IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Una serra bioclimatica in centro città

Una serra bioclimatica in centro città

Tecnologia all'avanguardia, design innovativo e comfort elevato sono le caratteristiche che meglio descrivono l'esclusiva serra bioclimatica realizzata da Schüco Italia a Padova, una realizzazione fortemente innovativa in grado di riprodurre 365 giorni all'anno il perfetto microclima di una giornata primaverile. 
La serra bioclimatica di Schüco si colloca all'interno di un progetto più ampio sviluppato per riqualificare e restituire vivibilità al Portello, storico quartiere padovano situato nel pieno centro della città veneta. L'intervento ha previsto  principalmente il recupero e la ristrutturazione degli alloggi dell'Ater (l'Azienda territoriale per l'edilizia residenziale della Provincia di Padova). 
L'obiettivo progettuale che ha ispirato l'intera opera di riqualificazione è stato quello di migliorare la qualità del patrimonio edilizio esistente nel pieno rispetto dei criteri di compatibilità ambientale. La ristrutturazione, che ha previsto il recupero di circa 120 alloggi, la creazione di sei laboratori artigianali e la realizzazione di un'autorimessa interrata, di un giardino pensile e della serra bioclimatica Schüco, è stata  anche l'occasione per sperimentare materiali e tecniche innovative eco-sostenibili.
 
Per quanto riguarda gli alloggi, infatti, le unità abitative sono state trasformate in appartamenti a basso consumo energetico, mentre per la copertura dell'autorimessa interrata è stato creato un giardino pensile che sfrutta il verde sia come strumento di riqualificazione ambientale sia per la gestione delle acque piovane, con notevoli vantaggi dal punto di vista urbano e dello smaltimento delle acque nelle fognature. 
 
La serra bioclimatica, progettata e realizzata da Schüco Italia, è l'elemento di forte richiamo della nuova area verde che esalta le nuove tendenze della bioarchitettura attraverso la scelta di materiali innovativi e l'utilizzo della tecnologia  solare.
L'idea ispiratrice che sta alla base della realizzazione è la volontà di creare spazi esterni confortevoli e fruibili in qualsiasi stagione, 365 giorni all'anno. I meccanismi automatizzati di accumulo termico, infatti, consentono l'utilizzo della serra nella stagione invernale, mentre sistemi di ventilazione naturale rendono la struttura confortevole nel periodo estivo. Nelle giornate più calde la serra bioclimatica presenta un ambiente dal microclima ideale in ogni momento della giornata, in quelle più fredde invece si trasforma in un giardino d'inverno dove possono aver luogo svariate iniziative rivolte agli abitanti della zona.
 
