IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > UE, intesa su pacchetto energia e clima. Si poteva fare di più?

UE, intesa su pacchetto energia e clima. Si poteva fare di più?

Entro il 2030 - 40% per le emissioni di CO2, + 27% per energia da rinnovabili e +27% per efficienza energetica

I capi di Stato e di governo dei 28 dell’UE hanno raggiunto l'accordo sul clima che prevede la riduzione entro il 2030, vincolante per gli Stati membri, del 40% delle emissioni di gas serra rispetto ai livelli del 1990, una quota di produzione di energia da fonti rinnovabili al 27%, vincolante solo a livello comunitario e sempre al 27% l'incremento di efficienza energetica, obiettivo solamente indicativo e non vincolante.
Per quanto riguarda l'interconnessione delle reti, l'Ue si impegna ad arrivare ad una quota del 10% entro il 2020 e del 15% entro il 2030.

L’accordo sarà presentato alla conferenza Onu sul clima di Parigi fissata per dicembre 2015, il Presidente del Consiglio Europeo, Herman Van Rompuy annunciando il raggiungimento dell'accordo sul pacchetto clima 2030, ha sottolineato: "Un risultato positivo su un accordo ambizioso che consentirà all’Europa di presentarsi con le carte in regola alla riunione internazionale sul clima che si terrà l’anno prossimo a Parigi".
Per quanto riguarda gli obiettivi in tema di efficienza energetica, ricordiamo che la Commissione aveva proposto di portarli al 30%, si tratta dunque di un accordo al ribasso.

Non si sono infatti fatti attendere i commenti delle Associazioni.
AiCARR, Associazione italiana condizionamento dell'aria riscaldamento e refrigerazione, in una nota esprime molte perplessità sull’accordo: Livio de Santoli, presidente di AiCARR infatti sottolinea: "Gli obiettivi previsti dal pacchetto Ue Clima-Energia 2030 con efficienza energetica al 27% e fonti rinnovabili al 27%, oltretutto non vincolanti, in un quadro normativo confuso e contraddittorio come quello italiano, di fatto ostacolano e rallentano la transizione verso un nuovo modello energetico. Che ciò accada durante il semestre di presidenza italiano è significativo del perdurare di una politica fossile nel nostro Paese".
Anche assoRinnovabili non sembra del tutto soddisfatta e sottolinea che sebbene siano stati indicati nuovi obiettivi per il 2030, l’impressione è che i Capi di Governo dell’Unione Europea non siano stati coraggiosi e non abbiano voluto ascoltare gli inviti che sono arrivati dal settore della green economy. “Pur apprezzando in parte il lavoro svolto - commenta Agostino Re Rebaudengo, presidente dell’associazione – ritengo si potesse e dovesse fare di più. assoRinnovabili aveva chiesto in più occasioni che l’obiettivo per le rinnovabili non fosse inferiore al 30%, considerando i tanti vantaggi che la produzione di energia verde ha saputo offrire e offrirà al nostro Paese in termini di emissioni evitate di CO2, minori danni alla salute dei cittadini, incremento di PIL e occupazione. La stessa Commissione ha stimato che con un obiettivo per le rinnovabili al 30% si potrebbero avere al 2030 fino a 1.300.000 posti di lavoro in più in Europa, mentre con un obiettivo limitato al 27% se ne avrebbero solo 700.000: perché rinunciare a 600.000 occupati? Senza trascurare inoltre l’aspetto strategico che le rinnovabili possono rivestire in termini di security of supply per l’Unione Europea, fattore particolarmente rilevante in seguito ai recenti sviluppi geopolitici, sia a Est che a Sud dell’Unione Europea.”
Legambiente parla di una grande occasione sprecata: il presidente di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza ha commentato “Il livello di ambizione comunitario degli obiettivi climatici ed energetici concordati oggi dal Consiglio Europeo - come dimostrano diverse analisi indipendenti - non è coerente con la traiettoria di riduzione delle emissioni di almeno il 95% al 2050, la sola in grado di contribuire a contenere il riscaldamento del pianeta almeno sotto la soglia critica dei 2°C. A tal fine, la UE deve ridurre le sue emissioni ben oltre il 40% entro il 2030. Il ruolo delle fonti rinnovabili e dell’efficienza energetica è cruciale per raggiungere questo obiettivo. Pertanto, come richiesto dal Parlamento europeo, è necessario definire tre obiettivi coerenti che si supportino a vicenda, ambiziosi e legalmente vincolanti. Gli obiettivi vincolanti per le rinnovabili e l’efficienza energetica sono essenziali per garantire la sicurezza energetica dell’Unione europea, rendendola meno dipendente dalle dinamiche geopolitiche".

