IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Riqualificazione energetica e risanamento dall'amianto per le case Aler della Lombardia

Riqualificazione energetica e risanamento dall'amianto per le case Aler della Lombardia

La giunta Regionale ha stanziato 21,5 milioni per la riqualificazione degli immobili Aler

La Giunta regionale della Lombardia ha approvato uno stanziamento di 21,5 milioni di euro per la riqualificazione energetica e la rimozione dall'amianto del patrimonio di edilizia residenziale delle Aler. Un Fondo, istituito presso Finlombarda, erogherà finanziamenti a tasso agevolato e contributi a fondo perduto, per consentire la programmazione e la realizzazione degli interventi.

Molto soddisfatto l'assessore alla Casa, Housing sociale e Pari opportunità Paola Bulbarelli, promotrice della proposta che ha commentato: "Si tratta di un intervento di notevole importanza, che permetterà alle nostre aziende che si occupano delle case popolari non solo di rimuovere l'amianto ancora presente nei propri immobili, ma anche di renderli energeticamente più efficienti, cosa che comporterà un notevole risparmio in termini economici. Nonostante le evidenti difficoltà e i tagli dettati dalla Legge di Stabilità, il mio Assessorato dimostra ancora una volta di avere a cuore le sorti di migliaia di famiglie che risiedono nelle case Aler e che meritano di vivere in un ambiente salubre e senza pericolo per la salute".

Si tratta di finanziamenti erogabili per vari interventi di 2 tipi: per interventi di riqualificazione energetica, finanziamento agevolato al tasso dello 0,5% nella misura massima dell'80% dei costi ammissibili, da rimborsare fino ad un massimo di 15 anni. L'importo richiesto non potrà essere inferiore a 500.000 euro e superiore a 3 milioni. Per gli interventi di risanamento ambientale dall'amianto, il contributo è a fondo perduto nella misura massima del 100% dei costi ritenuti ammissibili.

 

Il periodo di realizzazione previsto dai progetti di investimento, a seconda del costo di realizzazione tecnica (c.r.t.) che dipende da opere e oneri per la sicurezza, non potrà essere superiore a:

- c.r.t. oltre 1 milione: 36 mesi

- c.r.t. compreso tra 500.000 euro e 1 milione: 24 mesi

- c.r.t. inferiore a 500.000 euro: 12 mesi.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia