IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Info dalle aziende > Quanto un sistema di accumulo aumenta l'autoconsumo

Quanto un sistema di accumulo aumenta l'autoconsumo

SOLARWATT

08/08/2017

Un caso reale di quanto in ambito residenziale il sistema di accumulo MyReserve grazie alla sua modularità sia in grado di ottimizzare l’autoconsumo 

 

 

 

I sistemi di accumulo in ambito residenziale abbinati a un impianto fotovoltaico possono assicurare indipendenza energetica per i proprietari, garantendo dunque che l’investimento sia ammortizzato più velocemente e che tutta l’energia prodotta dall’impianto sia utilizzata, senza che venga ceduta alla rete.

 

Per comprendere quanto effettivamente un sistema di accumulo riesca ad aumentare l’autoconsumo, Solarwatt, azienda all’avanguardia nella ricerca sulle batterie agli ioni di litio, ci propone un caso studio reale che interessa un’abitazione con un consumo annuale piuttosto alto,  di 24.000 Kw/anno, in cui sono stati installati due impianti  fotovoltaici, uno alimenta le pompe di calore, l’altro produce l’energia elettrica ad uso domestico.

 

Proprio per aumentare il più possibile l’autoconsumo i proprietari hanno deciso di installare su quest’ultimo impianto il sistema di accumulo MyReserve, che tra i molti vantaggi si caratterizza per la modularità. Particolarmente indicato per un uso in ambito residenziale il sistema Solarwatt è dotato  di una tecnologia di autoapprendimento in grado di monitorare e aggiornare ogni giorno i dati di utilizzo dell’impianto, adattando i tempi di carica e scarica della batteria  a seconda delle ore di sole e del profilo di consumo dell’abitazione, senza sfruttare le batterie quando non necessario. 

 

Mirella Raccagni di Euro Solis, azienda della provincia di Brescia specializzata nella progettazione di impianti fotovoltaici di impianti fotovoltaici ci spiega che il sistema di accumulo installato ha una capacità di 4,4 kW e per esempio nel mese di aprile ha avuto consumi per 790 kWh, non considerando i consumi per le pompe di calore, di cui 480 kWh sono stati prelevati direttamente dall’impianto o dalla batteria, arrivando a una percentuale di autoconsumo di circa il 60%. L’azienda sta valutando insieme ai proprietari la possibilità di espandere il sistema di accumulo fino a 8,8kW, arrivando così a un’autonomia energetica tra l’80 e il 90%.

Richiedi informazioni su Quanto un sistema di accumulo aumenta l'autoconsumo

Consiglia questo comunicato ai tuoi amici

Questo articolo è inerente le seguenti categorie
FONTI RINNOVABILI