Il WWF considera debole il pacchetto energia approvato: Mariagrazia Midulla, responsabile Clima ed Energia del WWF Italia "I target definiti stanotte sono completamente inadeguati. I prossimi mesi saranno cruciali per evitare le peggiori conseguenze di questa decisione. La UE dovrà rivedere i suoi obiettivi verso l'alto, come chiediamo di fare anche agli altri paesi nell’ambito delle trattative alle Nazioni Unite. Una politica europea è necessaria, al di là degli sforzi dei singoli stati membri, anche per evitare che i problemi di alcuni Paesi si perpetuino, invece di armonizzarsi con l’orizzonte europeo".

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
22/06/2018

Ok all’accordo UE per obiettivo efficienza energetica del 32,5%

Commissione europea, Consiglio Ue e Europarlamento hanno raggiunto un nuovo accordo su efficienza energetica e Governance che prevede un obiettivo di efficienza del 32,5% entro il 2030 e dello 0,8% di risparmio energetico annuo per il ...

21/06/2018

Pubblicata la direttiva EU sull’efficienza energetica

Pubblicata in GU la Direttiva UE 2018/844: entro il 2050 edifici a energia quasi zero, riduzione delle emissioni in UE dell’80-85%. Misure per la mobilità elettrica, nuovi strumenti per edifici smart     Pubblicata sulla Gazzetta ...

20/06/2018

In che modo l'evoluzione del sistema energetico influenzerà l'esigenza di stoccaggio di energia?

L'Associazione europea per lo stoccaggio dell'energia (EASE) ha pubblicato uno studio che stima la capacità di stoccaggio necessaria per consentire all'Europa di raggiungere i propri obiettivi di decarbonizzazione.     Pubblicato da ...

19/06/2018

Grazie all'Ecobonus 3,7 mld di investimenti nel 2017

L'Enea ha presentato questa mattina il 7° Rapporto Annuale sull’Efficienza Energetica: nel 2017 l’ecobonus ha mosso investimenti di oltre 3,7 miliardi di euro per la realizzazione di ...

12/06/2018

L'italia può arrivare al 59% di elettricità da rinnovabili entro il 2030

Un nuovo studio dell'European Climate Foundation mostra che per l'Italia le tecnologie pulite meno costose rappresentano un'opportunità capace di stimolare maggiori ambizioni in materia di clima ed energia, in linea con gli obiettivi dell'accordo di ...

11/06/2018

Gli effetti dell'economia circolare per la sostenibilità ambientale

Un innovativo studio evidenzia che l'economia circolare potrebbe consentire di mantenere il riscaldamento globale al di sotto di 2°C e ridurre le emissioni industriali dell'UE di oltre la metà entro il 2050     La ricerca ...

06/06/2018

A che punto è la transizione verso le energie rinnovabili?

Il 2017 è stato un anno record per le energie rinnovabili, grazie a riduzione dei costi, aumento degli investimenti e progressi delle tecnologie. Ma la transizione energetica non sta avvenendo abbastanza velocemente per raggiungere gli obiettivi per il ...

06/06/2018

Passivhaus Days 2018

Un'iniziativa che si svolge in tutta Europa che ha l'obiettivo di far conoscere a progettisti e utenti un nuovo modo di costruire e abitare, secondo il protocollo costruttivo Passivhaus.     Dall'8 al 10 giugno committenti e ...