IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > UE, approvato il bilancio 2014-2020: 23 miliardi di euro per le rinnovabili

UE, approvato il bilancio 2014-2020: 23 miliardi di euro per le rinnovabili

900 miliardi a disposizione, 23 destinati a promuovere le fonti rinnovabili e l'efficienza energetica

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo quadro finanziario pluriennale (QFP) dell'Unione per i prossimi sette anni (2014-2020) con 537 voti a favore, 126 contrari e 19 astensioni. Il prossimo 2 dicembre il bilancio dovrà affrontare un passaggio formale davanti al Consiglio UE per l’approvazione definitiva.

Il bilancio complessivo per i prossimi sette anni sarà di 960 miliardi di euro in impegni finanziari e 908 miliardi in pagamenti.

Il Presidente della Commissione europea José Manuel Barroso ha commentato: “Tra il 2014 e il 2020 l’Unione europea investirà circa 1 000 miliardi di euro nella crescita e nell’occupazione. I fondi del nuovo bilancio ci permetteranno di gettare le basi per superare la crisi, dando sostegno finanziario a quanti vivono al di sotto della soglia di povertà o che sono in cerca di lavoro, offrendo opportunità di investimento alle imprese di piccole dimensioni e garantendo assistenza alle comunità locali, agli agricoltori, ai ricercatori e agli studenti”.

Il bilancio UE 2014-2020 segna un importante passo avanti verso la trasformazione dell’Europa in un’economia pulita, competitiva e a basse emissioni di carbonio. Almeno il 20% dell’intero bilancio sarà infatti destinato ai progetti e alle politiche sul clima.
L'Unione Europea stanzierà almeno 23 miliardi per finanziare energie rinnovabili, efficienza energetica, reti intelligenti, risparmio energetico e mobilità urbana. Ulteriori 6,5 miliardi di euro arriveranno, per gli stessi settori, dal programma quadro Horizon 2020.
Inoltre sono stati stanziati 15 miliardi di euro, di cui 2,5-3 miliardi saranno destinati all'Italia, per migliorare le comunicazioni stradali, ferroviarie e marittime tra i diversi Stati membri (le cosiddette reti transeuropee TEN). Obiettivo dell'UE è quello di migliorare l'efficienza delle autostrade del mare per alleggerire il traffico su gomma.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia