IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Record ecobonus ristrutturazione e riqualificazione energetica

Record ecobonus ristrutturazione e riqualificazione energetica

Nel 2016 le stime del Cresme prevedono 29 miliardi di euro di investimenti e 1,7 milioni di domande grazie alle detrazioni per ristrutturazione edilizia e riqualificazione energetica

 

 

Il Servizio Studi della Camera dei Deputati ha pubblicato, in collaborazione con l’istituto di ricerca del Cresme, la IV edizione dello Studio "Il recupero e la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio: una stima dell’impatto delle misure di incentivazione”, con un aggiornamento rispetto alle precedenti edizioni sui dati relativi all’impatto delle detrazioni fiscali del 50% per il recupero e la ristrutturazione edilizia e del 65% per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio.

Per il 2015 il dato è definitivo, mentre per l’anno in corso si basa sulle rilevazioni relative ai primi sette mesi del 2016.

 

Dal 1998 al 2016, secondo quanto emerge dalle stime elaborate dal CRESME, gli incentivi per il recupero edilizio e per la riqualificazione energetica hanno interessato oltre 14,2 milioni di interventi, circa il 55% delle famiglie secondo le stime dell’ISTAT, pari a 25,9 milioni. Tali misure hanno portato a 237 miliardi di euro di investimenti, di cui la maggior parte, 205 miliardi, per il recupero edilizio e poco meno di 32 miliardi la riqualificazione energetica.
Nel 2015 ci sono stati 25.147 milioni di euro di investimenti, di cui 3.060 relativi alla riqualificazione energetica e 22.087 milioni di euro per il recupero edilizio.
Si tratta di un dato più basso rispetto a quello del 2014 pari a 28,5 miliardi di euro, che però è stato l’anno in cui si sono registrati i maggiori investimenti dal 1998, e che comunque conferma un trend positivo e il successo dell’ecobonus.
Le proiezioni per il 2016 stimano un nuovo record con 29.241 milioni di euro di investimenti, ovvero un +16% rispetto al 2015 e 1,7 milioni di domande.
Dal 2011 al 2016 gli investimenti in riqualificazione energetica sono rimasti sempre intorno ai 3 miliardi, mentre sono progressivamente cresciuti quelli relativi al recupero edilizio.


 

Dal rapporto si conferma che le misure incentivanti hanno portato interessanti benefici per l’occupazione, tra il 2011 e il 2016 avrebbero infatti generato un assorbimento di 1.460.223 occupati diretti, corrispondenti a una media annua nel periodo di oltre 243.000 occupati. Nel 2015 le stime riguardano 375.399 occupati comprensivi anche dell’indotto, nel 2016 l’occupazione legata a questi investimenti sarebbe di circa 436.000 unità, di cui 291.000 impiegati nell’attività edilizia diretta e 145.000 nell’indotto industriale e di servizio.


Nel Rapporto si evidenziano anche altri effetti positivi tra cui l’emersione dei redditi e dell’occupazione “irregolare”; la riduzione dei consumi energetici e quindi delle emissioni di CO2; la valorizzazione del patrimonio immobiliare, in termini di decoro, prestazioni funzionali e prevenzione dei rischi sismici.

 

A livello di introiti per lo Stato le stime elaborate dal Cresme evidenziano un saldo positivo per lo Stato di quasi 9 miliardi di euro che deriva “dall’incremento del gettito (positivo), dai flussi derivanti dalle detrazioni (negativi), dalle maggiori entrate derivanti dalla Matrice di contabilità Sociale (positive) e dal minor gettito fiscale sui consumi energetici (negativo)”.
Se si allarga lo scenario considerando Stato, Famiglie e Imprese, il saldo per il sistema Paese, nel periodo 1998-2016, è di 18,4 miliardi di euro.

Riqualificazioni come volano per il comparto delle costruzioni

Nel 2015, su un valore della produzione dell’intero settore delle costruzioni stimato dal CRESME in 163,6 miliardi di euro, la spesa in interventi di manutenzione straordinaria e ordinaria ammonterebbe a 117,9 miliardi di euro (di cui 35,9 miliardi di euro sono stati spesi per interventi dimanutenzione ordinaria e 82 miliardi per la manutenzione straordinaria), pari a circa il 72% del suddetto valore della produzione, mentre nel 2006, anno di picco del ciclo immobiliare del primo decennio degli anni 2000, era pari a circa il 55%.

 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
18/07/2017

8 milioni in Toscana per lefficienza energetica degli edifici pubblici

Sarà pubblicato entro fine luglio un bando destinato all’efficientamento energetico di Enti locali e ASL della Toscana   Sono 8 i milioni messi a disposizione dal nuovo bando della Regione Toscana, che verrà pubblicato entro la ...

13/07/2017

Piazza Gae Aulenti: il belvedere si tinge di green

piuarch vuole un tetto verde per il Porta Nuova Building.       Con un po' di ritardo rispetto ai colleghi europei, anche la capitale meneghina da qualche tempo ripensa lo sviluppo urbanistico in altezza e senza più freni. Palazzo ...

11/07/2017

1 milione di interventi in efficienza energetica in 3 anni

Grazie agli ecobonus in 3 anni sono stati realizzati un milione di interventi per oltre 9,5 miliardi di euro di investimenti. Annunciata una task force dedicata all’efficienza energetica della PA     Enea ha presentato a Roma ...

07/07/2017

Efficienza energetica al centro delle politiche fino al 2030

Per ogni euro di spesa pubblica investito in efficienza energetica si possono generare 1,5 euro di occupazione, energia risparmiata e benefici ambientali     Presentato da Confindustria il 4 rapporto Efficienza energetica che propone una ...

06/07/2017

In Emilia 47 milioni a sostegno di innovazione ed efficienza energetica

Dal 10 luglio le imprese dell'Emilia Romagna potranno inviare le domande per accedere al fondo per startup e innovazione energetica     Sono 47 i milioni di euro messi a disposizione dalla regione Emilia Romagna per il credito ...

04/07/2017

Ecobonus tradizionale versus ecobonus condomini

E' importante la possibilità assicurata dalla Manovrina di cessione delle detrazioni agli istituti di credito per gli incapienti. Ma si può fare di più     Renovate Italy, partendo dalla possibiltà introdotta dalla ...

30/06/2017

Efficienza energetica scuole, prorogata la scadenza del fondo Kyoto

Prorogata al 30 giugno 2018 la scadenza per accedere al Fondo Kyoto per interventi di efficientamento degli istituti scolastici     Il Ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti rende noto che è stato posticipato di un anno, ovvero al 30 ...

21/06/2017

Efficienza energetica ed energia sostenibile. L'Italia c'!

La battaglia contro il cambiamento climatico si vince uniti. Efficienza energetica, revamping e rinnovabili rappresentano un’incredibile occasione di sviluppo per il nostro paese     Ad aprire i lavori di "Restart: rispetto e coscienza ...