IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Renovate Italy per la riqualificazione energetica degli edifici e la riduzione delle emissioni

Renovate Italy per la riqualificazione energetica degli edifici e la riduzione delle emissioni

Primo obiettivo da raggiungere: diminuzione dell’80% dei consumi di energia nel patrimonio edilizio entro il 2050

E’ stata presentata nei giorni scorsi Renovate Italy, la prima organizzazione italiana per le politiche di riqualificazione ed efficientamento energetico degli edifici pubblici e privati esistenti, attraverso l’elaborazione di un programma nazionale, l’approvazione di un nuovo quadro d’incentivazione a lungo termine per interventi di efficientamento degli edifici, la realizzazione di strumenti finanziari specifici e, infine, la promozione di campagne per sensibilizzare sul tema cittadini e istituzioni. 

L'Associazione, che rientra all'interno della campagna europea che coinvolge 31 soggetti The Renovate Europe Campaign, ha l'obiettivo di stimolare buone pratiche e strumenti  per ridurre lo spreco energetico degli edifici esistenti e la riduzione delle emissioni, a partire dall'ambizioso traguardo di diminuire dell’80% i consumi di energia nel patrimonio edilizio entro il 2050, attraverso lo sviluppo di un quadro normativo e programmatico a livello nazionale e regionale, e riunendo i contributi di associazioni, istituzioni, operatori, cittadini.

Oggi per far ripartire l'economia e il settore edile in particolare è necessario lavorare su costruito, basti ricordare che gli edifici esistenti sono attualmente responsabili del 40% del totale del consumo energetico e del 36% delle emissioni di biossido di carbonio nell’atmosfera. Se da una parte le tecnologie e gli approcci innovativi disponibili oggi sono in grado di ridurre dell’80% la domanda di energia degli edifici; dall'altra non c'è abbastanza informazione sui vantaggi della riqualificazione e il quadro normativo non è sempre chiaro. 

 

“L’attenzione del legislatore si è concentrato negli ultimi anni nella riduzione dei consumi nelle nuove costruzioni, che hanno oggi un livello di efficienza elevato, spiega Cecilia Hugony di Renovate Italy. Tuttavia bisogna considerare che a livello europeo, il tasso di demolizione degli edifici è inferiore allo 0,1%: si calcola che tra il 5% e il 90% degli edifici oggi esistenti, sarà ancora utilizzato nel 2050. E chiaro quindi che se non ci concentriamo sulla messa a norma energetica degli edifici oggi in piedi, non si potranno mai raggiungere gli obbiettivi ambientali del 2030 e 2050”.

 

In occasione della presentazione dell'Associazione sono stati presentati 2 studi che tracciano la strada da seguire per promuovere le politiche di riqualificazione energetica degli edifici.  
Il primo, realizzato dal Joint Research Center (il centro studi scientifici della Commissione Europea), identifica la riqualificazione energetica è l’unico strumento concreto ed efficace per ridurre l’importazione di energia in area UE. Ogni anno, l’autonomia energetica dell’Europa termina virtualmente il 18 giugno: da quel momento in poi, tutta l’energia che consumeremo fino alla fine dell’anno deve essere importata. Con un costo esorbitante: ben 421 miliardi di euro, pari a 1,1 miliardi di euro al giorno. Se gli edifici si mangiano il 40% dell’energia totale, e se l’80% potrebbe essere risparmiato, si potrebbero tagliare oltre 130 miliardi di euro all’anno. 

 

Il secondo studio è un report realizzato dall’EFIG, un gruppo di lavoro formato da esperti del mondo della finanza internazionale che identifica 5 raccomandazioni che dovrebbero essere recepite da tutti i membri dell’Unione Europea, e dalle istituzioni a livello locale:

  1. Gli interventi di riqualificazione energetica devono essere considerati da tutti i decision maker come una priorità e una opportunità. Per questo i benefici di tali interventi devono essere resi chiari a tutti i soggetti coinvolti (autorità pubbliche, proprietari di edifici e inquilini).
  2. Rafforzare e migliorare i processi e gli standard della certificazione energetica.
  3. Fare in modo che tutti i decision maker, a livello tanto centrale quanto locale, abbiano accesso in modo facile alle informazioni quanto più precise possibili.
  4. Sviluppare procedure standardizzate per ogni elemento dei processi di investimento (contratti, acquisizioni, bandi, verifiche, quantificazioni, report, assicurazioni…) in efficienza energetica, adottando best practice a livello globale.
  5. Uso prioritario e appropriato dei fondi stanziati dalla UE attraverso strumenti di finanziamento pubblico-privati fino al 2020, in modo da incrementare il valore degli investimenti e accelerare il coinvolgimento del settore privato.

 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
24/03/2017

In Europa accordo sulle etichette energetiche 2.0

Inizia la nuova era delle etichette energetiche: Database, QR code e simbolo “smart”.      Le etichette che indicano l’efficienza energetica di elettrodomestici come frigo e lavatrici, passano a una nuova versione e ...

24/03/2017

Risanamento energetico edifici pubblici a Bolzano

La Giunta provinciale ha approvato il bando che mette a disposizione 12 milioni di euro  per progetti di risanamento di edifici pubblici.     La giunta provinciale di Bolzano ha approvato un nuovo bando nell'ambito del programma FESR ...

23/03/2017

4 milioni di euro per lo sviluppo delle smart grid in Sardegna

Termina il 20 luglio il termine per la presentazione delle domande per il bando “Azioni per lo sviluppo di progetti sperimentali di reti intelligenti nei Comuni della Sardegna”     La Regione autonoma della Sardegna ha ...

23/03/2017

Riqualificazione energetica degli edifici. Scopriamo le opportunità

Il 30 marzo la prestigiosa sede de Il Sole 24 Ore di Milano ospita la 2a convention di Rete Irene sulla Riqualificazione Energetica Integrata degli edifici esistenti     Il tema della riqualificazione efficiente degli edifici esistenti ...

22/03/2017

La Strategia Energetica Nazionale secondo ITALIA SOLARE

I suggerimenti di Italia Solare nella definizione della Strategia Energetica Nazionale per il superamento degli ostacoli alla crescita delle energie rinnovabili     In queste settimane Governo e Parlamento stanno lavorando alla definizione ...

20/03/2017

Innovazione, presente e futuro del Sistema a Cappotto

Alessandro Monaco, nuovo Coordinatore della Commissione Comunicazione del Consorzio Cortexa ci racconta come sta cambiando il mercato dei sistemi di isolamento a cappotto e gli obiettivi futuri del Consorzio     CORTEXA, Consorzio per la ...

16/03/2017

Una Chiesa green e con tetto fotovoltaico

Un edificio religioso all’avanguardia, passivo e CO2 neutral, realizzato con approccio ecosostenibile e circondato da 10.000mq di parco     Sarà realizzato in tempi brevi a Salerno, nei quartieri Torrione e Sala Abbagnano che ...

15/03/2017

Nuova VIA per rilanciare la crescita sostenibile del paese

Il CDM ha approvato la nuova disciplina su valutazione di impatto ambientale adeguandosi così alla normativa europea: semplificazione e tempi più brevi     Il Consiglio dei ministri lo scorso 10 marzo ha approvato, su proposta del ...