IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Si può credere ai proclami sulle rinnovabili del Governo?

Si può credere ai proclami sulle rinnovabili del Governo?

Renzi assicura l’impegno del Governo per il 50% di rinnovabili entro fine legislatura. Le Associazioni chiedono che alle parole seguano i fatti

 

 

Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi, in occasione della firma a New York presso la sede dell’ONU, dell’accordo sul clima stabilito alla Cop21 di Parigi lo scorso dicembre, ha ribadito l’attenzione del Governo a produrre più energia da fonti pulite, a voler investire di più su idrico ed eolico, grazie allo sviluppo della tecnologia che migliori performance e produttività delle pale, a sostenere l’efficienza energetica a partire dalle case popolari, a investire in mobilità elettrica. Sul fotovoltaico l’impegno è quello di creare e investire in tecnologia per migliorare la produttività delle strutture solari che già ci sono.

 

Nel corso della Conferenza stampa Renzi ha dichiarato l’intenzione di voler portare al 50% la quota di energia da fonti rinnovabili entro la fine della legislatura, non con gli incentivi ma con un quadro regolatorio chiaro.

 

Greenpeace, pur apprezzando l’impegno del Governo a discutere sulle prospettive di decarbonizzazione per il nostro paese, ha scritto una lettere al Premier per chiedere che alle tante parole seguano ora fatti concreti e azioni volte al sostegno di efficienza energetica ed energie rinnovabili. In particolare si chiede cosa il Governo intenda fare per raggiungere l’obiettivo del 50% di rinnovabili entro fine legislatura, rendendo l’Italia sempre più indipendente dai combustibili fossili.

Si tratta di un progetto realizzabile come si può leggere dai dati del Rapporto Energy Revolution Italy realizzato nel 2013 da Althesys per Greenpeace, che ha esaminato i benefici tangibili dello sviluppo delle fonti rinnovabili per l’economia e l’occupazione. Basti pensare che nel 2013 le ricadute
economiche per l’Italia sono state pari a oltre 6 miliardi di euro, gli occupati totali nel
settore erano oltre 63 mila (di cui circa 50 mila legati all’occupazione diretta). Dai dati emersi
dal rapporto risulta chiaro che una politica basata sulla “rivoluzione energetica” in Italia
farebbe crescere i posti di lavoro complessivi a 100 mila unità nel 2030.
Invece, ricorda Greenpeace che i provvedimenti decisi negli ultimi anni sono andati esattamente nella direzione opposta ed hanno ostacolato lo sviluppo del settore e causato difficoltà per i lavoratori.

 

Tutto il mondo sta muovendosi in questa direzione, in una transizione verso le fonti rinnovabili, che deve essere sostenuta e accelerata anche nel nostro paese. Nel 2015, infatti, secondo l’Agenzia Internazionale per l’Energia, il 90% della nuova generazione di energia è venuta dalle rinnovabili, mentre i consumi di carbone, tra i paesi principali consumatori come la Cina, stanno diminuendo.
Le emissioni di CO2 a livello mondiale sono rimaste costanti per il secondo anno consecutivo.

 

Anche Legambiente appare soddisfatta delle dichiarazioni di Renzi che impegnano il Governo a portare al 50% le rinnovabili entro fine legislatura, ma chiede che ci sia ora il coraggio di realizzare provvedimenti mirati che confermino che il Governo sostenga una politica energetica low carbon ed efficiente.
Legambiente, attraverso le dichiarazioni del Presidente Rossella Muroni commenta che l’obiettivo del 50% di produzione di energia da fonti rinnovabili non sia difficile da raggiungere e rilancia al Governo le sue tre proposte per incentivare le rinnovabili nel Paese e superare quelle barriere che oggi impediscono il pieno sviluppo delle energie pulite: intervenire con provvedimenti mirati sul biometano e sull’autoproduzione da fonti rinnovabili, e approvare il decreto di incentivo per le rinnovabili non fotovoltaiche
"Dal fotovoltaico, settore in cui il nostro Paese è leader (in testa alla lista della quota elettrica coperta dall’energia solare, con una percentuale dell’8%, secondo gli ultimi dati dell’Agenzia Internazionale dell’Energia) ma che è stato affossato dalle politiche del governo. Alla produzione di biometano, che ha un potenziale di produzione nazionale di 8 miliardi di metri cubi, ossia 4 volte tanto quello del metano estratto dalle piattaforme oggetto del referendum del 17 aprile, ma che non può essere immesso in rete per assenza di normativa”.

