IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > UE, India e Cina. Lotta a colpi di dazi sul fotovoltaico

UE, India e Cina. Lotta a colpi di dazi sul fotovoltaico

La Cina ha confermato che non intende introdurre alcuna tariffa punitiva sulle importazioni dall’Unione Europea di silicio policristallino. Questo é il frutto di una intesa tra il ministro dell’economia tedesco Philipp Rösler e il suo collega cinese Gao Hucheng. Questo accordo é piuttosto significativo in quanto rappresenta il primo passo verso una possibile soluzione della controversia tra Unione Europea e Cina ed avente ad oggetto il settore fotovoltaico.

La diatriba aveva avuto inizio in seguito all’introduzione da parte della Unione Europea di alcuni dazi antidumping provvisori sui moduli di produzione cinese, messi in atto sotto forma di tariffe preventive dell'11,8% ma aumentabili fino a un massimo del 67% a partire dal 5 agosto prossimo. In molti temevano una possibile ritorsione da parte del Governo cinese attraverso l’adozione di una contromisura similare. Ed in effetti per mesi la Cina aveva ventilato la possibilità di introdurre dazi sul poli-silicio di provenienza europea, misure però che non erano mai state attuate e che i produttori europei temevano, vista la crisi che intacca il settore. L’accordo giunge in porto grazie all’intervento del governo tedesco il quale é maggiormente esposto al rischio di una riduzione delle esportazioni, considerato che la Germania é il principale esportatore di silicio policristallino verso la Cina. Tuttavia va ricordato che la Cina non si é dichiarata disponibile a non immettere dazi su tutti i moduli europei, ma si é limitata a circoscrivere la sua manovra a quelli di origine tedesca. Non verranno pertanto avvantaggiati da tale accordo i produttori di quei paesi che appoggiano le misure restrittive addottate nei confronti dei prodotti cinesi. Sembra peraltro che il procedimento percorso per la definizione di questo accordo potrà essere applicato anche in altri ambiti: per esempio paesi come Francia e Italia che spingono per il mantenimento dei dazi verso i prodotti cinesi, potrebbero vedere a loro volta sottoposti a dazio i prodotti delle rispettive aziende, anche se operanti in settori completamente diversi rispetto quelli sottoposti a dazio. Se da un lato dunque, anche con tanti distinguo, si profila una possibile soluzione nei difficili rapporti in tema di fotovoltaico tra Cina e Unione Europea, nuovi problemi sorgono sul fronte indiano. Bloomerg infatti riporta come l’India stia considerando di ampliare la sua indagine sull’antidumping ai pannelli fotovoltaici provenienti da Giappone ed Europa. Già il Governo indiano si era mosso in tal senso con i prodotti provenienti da Cina, Stati Uniti, Taiwan e Malesia che saranno sottoposti a dazio, ma ora spinta dalle pressioni delle imprese locali Indosolar, Jupiter e Websol, sta accusando un poco tutti di vendere sottocosto causando un danno pari al doppio del valore del fotovoltaico importato nel periodo gennaio 2011 – giugno 2012. La posizione indiana é piuttosto preoccupante in quanto, come si evince dal periodo preso in analisi che ha inizio nel 2011, si parla di dazi retroattivi e non solo di nuove imposte future. Per avere certezze in merito tuttavia dovremo attendere il 2 agosto, data nella quale il Governo indiano risponderà alle parti chiamate in causa.  

 

Contributo scritto da www.pvcompare.net

TEMA TECNICO:

Solare fotovoltaico

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
19/01/2017

Nel 2016 cala la produzione fotovoltaica

Il "Rapporto statistico solare fotovoltaico" Pubblicato dal GSE evidenza un calo del 4,3% della produzione fv dei primi 11 mesi del 2016 rispetto allo stesso periodo del 2015     Come ogni anno il GSE, pubblica il “Rapporto statistico - ...

16/01/2017

Nel deserto israeliano la più alta torre solare del mondo

La torre Ashalim sarà alta 250 metri e riceverà la luce riflessa da un campo di 50.000 pannelli eliostati     E’ in costruzione nel deserto israeliano del Negev la torre solare più alta del mondo che con i suoi 250 ...

13/01/2017

Al Campus di Savona autonomia energetica e rinnovabili

Lo Smart Energy Building vanta autosufficienza energetica grazie a geotermia, fotovoltaico e movimento degli studenti       Prosegue l’impegno del Campus di Savona quale Centro di Innovazione nazionale sulle tecnologie per la Smart ...

09/01/2017

Il Milleproroghe ferma obbligo rinnovabili al 35%

Rinviato al 2018 l’obbligo della quota del 50% di utilizzo delle rinnovabili termiche nei nuovi edifici o per le ristrutturazioni rilevanti  
Il decreto Milleproroghe, pubblicato nella Gazzetta ufficiale 304 del 30 dicembre scorso, ...

23/12/2016

Nei primi 9 mesi del 2016 fotovoltaico ed eolico coprono il 14% della domanda di energia

Raggiunto da gennaio a settembre il massimo storico di produzione da eolico e solare, mentre calano in contemporanea le emissioni di CO2 e i consumi energetici     L'Enea ha pubblicato il Bollettino del Sistema Energetico Italiano dedicato al ...

21/12/2016

Il fotovoltaico più economico dell’eolico e del carbone

L’ultimo Rapporto pubblicato da Bloomberg New Energy Finance, evidenzia che il mondo green è arrivato a un punto di svolta e che i mercati emergenti stanno superando le economie forti grazie ai pannelli a basso costo.     Il ...

19/12/2016

Cala la produzione fotovoltaica nel 2016

Pubblicata dal GSE un’analisi preliminare sulla produzione fotovoltaica nei primi 9 mesi dell’anno che segna un -4.1%       Il GSE ha pubblicato l’analisi preliminare dedicata alla “Produzione fotovoltaica in Italia ...

15/12/2016

Rinnovabili in Italia in crescita, attesi lavoro e investimenti

Dal 2016 al 2020 saranno installati circa 3,7 GW di potenza aggiuntiva da fonti rinnovabili, per un investimento di oltre 7 miliardi di euro. Crescono gli occupati scendono i costi in bolletta     Il GSE ha pubblicato uno Studio sugli scenari ...