IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Info dalle aziende > Serie E: l’evoluzione della specie GHP

Serie E: l’evoluzione della specie GHP

TECNOCASA CLIMATIZZAZIONE

Tecnocasa Climatizzazione, unico distributore europeo delle pompe di Calore a Gas (GHP) di AISIN presenta la Serie E, nuova gamma della specie GHP, più efficiente e con minor costi di gestione.
Le GHP Aisin hanno lo stesso principio di funzionamento di un normale climatizzatore elettrico (EHP), solo che i compressori vengono azionati da un motore endotermico alimentato a metano o GPL rivoluzionando il mondo della produzione energetica per ogni tipo di edificio (residenziale, terziario, ricettivo, ospedaliero). Il motore delle GHP Aisin è stato progettato e sviluppato nei Laboratori di Ricerca TOYOTA appositamente per questo particolare utilizzo. Ottimizzando lo sfruttamento dell'energia primaria pulita del gas combustibile e di quella gratuita dell'aria, la fonte rinnovabile maggiormente disponibile sulla terra, le GHP possono produrre caldo, freddo ed acqua calda per uso sanitario, massimizzando l'efficienza ed abbattendo le emissioni di CO2.

La nuova serie E, tutte le innovazioni
Le GHP (Gas Heat Pump) si stanno diffondendo sempre più per la loro elevata efficienza (140%), che comporta un notevole risparmio energetico (siamo nell'ordine di un -40% rispetto ad un sistema caldaia-chiller) e, di conseguenza riduzione dei costi di gestione e dell'inquinamento atmosferico. Argomenti molto interessanti in periodo di taglio delle emissioni e riscaldamento globale, che hanno portato Tecnocasa Climatizzazione a realizzare ben 1.000 impianti in soli 3 anni.
 
Oggi la serie E aggiunge ulteriore valore alla propria gamma che si caratterizza per l'elevato rendimento stagionale, la riduzione dell'emissione di CO2, l'utilizzo dell'energia rinnovabile dell'aria, e per un nuovo  sistema "combination multi" capace di combinare l'azione di due unità esterne anche di capacità diverse. Le nuove GHP serie E sono più compatte (fino al 22%) e leggere (fino al 5%) rispetto ai modelli precedenti rendendone più facile il trasporto ed il posizionamento. In più, l'ottimizzazione dei componenti principali ha permesso la riduzione del contenuto complessivo di gas refrigerante nell'impianto ed il passaggio alla seconda categoria nella classificazione imposta dalla direttiva PED.
 
Elevato rendimento stagionale SPF
Fino ad oggi, l'efficienza delle pompe di calore è stata valutata mediante l'uso dei coefficienti COP (coefficient of performance) in riscaldamento ed EER (energy efficiency ratio) in raffreddamento, ma si tratta di parametri di scarsa affidabilità per la valutazione delle prestazioni in quanto riferiti a misure di una singola condizione di funzionamento (carico nominale, temperature interna ed esterna ed umidità fisse). Il parametro SPF (seasonal performance factor) è quindi stato introdotto per tenere conto delle reali e diverse condizioni di funzionamento della pompa di calore, sia in riscaldamento che in raffreddamento, nell'arco dell'intera stagione (in particolare al variare della temperatura esterna). In Europa, a breve saranno introdotte le definizioni univoche dei coefficienti SCOP (Seasonal COP) e SEER (Seasonal EER), nonché le procedure di calcolo degli stessi e le prescrizioni per l'esecuzione dei test di verifica in laboratorio.
Inoltre, come per molti altri elettrodomestici, anche le pompe di calore saranno presto dotate di etichetta riportante la classe energetica (l'intervallo varia tra classe A+++ per prodotti ad elevata resa energetica e classe G per prodotti a scarsa resa energetica) che faciliterà la comprensione del livello di efficienza dell'apparecchiatura da parte dell'utente.
 
Stessa potenza, regimi motore inferiori e riduzione del 40% di CO2
I nuovi compressori di tipo "scroll" a capacità variabile delle GHP consentono, rispetto ai modelli precedenti, a parità di portata di gas refrigerante elaborata e quindi di potenza resa, una riduzione della velocità del motore endotermico su tutto l'arco di funzionamento ed un conseguente aumento dell'efficienza complessiva dell'unità.
Ogni GHP consente di ridurre le emissioni di CO2 del 40%, rispetto ad una caldaia a gas tradizionale di pari potenza ed in un anno è possibile risparmiare fino a 14 tonnellate di CO2 e complessivamente, le oltre duemila unità installate in Europa totalizzano un risparmio annuo di circa 31.000 tonnellate di CO2.
 
Ogni GHP preleva fino al 75% di energia rinnovabile dall'aria durante il funzionamento sia in estate sia in inverno; in più, la presenza del motore endotermico e la condensazione dei gas esausti, consentono un ulteriore contributo gratuito alla produzione di energia termica.
 
La GHP consente da sempre di abbattere i costi di gestione, rispetto agli usuali sistemi di generazione termica, sfruttando il recupero del calore di scarto ed il contributo rinnovabile dell'aria. Inoltre, l'uso del motore endotermico a gas permette di ridurre del 90% il fabbisogno elettrico, rispetto ad una equivalente pompa di calore EHP, limitando l'impegno elettrico ad una economica utenza monofase invece che ad una costosa cabina elettrica dedicata.  Il calore del motore recuperato dalla GHP non è sempre utilizzato dal circuito frigorifero. Grazie al W-kit opzionale, invece di essere dissipato, tale contributo energetico significativo può essere indirizzato alla produzione di acqua calda sanitaria o al post-riscaldamento nelle unità trattamento aria con ulteriore abbattimento dei costi di gestione dell'impianto.
Inoltre le GHP Aisin, a differenza delle caldaie, non necessitano di locale dedicato (centrale termica) perché vengono installate all'esterno.
 
Modulante anche in accoppiamento con AWS
La nuova GHP serie E introduce un'importantissima novità per i sistemi ad acqua: la possibilità di modulare, abbandonando il superato funzionamento on/off. Con il
, prodotto e brevettato da Tecnocasa Climatizzazione, le prestazioni del sistema aumentano notevolmente ai carichi parziali e le variazioni di temperatura dell'acqua diventano trascurabili. In più, il quantitativo d'acqua necessario si può ridurre significativamente rendendo spesso superflua l'installazione di un volano termico aggiuntivo. La gamma di potenze della GHP si amplia grazie al sistema "combination multi", ovvero alla possibilità di combinare l'azione di due unità esterne, anche di capacità diversa, su un unico circuito frigorifero fino alla potenza massima di 50 HP (142 kWfrig).
L'offerta GHP si completa con una ampia gamma di modelli di unità interne ad espansione diretta e di sistemi di controllo remoto singoli o centralizzati che massimizza la versatilità di impianto. Ne è prova l'elevato numero di unità interne, fino a 63, collegabili ad una singola GHP con una potenza complessiva fino al 200% della potenza nominale.
 

Brochure tecnica informativa GHP E

Richiedi informazioni su Serie E: l’evoluzione della specie GHP
Tecnocasa Serie E_GHP

Consiglia questo comunicato ai tuoi amici

Questo articolo è inerente le seguenti categorie
RISPARMIO ENERGETICO