Advertisement Advertisement
IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > L'UE può raddoppiare la quota di rinnovabili entro il 2030

L'UE può raddoppiare la quota di rinnovabili entro il 2030

Secondo un nuovo Studio presentato da Irena, l'UE potrebbe raddoppiare la quota delle energie rinnovabili nel suo mix energetico, a costi contenuti, passando dal 17% nel 2015 al 34% nel 2030

 

L'UE può arrivare al 34% di rinnovabili entro il 2030

 

Da oltre due decenni i paesi dell'Unione europea sono all'avanguardia nella diffusione mondiale delle energie rinnovabili, grazie all'adozione di obiettivi a lungo termine e di misure politiche di sostegno, che hanno determinato una significativa crescita delle energie pulite, che sono passate da una quota del 9% sul consumo finale lordo di energia nel 2005 al 16,7% nel 2015. Attualmente l'Unione è sulla buona strada per raggiungere l'obiettivo del 20% fissato per il 2020.

 

Nonostante il ritmo sia rallentato, secono l'ultimo Studio presentato da IRENA "Renewable Energy Prospects in the European Union", realizzato in collaborazione con la Commissione Europea, ci sono ottime prospettive di sviluppo delle energie rinnovabili in Europa, che entro il 2030 potrebbero superare il target proposto del 27%, raddoppiando la quota nel proprio mix energetico, a costi contenuti, passando dal 17% nel 2015 al 34% nel 2030, stimolando la crescita economica e assicurando nuova occupazione.

 

In particolare Irena, Agenzia Internazionale per le energie rinnovabili, segnala le principali strategie da adottare per assicurare la crescita nella diffusione delle rinnovabili in tutti i paesi dell'UE, analizzando i vari piani nazionali e lo sviluppo delle singole fonti in modo da garantire la decarbonizzazione a lungo termine del sistema energetico dell'UE e così da assicurare il rispetto del target di Parigi, mantenendo l'obiettivo di limitare l'aumento delle temperature globali in questo secolo a "ben al di sotto dei 2°C, possibilmente entro 1,5°" rispetto ai livelli preindustriali.

 

Il Rapporto evidenzia che dal 2014 ad oggi i costi delle due tecnologie rinnovabili per eccellenza, ovvero fotovoltaico ed eolico, sono diminuiti moltissimo, mentre la tecnologia è stata ottimizzata di anno in anno. Contemporaneamente lo sviluppo tecnologico si è accelerato anche nei settori degli usi finali; ad esempio, i veicoli elettrici stanno rapidamente raggiungendo la maturità commerciale e potrebbero avere un ruolo chiave nella maggiore diffusione di energie rinnovabili nell' UE entro il 2030, sia nel settore dei trasporti che in quello dell'energia.

 

A fotovoltaico ed eolico il ruolo chiave per raggiungere l'ambizioso obiettivo. In particolare il potenziale individuato stima 327 gigawatt (GW) di capacità installata per l'energia eolica e 270 GW di energia solare, mentre altre tecnologie, tra cui biomassa, energia idroelettrica, geotermica, energia solare concentrata (CSP) e marina, contribuirebbero con altri 23 GW.

Un ruolo importantissimo avranno anche le soluzioni di riscaldamento e raffrescamento e quelle legate alla mobilità sostenibile, ma bisognerà vincere precise sfide legate alla flessibilità del sistema e alla realizzazione di nuove infrastrutture in grado di rispondere alle nuove richieste del mercato.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
12/06/2018

L'italia può arrivare al 59% di elettricità da rinnovabili entro il 2030

Un nuovo studio dell'European Climate Foundation mostra che per l'Italia le tecnologie pulite meno costose rappresentano un'opportunità capace di stimolare maggiori ambizioni in materia di clima ed energia, in linea con gli obiettivi dell'accordo di ...

11/06/2018

Gli effetti dell'economia circolare per la sostenibilità ambientale

Un innovativo studio evidenzia che l'economia circolare potrebbe consentire di mantenere il riscaldamento globale al di sotto di 2°C e ridurre le emissioni industriali dell'UE di oltre la metà entro il 2050     La ricerca ...

06/06/2018

A che punto è la transizione verso le energie rinnovabili?

Il 2017 è stato un anno record per le energie rinnovabili, grazie a riduzione dei costi, aumento degli investimenti e progressi delle tecnologie. Ma la transizione energetica non sta avvenendo abbastanza velocemente per raggiungere gli obiettivi per il ...

06/06/2018

Passivhaus Days 2018

Un'iniziativa che si svolge in tutta Europa che ha l'obiettivo di far conoscere a progettisti e utenti un nuovo modo di costruire e abitare, secondo il protocollo costruttivo Passivhaus.     Dall'8 al 10 giugno committenti e ...

05/06/2018

Approvate le norme sulla diminuzione dell'inquinamento

Approvato dal CDM del 29 maggio il decreto legislativo che promuove il raggiungimento di livelli di qualità dell’aria che non creino problemi alla salute e all'ambiente     Il Consiglio dei Ministri ha approvato lo scorso ...

05/06/2018

REBUILD 2018, l’innovazione radicale

Per decarbonizzare l’edilizia la strada è ancora lunga. Ma REbuild 2018 ha dimostrato, esperienze alla mano, che si può fare. Ma occorre vincere ancora numerose resistenze, che non appartengono solo al settore delle costruzioni del nostro ...

01/06/2018

5 giugno, giornata mondiale dell’ambiente

La Giornata mondiale dell'ambiente organizzata ogni anno delle Nazioni Unite il 5 giugno, vuole incoraggiare la consapevolezza e l'azione a livello mondiale per la protezione dell'ambiente     Come ogni anno dal 1972 il 5 giugno è la ...

01/06/2018

Comportamento estivo degli edifici

ANIT ha realizzato in collaborazione con il “Gruppo di Lavoro Estivo”, un approfondimento dedicato al comportamento estivo degli edifici che prende in considerazione 4 tipologie di immobili: dal residenziale monofamiliare, all'appartamento in ...