IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Rinnovabili 2.0. Dopo gli incentivi, il mercato

Rinnovabili 2.0. Dopo gli incentivi, il mercato

Si è svolto il 29 marzo, presso la Sala delle Statue di palazzo Rospigliosi Pallavicini a Roma il convegno "Rinnovabili 2.0. Dopo gli incentivi, il mercato" dedicato alle fonti di energia verde e al loro ciclo di vita, alle ricadute industriali (la mancanza in Italia di una filiera produttiva), infrastrutturali e territoriali. Considerando anche il  "Decreto Rinnovabili" di recente approvazione e le direttive dell'Unione europea.
Ampio il dibattito e gli argomenti trattati. Tra essi: la mancanza nel nostro Paese di una vera e propria industria legata alle rinnovabili, gli scenari e le prospettive del settore, la sicurezza energetica. E poi aspetti legati alle diverse modalità di finanziamento degli impianti verdi e il loro contesto legislativo.
Dal dibattito è emersa l'inadeguatezza degli incentivi, e l'urgenza di rivedere il ruolo delle fonti verdi nel contesto energetico. Con le rinnovabili che devono essere considerate non sulla base della capacità installata, ma sul loro contributo rispetto alla liberalizzazione del mercato e alla sua indipendenza.
L'iniziativa è stata un momento di confronto e un utile punto di discussione sulla delicata fase del ciclo di vita della produzione di energia da fonti rinnovabili e sulle ricadute industriali e territoriali che questo sviluppo comporta. Urge quindi un rilancio della filiera, affinchè si crei impresa, ricchezza, accettazione sociale e innovazione (vitale per generare nuovi e più elevati livelli di efficienza, capaci di garantire l'abbattimento dei costi).
I lavori hanno contribuito a fare il punto della situazione anche alla luce della recente approvazione del "Decreto Rinnovabili", considerando che la politica europea ci traguarda verso un mercato unico dell'energia, più indipendente, più economico e più sostenibile.
 
