IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Secondo Moody's Italia e Spagna i paesi più a rischio per investimenti in rinnovabili

Secondo Moody's Italia e Spagna i paesi più a rischio per investimenti in rinnovabili

I provvedimenti retroattivi causano incertezza e rischi e gli investitori vanno altrove

L'influente agenzia di rating ha presentato ieri il report “Project Finance” dedicato agli investimenti nelle rinnovabili, da cui emerge che Spagna e Italia pagano il prezzo di incertezze politiche e provvedimenti retroattivi, che rappresentano un alto fattore di rischio per gli investitori. Basti pensare allo spalma-incentivi, peraltro giudicato incostituzionale dal Tar del Lazio, per spiegare l'analisi di Moody.  
Al contrario paesi come Francia, Germania e Regno Unito si caratterizzano per la stabilità delle regolamentazioni e difficilmente ci saranno interventi retroattivi che potranno allontanare gli investitori. 

Christopher Bredholt, Moody Vice President - senior Analyst e autore principale del rapporto sottolinea: "In Spagna, il governo ha più volte deliberato provvedimenti negativi che hanno colpito gli impianti esistenti, al fine di eliminare un deficit dei ricavi del sistema elettrico rispetto ai suoi costi. Ciò ha permesso di frenare il gap senza aumentare in modo significativo i prezzi dell'energia elettrica per l'utente finale, una scelta politicamente sgradevole in un momento di alta disoccupazione".

Considerando che i paesi dell'Unione Europea devono raggiungere precisi obiettivi entro il 2020, i governi sovvenzionano le energie rinnovabili per garantire che tali traguardi siano raggiunti. Secondo Moody i paesi più a rischio sono quelli in cui i sussidi alle rinnovabili hanno un peso significativo sulle bollette e dove il sostegno politico e dell’opinione pubblica sui temi green è basso, con Governi riluttanti ad appesantire gli utenti finali con i costi delle rinnovabili.

Altri fattori a rischio evidenziati da Moody's sono i limiti alla produzione incentivabile, le nuove tasse, l'eliminazione di sgravi fiscali e i tagli retroattivi agli incentivi. 

Christopher Bredholt ha aggiunto: "E importante notare che il regime normativo è solo un elemento del profilo di rischio di credito, e può essere mitigato da diversi fattori, tra cui un valido approccio alla gestione del rischio operativo e forti caratteristiche strutturali di finanza di progetto".

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
20/07/2017

Per cedere le detrazioni fiscali c’è la piattaforma Creditswap

I benefici energetici e fiscali aumentano se si pianificano interventi più incisivi di riqualificazione. La piattaforma Harley&Dikkinson per ottimizzare l'incontro fra domanda e offerta        La Legge di Bilancio 2017 ...

20/07/2017

Tour Maraîchère, per una banlieue a filiera corta

A pochi chilometri da Parigi l'innovativa doppia fattoria verticale autosufficiente dal punto di vista energetico.     E’ il 2015 quando a Parigi si firma l’accordo COP 21 sulla riduzione del surriscaldamento globale. Se da ...

19/07/2017

Eco materiali per edifici più efficienti e sani

Un progetto europeo mostra il potenziale ancora non sfruttato dei materiali ecologici naturali per migliorare la qualità interna degli ambienti     Il tema dell’efficienza energetica degli edifici è prioritario nelle ...

18/07/2017

Nuovo skyline per Lodi con Torre Zucchetti

L'ormai ex Pirellino rinasce più eco-friendly che mai     In occasione della tanto attesa inaugurazione, si torna a parlare di Torre Zucchetti, la nuova futuristica impresa di Marco Visconti. Realizzato con la collaborazione di MAP ...

14/07/2017

Il Sud Italia brucia, i danni per l’ambiente forse irreparabili

Una tragedia per la biodiversità, per lo più opera di piromani, con danni ancora non quantificabili per il territorio e gravi conseguenze per l’economia e le aziende     Dal Lazio fino alla Sicilia, il Sud Italia in questi ...

13/07/2017

Cresce il comparto delle case in legno, belle ed efficienti

Nel 2015 una casa su 14 in legno, Italia al 4° posto in Europa, il made in Italy sempre più apprezzato anche all'estero     Il Centro Studi Federlegno Arredo Eventi ha presentato il 2° Rapporto Case ed Edifici in Legno che mostra ...

13/07/2017

Piazza Gae Aulenti: il belvedere si tinge di green

piuarch vuole un tetto verde per il Porta Nuova Building.       Con un po' di ritardo rispetto ai colleghi europei, anche la capitale meneghina da qualche tempo ripensa lo sviluppo urbanistico in altezza e senza più freni. Palazzo ...

11/07/2017

Nei prossimi 4 anni 2GW di nuovi impianti per il fotovoltaico italiano

Le fonti rinnovabili sul mix energetico in Italia oggi hanno raggiunto quota 38.5%. Il fotovoltaico italiano nella top 5 mondiale per base installata. Quanto è vicina la grid parity?   A cura di Damiano Cavallaro - Energy&Strategy ...