IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Quarto conto energia: le proposte di Assosolare

Quarto conto energia: le proposte di Assosolare

L'assemblea straordinaria di Assosolare ha approvato a grande maggioranza le proposte dell'associazione riguardo al Quarto Conto Energia, vicine a quelle di altre associazioni del settore e condivise da molte altre aziende del comparto che singolarmente hanno segnalato il proprio appoggio, e con cui Assosolare auspica di poter convergere per fare fronte comune in vista della prossima approvazione del Conto Energia.
Accennando alle proposte durante la presentazione del Solar Energy Report al Politecnico di Milano, il Presidente di Assosolare Gianni Chianetta ha commentato: "È giusto che il governo pensi al fotovoltaico come una fonte che può contribuire fattivamente all'autonomia energetica di cui il Paese ha tanto bisogno. Ancora una volta portiamo l'esempio della Germania, che sta puntando all'80% da fonti rinnovabili entro il 2050. È il momento di prendere decisioni forti: auspichiamo che dal Governo venga un atto di coraggio, non solo nell'interesse degli operatori ma della politica energetica del Paese. Non si tagli l'energia pulita ma piuttosto ben altre zavorre che pesano sul Paese e sulle bollette, e che niente hanno a che fare con l'interesse degli italiani".
 
Le proposte di Assosolare per il Quarto Conto Energia
Assosolare propone di adottare per il nuovo sistema incentivante, entro e non oltre aprile 2011, le seguenti linee guida:
- Adozione di un sistema di salvaguardia dei progetti che hanno fatto affidamento sui sistemi incentivanti del secondo e terzo conto energia; indispensabile confermare per il 2011 le tariffe previste dal Terzo Conto Energia per gli impianti che siano in possesso di titolo abilitativo idoneo alla data di entrata in vigore del d.lgs n. 28/2011 o che non necessitino di titolo abilitativo, in quanto edilizia libera, e che entrino in esercizio entro il 31 dicembre 2011.
- Per tutti gli impianti che non rientrano in questo regime di salvaguardia, adozione di un sistema incentivante strutturato, in termini di criteri tecnici di riconoscimento degli incentivi analoghi a quelli del Terzo Conto Energia, e con alcuni punti cardine:
• Nessun tetto, annuale o cumulato, per tipologia o per taglia.
• Conferma del meccanismo di feed-in premium
• Dal 1° giugno 2011 e per tutto il 2011, decremento delle tariffe, per gli impianti di taglia superiore a 200 kW, del 5% rispetto a quelle previste dal Terzo Conto Energia per il 2011.
• Assegnazione degli incentivi, a partire dal 1 Gennaio 2012, a valle della dichiarazione di "fine lavori certificata". Gli adeguamenti delle tariffe a partire dall'anno 2012 e per gli anni successivi saranno in funzione del raggiungimento di scaglioni di potenza, in particolare:
A. Riduzioni delle tariffe al 1 Gennaio 2012 (rispetto a dicembre 2011): Valido per entrambe le categorie "Impianti su edifici" e "Altri impianti":
- taglia (kWp): 1 < P < 200 kWp: 8%
- taglia (kWp): P >= 200 kWp : 10%
B. Riduzioni (in %) delle tariffe per i quadrimestri successivi:
- "Impianti su Edifici" di tutte le taglie e "Altri impianti" di taglia (kWp) 1< P < 200 kWp (ii) 3% per Quadrimestre
- "Altri impianti" di taglia P >= 200 kW: 4% Quadrimestre
Potenza obiettivo per quadrimestre: 1,0 GWp. Con meccanismo autoregolatorio che prevede un'ulteriore riduzione in funzione della velocità d'installazione degli impianti e un ulteriore 2% di riduzione della tariffa (a partire dal quadrimestre successivo) da aggiungere alla riduzione già prefissata al cambio quadrimestre, se viene superato l'obiettivo di 1 GW. In caso di mancato raggiungimento di almeno i due terzi dell'obiettivo quadrimestrale non si applica la riduzione tariffaria prefissata per il quadrimestre successivo.
• Il GSE dovrà rendere pubblico con cadenza almeno quindicinale un registro degli impianti per cui è stata raggiunta la "fine lavori certificata"
• Definire forme di incentivazione che consentano il consolidamento delle aziende manifatturiere "made in Italy"
• Estendere la possibilità di adottare lo "scambio sul posto" per impianti fino ad 1 MW
• Applicare tariffe a edificio alle serre, prevedendo sistema di verifica dell'effettiva attività agricola
• Prevedere per la rimozione dell'amianto un premio di almeno 0,05 €/kWh
• Confermare per quanto non specificato lo schema del Terzo Conto Energia, confermando espressamente le incentivazioni per impianti "integrati con caratteristiche innovative" impianti "a concentrazione", impianti fotovoltaici "con innovazione tecnologica".
• Assosolare propone poi di istituire un tavolo di monitoraggio presso il Ministero dello Sviluppo Economico, partecipato da GSE e Associazioni di settore, per verificare l'applicazione del nuovo conto energia e la sostenibilità in bolletta del costo degli incentivi.
 
Per ulteriori informazioni
www.assosolare.org

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
23/01/2017

Aggiornata la normativa per l’efficienza energetica degli edifici in Lombardia

Obiettivo della Regione è predisporre un testo unico relativo all’efficienza e alla certificazione energetica degli edifici. Critica l’Unicmi per il rischio di depotenziare gli ecobonus del 65%     La Lombardia, con decreto ...

19/01/2017

La Lombardia dice NO alla proroga termovalvole

Interventi di Regione Lombardia su termovalvole e obbligo rinnovabili definiti dal DL 102/2014     La Regione Lombardia, attraverso la società Infrastrutture Lombarde, fa sapere che la proroga di 6 mesi dei termini per ...

18/01/2017

La rinnovabili sempre più competitive, il futuro è green!

Come le rinnovabili possono decarbonizzare il settore energetico, grazie alla diminuzione dei costi, innovazione tecnologica e politiche efficienti     Irena, l’agenzia internazionale per le energie rinnovabili, ha presentato il nuovo ...

18/01/2017

Nuove tipologie abitative a Made

Come stanno cambiando le abitudini e i comportamenti delle persone rispetto ai consumi, al lavoro, alla sostenibilità e alla casa? Scopriamolo a Milano dall'8 all'11 marzo 2017.   MADE expo, una delle più importanti manifestazioni ...

17/01/2017

Dalla diffusione della micro-cogenerazione benefici economici e ambientali

Uno studio pubblicato dalla società Althesys analizza i benefici a livello economico, di risparmio energetico e diminuzione delle emissioni in ambiente che deriverebbero dalla crescita della microcogenerazione       La ...

17/01/2017

Lo smog soffoca le città italiane

L'ultimo Report di Legambiente lancia l'allarme, sono 32 le città in cui è stata superata la soglia di polveri sottili consentita dalla legge. Serve un piano nazionale che aiuti gli amministratori a intervenire ...

16/01/2017

Le Regioni danno l’ok agli obiettivi nazionali di risparmio energetico

Raggiunta l’intesa nella Conferenza Unificata del 22 dicembre, a condizione che vengano rispettate alcune modifiche, sulla determinazione degli obiettivi quantitativi nazionali di risparmio energetico     Le Regioni, nella Conferenza ...

11/01/2017

In GU la graduatoria dei progetti per la riqualificazione delle periferie

Sulla Gazzetta Ufficiale n° 4 del 5 gennaio 2017 è pubblicato il decreto con la graduatoria del Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie     Come previsto dalla legge di ...