Vi proponiamo qui di seguito alcuni degli interventi dei relatori
Marco Costaguta, Director Bain & Co.:
"La domanda di energia rinnovabile continuerà a crescere in maniera forte anche se lo scenario di crisi economica degli ultimi anni probabilmente genererà una riduzione degli incentivi. La velocità di sviluppo, nel breve, dipenderà dal sistema regolatorio, perché molte tecnologie saranno comunque competitive e sostenibili economicamente, solo al crescere di massa critica ed esperienza. Il sistema dovrebbe orientarsi a favorire lo sviluppo di operatori specializzati e professionali, con ottica non speculativa e di lungo termine. Infine, la velocità di affermazione nel lungo dipenderà dalla possibilità di sviluppare supply chain globali e forniture di componenti da paesi low cost, sostenute da investimenti privati, e dalla capacità di fornire soluzioni integrate e non solo tecnologia".
Carlo Durante, Consigliere APER:
"Rinnovabili 2.0 perché la logica degli incentivi è vecchia ed è necessario ripensare il ruolo delle fonti alternative all'interno del sistema elettrico: agenti di liberalizzazione e di riassetto degli schemi di generazione e distribuzione elettrica, elementi importanti dell'indipendenza energetica italiana".
Antonella Battaglini, Potsdam Institute for Climate Impact Research:
"Recenti eventi dimostrano la necessità di ripensare la politica energetica europea e allo stesso tempo fare chiarezza su quali sono i costi del nucleare oggi a confronto con energie rinnovabili. Ormai è chiaro che il sistema elettrico europeo dovrà essere maggiormente rinnovabile. Molti studi dimostrano che è possibile avere anche 100% di elettricità rinnovabile entro il 2050 in tutta Europa ad un prezzo che probabilmente è inferiore a ciò che pagheremmo se continuassimo ad investire in fonti tradizionali. Elemento fondamentale per raggiungere questo obbiettivo è lo sviluppo di una rete elettrica europea, che permetta il trasporto di elettricità su lunghe distanze, da centri di produzione a centri di consumo e stoccaggio. Questa rete deve essere intelligente, smart, e capace di integrare ogni tipo di elettricità prodotta indipendentemente dal luogo, tecnologia o quantità. Questa rete permetterà nei prossimi anni ad ogni consumatore di diventare anche produttore con interessanti benefici economici per i cittadini".
Adolfo Spaziani, Direttore Generale di Federutility:
"C'è preoccupazione tra gli associati che hanno investito nel settore, basandosi sulle regole uscite lo scorso anno con il terzo conto energia. Se in passato auspicavamo che il settore idrico, disordinato e privo di regolazione, prendesse a modello quello dell'energia, ora il timore è che stia avvenendo l'inverso. Ciò non significa che non fosse necessario un intervento per rendere compatibili gli incentivi con la capacità economica di chi li finanzia, ma ci auguriamo un correttivo che non susciti timori negli investitori. Parlando di rinnovabili, poi, andrebbe posta la dovuta attenzione sui rifacimenti degli impianti idroelettrici, che garantiscono la produzione più abbondante". 
Mauro Fumagalli, Banca Popolare di Milano - Area Marketing Operativo - Energie Rinnovabili:
"In merito all'offerta di finanziamenti  della banca a sostegno dello sviluppo delle energie rinnovabili: si tratta di una offerta dedicata ai privati ai condomini ed alle aziende. I finanziamenti coprono fino al cento per cento del fabbisogno. Per quanto riguarda gli aspetti innovativi dal punto di vista della finanza aziendale,  la novità non risiede tanto negli strumenti utilizzati per affrontare questi investimenti, tipicamente dei project financing, quanto piuttosto  nelle nuove aziende che stanno sviluppandosi nella filiera. E' sicuramente questo l'aspetto più innovativo cui  la banca guarda con estremo interesse auspicando  che presto si possa avere chiarezza sul loro futuro".
Federico Testa, Commissione Attività Produttive, Commercio e Turismo - Camera dei Deputati:
"Le energie rinnovabili sono fondamentali per il nostro futuro energetico: proprio per questo devono essere economicamente sostenibili, sia per quanto riguarda la loro incidenza sui costi di approvvigionamento della collettività, sia per quello che concerne la ricaduta sul tessuto produttivo nazionale. Proprio per questo è importante iniziare una riflessione che, come si propone questo seminario, si riprometta di inserire le energie rinnovabili nel più ampio contesto della strategia energetica nazionale, che il Governo -colpevolmente- non ha ancora proposto, anche al fine di stabilire che non esiste "la soluzione", ma che vi sono varie leve (efficienza, risparmio, rinnovabili, fonti tradizionale, e soprattutto ricerca) che debbono essere utilizzate se si vuole davvero affrontare realisticamente il problema energetico".
Maurizio Brancaleoni, Amministratore Delegato AUMA  Italiana:
"La geotermia è, tra le fonti rinnovabili primarie, quella maggiormente disponibile. Recenti studi stimano che se si sfruttasse il calore contenuto nei primi 5 km della crosta terrestre, si soddisferebbe  per oltre 500.000 volte l'attuale fabbisogno di energia. L'Italia è all'avanguardia in tecnologia ed esperienze, grazie soprattutto ai continui investimenti fatti dall'ENEL negli ultimi decenni e dall'industria italiana che ne ha seguito gli sviluppi. I vantaggi per l'economia sono importanti e lo saranno ancora di più grazie al processo ENEL-AMIS che permette, con l'abbattimento delle emissioni di mercurio e dell'idrogeno solforato, la compatibilità tra geotermia e territorio".
Eugenio Ferro, Energy Sector Director di MWH:
"Oggi il dibattito economico non può più prescindere da quello energetico. Sono temi ormai intimamente legati, così come lo sono lo sviluppo sostenibile ed un uso più razionale e innovativo delle risorse naturali. In MWH da sempre conduciamo i nostri clienti verso le soluzioni progettuali più sostenibili che si traducono in più efficienza energetica, più fonti rinnovabili, più attenzione agli impatti ambientali. L'innovazione scientifica volta a favorire l'uso di fonti di energia pulita e rinnovabile può essere un elemento propulsore straordinario per l'economia del nostro Paese, ma c'è bisogno di politiche serie e a lungo termine che la supportino e permettano lo sviluppo di questo promettente settore produttivo".
Paolo Massarini, Presidente EALL Srl - Gruppo ACEA:
"I temi energetici sono oggi all'attenzione del mondo politico ed industriale perché dalla soluzione delle criticità connesse può in parte dipendere il rilancio della nostra economia. Il settore delle rinnovabili, specie dopo gli ultimi eventi internazionali, assume un ruolo primario e all'interno di questo vanno riconsiderati e valorizzati come fonti rinnovabili i rifiuti, i gas prodotti dalle discariche ed i processi di digestione anaerobica. Certezza sugli iter realizzativi, partecipazione degli enti di controllo alla scelta delle migliori soluzioni a tutela dell'ambiente, e rivisitazione dei criteri di assegnazione dei ristori ambientali sono gli strumenti per scongiurare l'effetto nimby che sembra aleggiare sulle nuove iniziative. Si deve inoltre considerare che questi impianti, visti come cerniera fra ciclo dei rifiuti e produzione elettrica, possono dare un contributo al riequilibrio sostenibile del territorio".
Giovanni Marta, Amministratore Delegato Altevie Technologies:
"Le soluzioni IT per il settore delle utilities, dell'energia ed in generale nell'ambito della sostenibilità hanno assunto un'importanza rilevante nel mercato italiano. Altevie Technologies, azienda leader in Italia nel mercato SAP, Open Text e delle principali tecnologie innovative per le aziende, ha progettato e realizzato attraverso i propri laboratori di "Altevie LAB" soluzioni pensate appositamente per questi settori. I temi principalmente coperti da tali soluzioni spaziano dalle tematiche della pianificazione, analisi e valutazione di informazioni strategiche attraverso semplici dispositivi mobili quali IPad e BlackBerry (Altevie BI4Mobile Solutions), ai servizi a supporto dei propri clienti con utilizzo di modalità tradizionali o innovative quali i social network (Altevie sCRM Solutions) e per finire a sistemi di gestione e condivisione documentale con strumenti di collaborazione e condivisione innovativi e di semplice utilizzo (Altevie EasyDoc Solutions)".
Fulvio Pastore Alinante, Partner Studio Legale Associato Grande Stevens:
"Nel mondo dell'energia, gli eventi naturali e politici e le conquiste tecniche si susseguono molto rapidamente. Anche le norme sono in costante evoluzione, e i consulenti legali devono interpretarle valorizzando il ruolo degli operatori per sfruttare le migliori opportunità. Noi avvocati dello Studio Grande Stevens abbiamo una lunga esperienza al fianco di imprese di successo su come "allacciare le norme alla rete": oggi più che mai si devono unire esperienza, flessibilità e innovazione per conseguire gli obiettivi".
Andrea Fluttero, Segretario della XIII Commissione Territorio, Ambiente, Beni Ambientali - Senato della Repubblica:
"L'Italia ha grande interesse a sviluppare le energie rinnovabili scegliendo quelle maggiormente compatibili con le proprie caratteristiche ambientali, con le possibili filiere industriali nazionali, con le opportunità di integrazione con il settore agricolo e con stabili ricadute occupazionali. Tale scelta deve tener conto di un mix energetico complessivo in grado di dare un costo finale dell'energia in linea con i Paesi competitori europei e deve generare una legislazione stabile tale da incoraggiare investimenti imprenditoriali e non speculativi".

