IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Renovate Italy per la riqualificazione energetica degli edifici e la riduzione delle emissioni

Renovate Italy per la riqualificazione energetica degli edifici e la riduzione delle emissioni

Primo obiettivo da raggiungere: diminuzione dell80% dei consumi di energia nel patrimonio edilizio entro il 2050

E’ stata presentata nei giorni scorsi Renovate Italy, la prima organizzazione italiana per le politiche di riqualificazione ed efficientamento energetico degli edifici pubblici e privati esistenti, attraverso l’elaborazione di un programma nazionale, l’approvazione di un nuovo quadro d’incentivazione a lungo termine per interventi di efficientamento degli edifici, la realizzazione di strumenti finanziari specifici e, infine, la promozione di campagne per sensibilizzare sul tema cittadini e istituzioni. 

L'Associazione, che rientra all'interno della campagna europea che coinvolge 31 soggetti The Renovate Europe Campaign, ha l'obiettivo di stimolare buone pratiche e strumenti  per ridurre lo spreco energetico degli edifici esistenti e la riduzione delle emissioni, a partire dall'ambizioso traguardo di diminuire dell’80% i consumi di energia nel patrimonio edilizio entro il 2050, attraverso lo sviluppo di un quadro normativo e programmatico a livello nazionale e regionale, e riunendo i contributi di associazioni, istituzioni, operatori, cittadini.

Oggi per far ripartire l'economia e il settore edile in particolare è necessario lavorare su costruito, basti ricordare che gli edifici esistenti sono attualmente responsabili del 40% del totale del consumo energetico e del 36% delle emissioni di biossido di carbonio nell’atmosfera. Se da una parte le tecnologie e gli approcci innovativi disponibili oggi sono in grado di ridurre dell’80% la domanda di energia degli edifici; dall'altra non c'è abbastanza informazione sui vantaggi della riqualificazione e il quadro normativo non è sempre chiaro. 

 

“L’attenzione del legislatore si è concentrato negli ultimi anni nella riduzione dei consumi nelle nuove costruzioni, che hanno oggi un livello di efficienza elevato, spiega Cecilia Hugony di Renovate Italy. Tuttavia bisogna considerare che a livello europeo, il tasso di demolizione degli edifici è inferiore allo 0,1%: si calcola che tra il 5% e il 90% degli edifici oggi esistenti, sarà ancora utilizzato nel 2050. E chiaro quindi che se non ci concentriamo sulla messa a norma energetica degli edifici oggi in piedi, non si potranno mai raggiungere gli obbiettivi ambientali del 2030 e 2050”.

 

In occasione della presentazione dell'Associazione sono stati presentati 2 studi che tracciano la strada da seguire per promuovere le politiche di riqualificazione energetica degli edifici.  
Il primo, realizzato dal Joint Research Center (il centro studi scientifici della Commissione Europea), identifica la riqualificazione energetica è l’unico strumento concreto ed efficace per ridurre l’importazione di energia in area UE. Ogni anno, l’autonomia energetica dell’Europa termina virtualmente il 18 giugno: da quel momento in poi, tutta l’energia che consumeremo fino alla fine dell’anno deve essere importata. Con un costo esorbitante: ben 421 miliardi di euro, pari a 1,1 miliardi di euro al giorno. Se gli edifici si mangiano il 40% dell’energia totale, e se l’80% potrebbe essere risparmiato, si potrebbero tagliare oltre 130 miliardi di euro all’anno. 

 

Il secondo studio è un report realizzato dall’EFIG, un gruppo di lavoro formato da esperti del mondo della finanza internazionale che identifica 5 raccomandazioni che dovrebbero essere recepite da tutti i membri dell’Unione Europea, e dalle istituzioni a livello locale:

  1. Gli interventi di riqualificazione energetica devono essere considerati da tutti i decision maker come una priorità e una opportunità. Per questo i benefici di tali interventi devono essere resi chiari a tutti i soggetti coinvolti (autorità pubbliche, proprietari di edifici e inquilini).
  2. Rafforzare e migliorare i processi e gli standard della certificazione energetica.
  3. Fare in modo che tutti i decision maker, a livello tanto centrale quanto locale, abbiano accesso in modo facile alle informazioni quanto più precise possibili.
  4. Sviluppare procedure standardizzate per ogni elemento dei processi di investimento (contratti, acquisizioni, bandi, verifiche, quantificazioni, report, assicurazioni…) in efficienza energetica, adottando best practice a livello globale.
  5. Uso prioritario e appropriato dei fondi stanziati dalla UE attraverso strumenti di finanziamento pubblico-privati fino al 2020, in modo da incrementare il valore degli investimenti e accelerare il coinvolgimento del settore privato.

 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
19/10/2017

Bozza Legge di Bilancio 2018, le novit per ledilizia

C'è la bozza della Legge di Bilancio 2018, prorogate le detrazioni fiscali per i lavori di ristrutturazione edilizia e di riqualificazione efficiente. Ma il "bonusverde"?    Rispetto a quanto vi abbiamo anticipato qualche giorno fa sulla ...

19/10/2017

Le citt italiane soffocate dallo smog

Pubblicati gli allarmanti dati sull'inquinamento delle nostre città da Legambiente che denuncia la mancanza di veri interventi sostenibili a lungo termine     E’ una vera emergenza quella di cui parla Legambiente nel report ...

19/10/2017

Provvedimenti delle Regioni per rinnovabili ed efficienza energetica

Le misure per diminuire i consumi, investire in rinnovabili e rispettare gli obiettivi europei grazie a interventi in efficienza energetica. Come si muovono le Regioni     Diverse Regioni hanno approvato bandi dedicati al ...

18/10/2017

Edifici ad alta efficienza energetica in UE entro il 2050

Il Parlamento Europeo chiede nuove misure per incentivare la riqualificazione efficiente degli edifici, infrastrutture di sostegno per i veicoli elettrici nei nuovi edifici, migliore monitoraggio del rendimento energetico degli ...

18/10/2017

Termostato 'smart': cosa vuol dire davvero?

I termostati utilizzano una tecnologia sempre più efficiente ed avanzata per garantire facile gestione e monitoraggio del riscaldamento e risparmi in bolletta   di Umberto Paracchini, Marketing & Communication Leader B2B EMEA at ...

17/10/2017

Scenari strategici del mercato elettrico

A Milano il 25 ottobre la presentazione del nuovo studio dell'E&S group, Electricity Market Report, dedicato agli scenari strategici dopo la fine del mercato regolato       L'Energy&Strategy Group della School of Management del ...

16/10/2017

BASF esempio di cambiamento verso economia circolare ed efficienza energetica

Il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti visita la sede del Gruppo BASF, il polo chimico integrato più grande al mondo, nato nel 1865, dove lavorano circa 40.000 collaboratori   Da sinistra, Andreas Riehemann, Amministratore ...

16/10/2017

Posata la prima pietra del primo smart district di Milano

UpTown sarà uno smart district verde, ecosostenibile, caratterizzato da spazi di aggregazione e di socializzazione, domotica e servizi pubblici facili da fruire     Sono partiti i lavori per la realizzazione di UpTown, il primo ...