 

Ricordiamo che alla firma dell'accordo di Parigi a New York, dovrebbe ora seguire la ratifica dell’accordo che impegnerà i Governi dei paesi coinvolti a mantenere  di contenere il surriscaldamento del pianeta ben al di sotto dei 2 gradi e di mettere in atto tutti gli sforzi possibili per non superare 1.5 gradi, in modo da ridurre gli impatti dei cambiamenti climatici già in corso sulle comunità vulnerabili dei paesi poveri. 

Il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti in occasione dell'appuntamento a Ney York per la firma dell'accordo di Parigi ha sottolineato che ora ogni Paese si deve impegnare con azioni all’interno del suo territorio, tenendo presente che gli Stati più poveri sono quelli che soffrono di più gli effetti dei cambiamenti climatici e per questo ci vuole una grande cooperazione. "E’ questa la forza dell’accordo: la consapevolezza che la sfida ai cambiamenti climatici o si vince tutti insieme o non si può vincere".

 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
19/04/2018

Corrono gli investimenti nelle rinnovabili

Presentato l’Irex Annual Report: nel 2017 13,5 miliardi di investimenti nelle rinnovabili, per una potenza di 13,4 GW, soprattutto all’estero.     Nel 2017 gli investimenti in rinnovabili tra Italia e, soprattutto, estero hanno ...

17/04/2018

Forum mondiale per la forestazione urbana

Le foreste urbane e le infrastrutture verdi possono fornire un contributo fondamentale alla progettazione sostenibile: a Mantova la prima edizione del World Forum on Urban Forests        Dal 28 novembre al 1 dicembre Mantova ...

13/04/2018

21 maggio 2017: l'87% dei consumi elettrici coperti da rinnovabili

Nel 2017 crescono i consumi di energia, calano leggermente le emissioni di CO2, prezzi in discesa e rinnovabili ai massimi storici. Il nuovo report Enea.     Pubblicata da Enea l'analisi trimestrale del sistema energetico italiano che si ...

12/04/2018

Risparmio energetico e riqualificazione edilizia a Klimahouse Toscana

Appuntamento a Firenze dal 13 al 15 aprile presso il Nelson Mandela Forum per approfondire le soluzioni e tecnologie a basso impatto ambientale per abitazioni confortevoli ed energeticamente efficienti     Si rinnova l'appuntamento a Firenze ...

11/04/2018

Soluzione innovativa di facciata per il risparmio energetico

Impianti di distribuzione integrati nella facciata degli edifici per la gestione del riscaldamento, raffrescamento e il ricambio d’aria: l'innovativa soluzione sviluppata da Eurac Research e l’azienda Stahlbau ...

05/04/2018

Dalle foglie che svolazzano nuova fonte di energia?

Dal passaggio tra luce e ombra che si crea al movimento delle foglie al vento si può generare energia pulita. I risultati di uno studio della Linköping University     In futuro potrebbe essere possibile raccogliere energia con ...

04/04/2018

Normativa comunitaria su emissioni di CO2 dei mezzi pesanti

La Commissione accoglie con favore l'ambizioso accordo raggiunto per la prima volta con il Parlamento Europeo sulla legislazione dell'UE in materia di monitoraggio e comunicazione delle emissioni di CO2 dei veicoli pesanti       I ...

29/03/2018

Le città galleggianti possono salvare gli oceani

La prima città galleggiante potrebbe diventare presto realtà: energeticamente autosufficiente, 100% rinnovabile e rispettosa dell’ambiente marino. Sorgerà a circa un km dalla riva all’interno di una meravigliosa laguna ...