 
 
 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
17/10/2017

Scenari strategici del mercato elettrico

A Milano il 25 ottobre la presentazione del nuovo studio dell'E&S group, Electricity Market Report, dedicato agli scenari strategici dopo la fine del mercato regolato       L'Energy&Strategy Group della School of Management del ...

16/10/2017

BASF esempio di cambiamento verso economia circolare ed efficienza energetica

Il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti visita la sede del Gruppo BASF, il polo chimico integrato più grande al mondo, nato nel 1865, dove lavorano circa 40.000 collaboratori   Da sinistra, Andreas Riehemann, Amministratore ...

16/10/2017

Posata la prima pietra del primo smart district di Milano

UpTown sarà uno smart district verde, ecosostenibile, caratterizzato da spazi di aggregazione e di socializzazione, domotica e servizi pubblici facili da fruire     Sono partiti i lavori per la realizzazione di UpTown, il primo ...

12/10/2017

COOLSUN per lo sviluppo di vernici isolanti ad alto risparmio energetico

Da una partnership tra università di Pisa, Cromology Italia, Iexi e Tecnochimica nasce COOLSUN un progetto che svilupperà un'innovativa tecnologia per produrre vernici ad elevato risparmio energetico e costi ...

12/10/2017

Da greenbuilding a smartbuilding

Gli edifici sono sempre più smart ed efficienti dal punto di vista energetico e del comfort. Come sta evolvendo l’edilizia sostenibile? Se ne è parlato a KlimahouseCamp     In occasione della seconda edizione di ...

11/10/2017

Blocchi di vetro innovativi per soddisfare i fabbisogni energetici degli edifici

I mattoni di vetro Solar Squared potrebbero rappresentare una soluzione ai problemi di progettazione dell'energia solare dell'edilizia 
    Gli esperti di energie rinnovabili e sistemi fotovoltaici integrati in edilizia (BIPV) ...

10/10/2017

Nel 2016 in Italia 37% dei consumi coperto dalle rinnovabili

Pubblicata dall'Autorità dell'Energia la relazione annuale con i dati relativi ai consumi energetici, per le rinnovabili cresce l’eolico, calano fotovoltaico e idroelettrico     Guido Bortoni, presidente dell’Autorità ...

09/10/2017

Europa a zero emissioni entro il 2050?

Il Parlamento Europeo, in vista della COP 23 di Novembre a Bonn, chiede che l'UE attui una strategia a "emissioni zero" entro il 2050   Il Parlamento Europeo ha votato settimana scorsa una risoluzione che contiene una serie di raccomandazioni per ...