IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Notizie > Villa Litta, il primo parco in Italia con manutenzione a emissioni zero

Villa Litta, il primo parco in Italia con manutenzione a emissioni zero

Il progetto ECO-ZONA, primo nel suo genere in Italia

Grazie al parco di Villa Litta, il comune di Lainate potrà vantare un nuovo primato, quello della sostenibiltà.

Si inaugura in queste settimane il progetto ECO-ZONA, ovvero un progetto pilota, primo nel suo genere in Italia per la manutenzione di un parco storico ad emissioni zero.

La manutenzione prevista dal progetto prende in considerazione la lavorazione tradizionale con un abbattimento dell'emissioni CO2 e dell'impatto acustico. 

I tagli erba, le potature e tutte le operazioni di manutenzione nel Ninfeo saranno svolte con attrezzi elettrici (decespugliatori, soffiatori, motoseghe...) alimentati ad energia solare, mediante una postazione con pannelli solari fotovoltaici destinati alle ricariche delle apparecchiature. La stazione di ricarica è realizzata con materiali riciclati, certificati ‘plastica seconda vita’.

La logica ‘KM ZERO’ è attuata anche nella gestione degli ‘sfalci’ e non solo: tutti i materiali di risulta di potatura e manutenzione di alberi e arbusti saranno sminuzzati e lasciati in loco, generando materiale utilizzabile per le pacciamature e come concime, abbattendo quindi i trasposti in discarica e le successive operazioni di smaltimento (con i relativi costi e le emissioni di CO2).

Il sistema ECO-ZONA che viene sperimentato nel parco storico di Villa Litta a Lainate rispecchia e supera i parametri e i "Criteri Ambientali Minimi" (CAM) definiti dal Ministero dell’Ambiente nell’anno 2014 quale riferimento obbligatorio per la stesura dei bandi di gara da parte delle Amministrazioni Pubbliche, nell’ambito dell’affidamento dei servizi di cura e manutenzione del verde a soggetti privati.

Il progetto completo Eco2Zone prevede anche l’installazione e l’utilizzo di arredi e giochi per parchi in plastica riciclata ‘seconda vita’, con marchio Green Projects by Idea Plast che al momento non saranno installati nella Eco-Zone di Lainate, ma visitabili durante Ninfeamus. Si tratta di prodotti non solo certificati TUV e ‘plastica seconda vita’ da IPPR e rientrano nelle imposizioni Europee di acquisti minimi verdi  (GPP), ma consentono alle Amministrazioni di ridurre drasticamente gli interventi di manutenzione.

Proprio perché il parco vuole essere più verde e ‘bio’, si sottoporrà a verifica per ottenere un riconoscimento di ‘qualità’. Il progetto sarà validato da Rete Clima®, un ente esterno specializzato in analisi di carbon footprint (emissioni di CO2) sulle filiere produttive: tutti i prodotti e i fertilizzanti utilizzati nel parco saranno biologici, biodegradabili ed eco-compatibili, per contribuire ulteriormente a limitare gli impatti ambientali dei servizi di manutenzione del verde.

Il tutto sarà documentato in tempo reale con una funzione di sensibilizzazione del cittadino: saranno infatti studiate modalità di comunicazione per tutti i visitatori del parco e i fruitori del verde che potranno verificare a colpo d’occhio il risparmio di emissioni di anidride carbonica nella gestione del parco del Ninfeo. L’ECO-ZONA in Villa Litta - realizzabile grazie agli Partner tecnici VerdeMonetti per gli interventi manutentivi e le istallazioni e Ideaplast per i materiali in plastica riciclata, Rete Clima® per le validazioni ambientali - abbatte le emissioni di CO2 dirette e indirette, abbatte il rumore, risparmia energia, è piú economica, meno visibile al fruitore e migliora la qualità dei manti erbosi:  un deciso passo verso la sostenibilità ambientale dei servizi di cura e manutenzione del verde. 

a cura di Sara Leonardi
Parco della Villa Litta
Manutenzione a impatto zero

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Le ultime notizie sull’argomento
24/10/2017

La scuola italiana insicura e non sostenibile

Ecosistema Scuola 2017: il triste quadro delle scuole italiane, poco sicure e inefficienti     Legambiente ha pubblicato il Dossier Ecosistema Scuola, Rapporto giunto alla XVIII edizione, dedicato alla qualità dell’edilizia ...

19/10/2017

Bozza Legge di Bilancio 2018, le novit per ledilizia

C'è la bozza della Legge di Bilancio 2018, prorogate le detrazioni fiscali per i lavori di ristrutturazione edilizia e di riqualificazione efficiente. Ma il "bonusverde"?    Rispetto a quanto vi abbiamo anticipato qualche giorno fa sulla ...

19/10/2017

Le citt italiane soffocate dallo smog

Pubblicati gli allarmanti dati sull'inquinamento delle nostre città da Legambiente che denuncia la mancanza di veri interventi sostenibili a lungo termine     E’ una vera emergenza quella di cui parla Legambiente nel report ...

19/10/2017

Provvedimenti delle Regioni per rinnovabili ed efficienza energetica

Le misure per diminuire i consumi, investire in rinnovabili e rispettare gli obiettivi europei grazie a interventi in efficienza energetica. Come si muovono le Regioni     Diverse Regioni hanno approvato bandi dedicati al ...

18/10/2017

Edifici ad alta efficienza energetica in UE entro il 2050

Il Parlamento Europeo chiede nuove misure per incentivare la riqualificazione efficiente degli edifici, infrastrutture di sostegno per i veicoli elettrici nei nuovi edifici, migliore monitoraggio del rendimento energetico degli ...

18/10/2017

Termostato 'smart': cosa vuol dire davvero?

I termostati utilizzano una tecnologia sempre più efficiente ed avanzata per garantire facile gestione e monitoraggio del riscaldamento e risparmi in bolletta   di Umberto Paracchini, Marketing & Communication Leader B2B EMEA at ...

17/10/2017

Scenari strategici del mercato elettrico

A Milano il 25 ottobre la presentazione del nuovo studio dell'E&S group, Electricity Market Report, dedicato agli scenari strategici dopo la fine del mercato regolato       L'Energy&Strategy Group della School of Management del ...

16/10/2017

BASF esempio di cambiamento verso economia circolare ed efficienza energetica

Il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti visita la sede del Gruppo BASF, il polo chimico integrato più grande al mondo, nato nel 1865, dove lavorano circa 40.000 collaboratori   Da sinistra, Andreas Riehemann, Amministratore ...