Le prestazioni ottimali della serra bioclimatica Schüco vengono garantite da sistemi costruttivi tecnologicamente all'avanguardia che contribuiscono a mantenere l'ambiente interno sempre confortevole e assicurano un impatto estetico di grande effetto ed eleganza. Le finestre apribili in copertura Schüco AWS 57 RO e i sistemi per facciate Schüco FW 60+, infatti, rendono il profilo della realizzazione perfettamente armonico e si integrano perfettamente nel paesaggio circostante. Nella variante FW 60+HI, inoltre, i profili Schüco riducono sensibilmente le dispersioni di energia grazie al nastro in schiuma applicato al profilo di sottocopertina e assicurano il massimo isolamento termico con valori Uf fino a 1,0 W/m2K.
La serra è energeticamente efficiente grazie ai sistemi solari Schüco, con i pannelli solari termici produce acqua calda sanitaria e per il riscaldamento radiante a pavimento, mentre con i pannelli fotovoltaici produce energia elettrica.
L'inserimento dei pannelli solari Schüco rappresenta un ottimo esempio di integrazione tra tecnologia e composizione architettonica. La linea Schüco consente infatti la posa in opera direttamente sul piano di falda e offre moduli di dimensioni identiche e di estetica coordinata,  sia per la produzione di energia termica che fotovoltaica.
Grazie a questa continuità di linee, gli impianti tecnologici si elevano alla dignità architettonica. L'impianto solare termico è composto da 48 collettori solari termici Schüco CTE 520 CH 2, per una copertura totale pari a circa 125 m2. I due terzi della superficie sono destinati alla produzione di acqua calda sanitaria (che va ad integrare il sistema centralizzato a servizio degli edifici perimetrali), mentre la parte restante dell'impianto produce il calore necessario per il riscaldamento della serra (effettuato tramite un impianto radiante a pavimento) durante la stagione invernale. I collettori CTE 520 CH 2 sono collettori solari termici piani con assorbitore in alluminio da 2,5 m2 di superficie netta. La cornice in alluminio anodizzato è resistente nel tempo, il vetro è ad alta trasparenza e con basso contenuto di ferro, l'assorbitore in alluminio è provvisto di uno strato selettivo.
L'impianto fotovoltaico, invece, è composto dai moduli fotovoltaici Schüco MPE 380 MP 05, con 144 celle in silicio monocristallino, cornice in alluminio anodizzato, scatola di giunzione con 6 diodi di bypass, tedlar nero ed efficienza del modulo pari a 14%. 

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
25/07/2017

Eindhoven raccoglie la sfida della sostenibilità con Nieuw Bergen

Il progetto di tetti verdi e giardini tascabili di MRVD e SDK      Eindhoven non perde un colpo in fatto di sostenibilità. Nieuw Bergen è il nome del progetto ipermoderno che ridisegna un'area di 29.000 metri ...

21/07/2017

Polo d’eccellenza made in Italy a Nairobi

In via di realizzazione a Nairobi un centro ospedaliero d’avanguardia realizzato in una zona green nel rispetto dell’ambiente     E’ stato presentato nei giorni scorso l’East African Kidney Institute Centre of Excellence ...

20/07/2017

Riqualificazione efficiente secondo il protocollo CasaClima R

Il progetto vincitore del concorso Viessmann 2016 per la riqualificazione energetica e il miglioramento del comfort abitativo interno di un edificio a Riccione       Lo Studio Tecnico Associato Newton è stato premiato lo ...

20/07/2017

Tour Maraîchère, per una banlieue a filiera corta

A pochi chilometri da Parigi l'innovativa doppia fattoria verticale autosufficiente dal punto di vista energetico.     E’ il 2015 quando a Parigi si firma l’accordo COP 21 sulla riduzione del surriscaldamento globale. Se da ...

18/07/2017

Nuovo skyline per Lodi con Torre Zucchetti

L'ormai ex Pirellino rinasce più eco-friendly che mai     In occasione della tanto attesa inaugurazione, si torna a parlare di Torre Zucchetti, la nuova futuristica impresa di Marco Visconti. Realizzato con la collaborazione di MAP ...

14/07/2017

Per le situazioni di emergenza la casa è rinnovabile e autosufficiente

LIFEHAUS è un progetto che sviluppa abitazioni neutrali a basso consumo energetico e autosufficienti, partendo da materiali di riciclo.
     L'architetto libanese Nizar Haddad ha realizzato il progetto LIFEHAUS ovvero ...

13/07/2017

Piazza Gae Aulenti: il belvedere si tinge di green

piuarch vuole un tetto verde per il Porta Nuova Building.       Con un po' di ritardo rispetto ai colleghi europei, anche la capitale meneghina da qualche tempo ripensa lo sviluppo urbanistico in altezza e senza più freni. Palazzo ...

12/07/2017

Casa Smart Plus a emissioni quasi 0

Un sistema costruttivo innovativo che assicura contenimento dei consumi, risparmio in bolletta e utilizzo esclusivo di energie rinnovabili     Presentato recentemente a Casale sul Sile, in provincia di Treviso, il primo cantiere aperto Casa ...