

16/01/2017

Nel deserto israeliano la più alta torre solare del mondo

La torre Ashalim sarà alta 250 metri e riceverà la luce riflessa da un campo di 50.000 pannelli eliostati     E’ in costruzione nel deserto israeliano del Negev la torre solare più alta del mondo che con i suoi 250 ...

13/01/2017

Al Campus di Savona autonomia energetica e rinnovabili

Lo Smart Energy Building vanta autosufficienza energetica grazie a geotermia, fotovoltaico e movimento degli studenti       Prosegue l’impegno del Campus di Savona quale Centro di Innovazione nazionale sulle tecnologie per la Smart ...

09/01/2017

Il Milleproroghe ferma obbligo rinnovabili al 35%

Rinviato al 2018 l’obbligo della quota del 50% di utilizzo delle rinnovabili termiche nei nuovi edifici o per le ristrutturazioni rilevanti  
Il decreto Milleproroghe, pubblicato nella Gazzetta ufficiale 304 del 30 dicembre scorso, ...

23/12/2016

Nei primi 9 mesi del 2016 fotovoltaico ed eolico coprono il 14% della domanda di energia

Raggiunto da gennaio a settembre il massimo storico di produzione da eolico e solare, mentre calano in contemporanea le emissioni di CO2 e i consumi energetici     L'Enea ha pubblicato il Bollettino del Sistema Energetico Italiano dedicato al ...

21/12/2016

Il fotovoltaico più economico dell’eolico e del carbone

L’ultimo Rapporto pubblicato da Bloomberg New Energy Finance, evidenzia che il mondo green è arrivato a un punto di svolta e che i mercati emergenti stanno superando le economie forti grazie ai pannelli a basso costo.     Il ...

19/12/2016

Cala la produzione fotovoltaica nel 2016

Pubblicata dal GSE un’analisi preliminare sulla produzione fotovoltaica nei primi 9 mesi dell’anno che segna un -4.1%       Il GSE ha pubblicato l’analisi preliminare dedicata alla “Produzione fotovoltaica in Italia ...

15/12/2016

Rinnovabili in Italia in crescita, attesi lavoro e investimenti

Dal 2016 al 2020 saranno installati circa 3,7 GW di potenza aggiuntiva da fonti rinnovabili, per un investimento di oltre 7 miliardi di euro. Crescono gli occupati scendono i costi in bolletta     Il GSE ha pubblicato uno Studio sugli scenari ...