IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Info dalle aziende > Innovazione per le caldaie: oltre i modelli a condensazione

Innovazione per le caldaie: oltre i modelli a condensazione

SOS CASA

Le nuove caldaie ibride uniscono efficienza di una caldaia a condensazione con un impianto di riscaldamento a radiatori

Da settembre 2015, con l’entrata in vigore della direttiva europea 2005/32/CE conosciuta come Eco-Design, le case produttrici di caldaie non possono più immettere nel mercato modelli che non siano a condensazione, ossia capaci di recuperare il calore del vapore acqueo che si forma durante la combustione e che è contenuto nei fumi di scarico. L’obiettivo è quello di installare apparecchiature più efficienti che riducano nel contempo le emissioni nocive in atmosfera.

L’innovazione tecnologica nel settore ha fatto passi da gigante, migliorando le prestazioni delle caldaie a condensazione e sviluppando nuovi modelli capaci di superare eventuali limitazioni nell’utilizzo delle apparecchiature.

Sappiamo infatti come le caldaie a condensazione esprimano il loro massimo potenziale se abbinate ad un sistema di riscaldamento diffuso e a bassa temperatura come quello a pavimento (pannelli radianti).

Ma nella maggior parte degli edifici residenziali del nostro Paese, costruiti in periodi in cui questo tipo di impianto non era ancora così comune, la diffusione del calore avviene tramite radiatori tradizionali.


Come coniugare quindi l’efficienza di una caldaia a condensazione con un impianto di riscaldamento a radiatori? La risposta è dalle nuove caldaie ibride, come quella proposta da SOS CASA: si tratta di ROTEX Hybrid System di Daikin, un’apparecchiatura che associa la tecnologia a condensazione con una pompa di calore e che esprime tutte le sue potenzialità anche con i radiatori ad alta temperatura. Rotex può funzionare solo come caldaia, oppure solo come pompa di calore, oppure ancora con le due modalità contemporaneamente. Ed è proprio quest’ultima funzione che caratterizza il funzionamento ibrido di Rotex: infatti l’acqua viene preriscaldata dalla pompa di calore e poi viene portata alla temperatura desiderata dalla caldaia. Il risultato è indiscutibilmente vantaggioso in termini di efficienza energetica: +35% di rendimento in riscaldamento, +20% di efficienza nella produzione di acqua sanitaria, possibilità di utilizzare la funzione di raffreddamento.

ROTEX consente un elevato risparmio energetico, attestandosi come un prodotto con elevata funzionalità ecologica. Ma l’utente può optare anche per il suo funzionamento in modalità economica: settando, infatti, la temperatura desiderata ed il costo delle fonti energetiche (elettricità e gas), Rotex è in grado di scegliere autonomamente la modalità di funzionamento che assicura il minor costo possibile in bolletta.

 

 

SOS Casa supporta il cliente in tutte le fasi di installazione di un nuovo impianto termico tramite i servizi offerti dal suo staff – una loro panoramica completa è disponibile al link www.ioguadagnora.com: dal sopralluogo gratuito alla gestione della documentazione per richiedere i contributi Statali del 65%, 50% o del Conto Energia Termico (Doc. ENEA), fino alle manutenzioni programmate.



Richiedi informazioni su Innovazione per le caldaie: oltre i modelli a condensazione

Consiglia questo comunicato ai tuoi amici

Questo articolo è inerente le seguenti categorie
RISPARMIO ENERGETICO