IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Renovate Italy per la riqualificazione energetica degli edifici e la riduzione delle emissioni

Renovate Italy per la riqualificazione energetica degli edifici e la riduzione delle emissioni

Primo obiettivo da raggiungere: diminuzione dell’80% dei consumi di energia nel patrimonio edilizio entro il 2050

E’ stata presentata nei giorni scorsi Renovate Italy, la prima organizzazione italiana per le politiche di riqualificazione ed efficientamento energetico degli edifici pubblici e privati esistenti, attraverso l’elaborazione di un programma nazionale, l’approvazione di un nuovo quadro d’incentivazione a lungo termine per interventi di efficientamento degli edifici, la realizzazione di strumenti finanziari specifici e, infine, la promozione di campagne per sensibilizzare sul tema cittadini e istituzioni. 

L'Associazione, che rientra all'interno della campagna europea che coinvolge 31 soggetti The Renovate Europe Campaign, ha l'obiettivo di stimolare buone pratiche e strumenti  per ridurre lo spreco energetico degli edifici esistenti e la riduzione delle emissioni, a partire dall'ambizioso traguardo di diminuire dell’80% i consumi di energia nel patrimonio edilizio entro il 2050, attraverso lo sviluppo di un quadro normativo e programmatico a livello nazionale e regionale, e riunendo i contributi di associazioni, istituzioni, operatori, cittadini.

Oggi per far ripartire l'economia e il settore edile in particolare è necessario lavorare su costruito, basti ricordare che gli edifici esistenti sono attualmente responsabili del 40% del totale del consumo energetico e del 36% delle emissioni di biossido di carbonio nell’atmosfera. Se da una parte le tecnologie e gli approcci innovativi disponibili oggi sono in grado di ridurre dell’80% la domanda di energia degli edifici; dall'altra non c'è abbastanza informazione sui vantaggi della riqualificazione e il quadro normativo non è sempre chiaro. 

 

“L’attenzione del legislatore si è concentrato negli ultimi anni nella riduzione dei consumi nelle nuove costruzioni, che hanno oggi un livello di efficienza elevato, spiega Cecilia Hugony di Renovate Italy. Tuttavia bisogna considerare che a livello europeo, il tasso di demolizione degli edifici è inferiore allo 0,1%: si calcola che tra il 5% e il 90% degli edifici oggi esistenti, sarà ancora utilizzato nel 2050. E chiaro quindi che se non ci concentriamo sulla messa a norma energetica degli edifici oggi in piedi, non si potranno mai raggiungere gli obbiettivi ambientali del 2030 e 2050”.

 

In occasione della presentazione dell'Associazione sono stati presentati 2 studi che tracciano la strada da seguire per promuovere le politiche di riqualificazione energetica degli edifici.  
Il primo, realizzato dal Joint Research Center (il centro studi scientifici della Commissione Europea), identifica la riqualificazione energetica è l’unico strumento concreto ed efficace per ridurre l’importazione di energia in area UE. Ogni anno, l’autonomia energetica dell’Europa termina virtualmente il 18 giugno: da quel momento in poi, tutta l’energia che consumeremo fino alla fine dell’anno deve essere importata. Con un costo esorbitante: ben 421 miliardi di euro, pari a 1,1 miliardi di euro al giorno. Se gli edifici si mangiano il 40% dell’energia totale, e se l’80% potrebbe essere risparmiato, si potrebbero tagliare oltre 130 miliardi di euro all’anno. 

 

Il secondo studio è un report realizzato dall’EFIG, un gruppo di lavoro formato da esperti del mondo della finanza internazionale che identifica 5 raccomandazioni che dovrebbero essere recepite da tutti i membri dell’Unione Europea, e dalle istituzioni a livello locale:

  1. Gli interventi di riqualificazione energetica devono essere considerati da tutti i decision maker come una priorità e una opportunità. Per questo i benefici di tali interventi devono essere resi chiari a tutti i soggetti coinvolti (autorità pubbliche, proprietari di edifici e inquilini).
  2. Rafforzare e migliorare i processi e gli standard della certificazione energetica.
  3. Fare in modo che tutti i decision maker, a livello tanto centrale quanto locale, abbiano accesso in modo facile alle informazioni quanto più precise possibili.
  4. Sviluppare procedure standardizzate per ogni elemento dei processi di investimento (contratti, acquisizioni, bandi, verifiche, quantificazioni, report, assicurazioni…) in efficienza energetica, adottando best practice a livello globale.
  5. Uso prioritario e appropriato dei fondi stanziati dalla UE attraverso strumenti di finanziamento pubblico-privati fino al 2020, in modo da incrementare il valore degli investimenti e accelerare il coinvolgimento del settore privato.

 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
18/01/2017

La rinnovabili sempre più competitive, il futuro è green!

Come le rinnovabili possono decarbonizzare il settore energetico, grazie alla diminuzione dei costi, innovazione tecnologica e politiche efficienti     Irena, l’agenzia internazionale per le energie rinnovabili, ha presentato il nuovo ...

18/01/2017

Nuove tipologie abitative a Made

Come stanno cambiando le abitudini e i comportamenti delle persone rispetto ai consumi, al lavoro, alla sostenibilità e alla casa? Scopriamolo a Milano dall'8 all'11 marzo 2017.   MADE expo, una delle più importanti manifestazioni ...

17/01/2017

Dalla diffusione della micro-cogenerazione benefici economici e ambientali

Uno studio pubblicato dalla società Althesys analizza i benefici a livello economico, di risparmio energetico e diminuzione delle emissioni in ambiente che deriverebbero dalla crescita della microcogenerazione       La ...

17/01/2017

Lo smog soffoca le città italiane

L'ultimo Report di Legambiente lancia l'allarme, sono 32 le città in cui è stata superata la soglia di polveri sottili consentita dalla legge. Serve un piano nazionale che aiuti gli amministratori a intervenire ...

12/01/2017

Al via i progetti di riqualificazione dell'illuminazione pubblica in provincia di Teramo

La prima fase del progetto Paride coinvolge più di 19.400 punti luce, con un risparmio energetico medio di oltre il 65%, in sette comuni della provincia di Teramo     PARIDE è uno dei sette progetti approvati dalla ...

09/01/2017

Riqualificazione energetica degli immobili della Pubblica Amministrazione

Ministero dello Sviluppo economico e Agenzia del Demanio hanno firmato la convenzione che porterà alla riqualificazione di 63 edifici della PA   Grazie alla firma della convenzione tra Ministero dello Sviluppo Economico e Agenzia del Demanio, ...

05/01/2017

Crescono le rinnovabili, diminuisce la dipendenza energetica

L'Istat ha pubblicato l'edizione 2016 dell’Annuario statistico italiano che traccia una fotografia dei principali settori in Italia, tra cui ambiente ed energia.     L’Istat ha pubblicato l’edizione 2016 dell’Annuario ...

23/12/2016

Nei primi 9 mesi del 2016 fotovoltaico ed eolico coprono il 14% della domanda di energia

Raggiunto da gennaio a settembre il massimo storico di produzione da eolico e solare, mentre calano in contemporanea le emissioni di CO2 e i consumi energetici     L'Enea ha pubblicato il Bollettino del Sistema Energetico Italiano dedicato al ...