IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA

Binario


  • Luogo
    Padova
  • Cronologia
    - progetto: 2005
    - realizzazione: 2010
  • Superficie di intervento
    70.000 mq
  • Categoria di intervento
    INDUSTRIE

 

Il complesso Binario sorge nel pieno cuore della Zona Industriale di Padova, la quale, con i suoi 10.500.000 mq, è la più vasta area industriale del Nord Est, che ospita, a sua volta, la più grande area interportuale del nord Italia, la seconda in Europa.
Il comprensorio ospita i più svariati settori di attività, dal metalmeccanico alle biotecnologie.
Al suo interno operano oltre 1400 aziende, che impiegano direttamente più di 27.000 persone e altre 50.000 lo raggiungono ogni giorno per motivi di lavoro.

Fino al 40% di costi abbattuti, massimo comfort tutto l'anno
Tra i parametri costruttivi, l'attenzione è stata posta su due temi fondamentali: riscaldamento - raffrescamento e fotovoltaico.
L'impianto di teleriscaldamento consente di abbattere sino al 30-40% i costi di mantenimento e fornitura rispetto ad un impianto di tipo tradizionale.
Questo permette di riscaldare tutte le superfici, anche quelle ad uso produttivo, a costi decisamente contenuti e garantisce la possibilità di rendere il luogo di lavoro confortevole in ogni periodo dell'anno.
Vengono ricavati, contemporaneamente, dai macchinari che producono il riscaldamento necessario, energia elettrica per circa 1MW.
Utilizzando una parte dell'energia derivante dalla autoproduzione vengono alimentate le utenze comuni come ad esempio l'illuminazione di strade e piazzali riducendo anche qui i costi di circa il 30%.
La particolare architettura adottata per i tetti consente l'installazione di un impianto fotovoltaico parzialmente integrato di circa 2,3MW di picco di potenza.
Nella ricerca del risultato ottimale, è stata indirizzata l'attenzione su un nuovo tipo di pannello che abbina le caratteristiche di fotovoltaico al solare termico, producendo di fatto nello stesso tempo energia elettrica ed energia termica sotto forma di acqua calda.
E' stato anche intavolato un dialogo con il Consorzio Zona Industriale di Padova, con il quale si sta valutando l'opportunità di utilizzare questa risorsa per la Torre della Ricerca Scientifica, di prossima edificazione.
Al fine di massimizzare la potenzialità a disposizione, in collaborazione con l'ente per l'energia GSE Italia, si sta verificando la possibilità di implementare l'impianto attraverso un processo che riscaldando ulteriormente l'acqua con l'ausilio di un parco solare e convogliandola ad una turbina a vapore, consente la conversione di questa energia termica in ulteriore energia elettrica; in questo modo di fatto viene raddoppiata la produzione energetica arrivando a circa 4,6MW di picco di potenza.

Una soluzione ecologica capace di scaldare 1.500 abitazioni
Ad impianti completati, la soluzione combinata fotovoltaico/cogenerazione produrrà circa 6.800 MWh di energia elettrica anno, pari al fabbisogno annuo stimato di 1.500 abitazioni medie e 11.500 MWh termici anno di acqua calda corrispondenti al fabbisogno di riscaldamento annuo di 2.000 di abitazioni medie.
A livello ambientale si stimano in 4.900 tonnellate/anno la CO2 non emessa nell'aria, equivalente alle emissioni annue di 1800 auto e 1.000 tonnellate di petrolio risparmiate.
In questi giorni è stata avviata la procedura per far certificare dalla Comunità Europea l'intervento ai fini di inserirlo nel progetto Green Building.
"Questo progetto, per nostro volere, è fondato sul valore ambiente - ha dichiarato Nicola Meneghetti vicepresidente Binario S.p.A. e presidente Gruppo Fincem S.p.A. - Ambiente inteso come luogo di lavoro, nel rispetto delle persone che ci operano e inteso come l'habitat che lasceremo in eredità ai nostri figli. Ambiente oggi equivale a dire energia: la riduzione delle emissioni e le fonti rinnovabili sono questioni di attualità al centro di dibattiti e studi. Abbiamo inteso dare una concreta risposta a questi temi attraverso l'applicazione delle tecnologie presenti nel mercato integrandole per ottenere il massimo dei risultati."
 
I NUMERI
100.000 m2 area su cui sorge il complesso Binario
70.000 m2 superficie dei fabbricati
30.000 m2 area adibita a parcheggio e manovra
16.000 m2 parcheggio in elevazione
700 - 20.000 m2 dimensione delle unità disponibili
10,75 m 6,50 m altezze dei fabbricati
10 MW potenza della centrale di telecondizionamento
2 MWh energia genarata dall'impianto fotovoltaico
70.000 auto che ogni giorno percorrono la tangenziale
300 m esposizione sull'anello della tangenziale
1.400 aziende operanti in zona industriale di Padova
2 caselli autostradali nel raggio di 1km dal complesso

Il nuovo complesso industriale Binario in Padova è stato riconosciuto Partner Greenbuilding dalla Commissione Europea. Solo altri cinque progetti in Italia possono vantare questo riconoscimento.
Il progetto Binario è stato presentato al Sottosegretario del Ministero dell'Ambiente On. Roberto Menia, in presenza del Consigliere Regionale per il Veneto Raffaele Zanon ed altri esponenti del mondo politico. Tutte le personalità intervenute hanno espresso interesse e approvazione per l'iniziativa. "Sono contento - ha dichiarato l'On.Menia - di aver incontrato un'azienda come questa che tanto si sta impegnando per la tutela dell'ambiente. Si tratta di un esempio indubbiamente da seguire.".
Grazie a Binario (www.binariospa.com) l'Italia eccelle nel panorama europeo delle fonti rinnovabili applicate all'edilizia. Quella
che un tempo era un'area industriale che consumava molta energia oggi diventa un produttore della stessa in forma pulita.
All'interno del complesso padovano, i fabbricati consumano il 30% in meno rispetto alle soluzioni standard e garantiscono un
risparmio ai proprietari del 40% sui costi di riscaldamento e condizionamento.
Il segreto di una tale efficienza è presto spiegato: gli ambienti di lavoro sono stati progettati a servizio dell'ambiente e conciliano le più moderne tecnologie nel campo delle fonti rinnovabili con le necessità degli utilizzatori finali. La produzione energetica ha dei numeri di tutto rispetto: sono 7MW l'energia elettrica prodotta dall'impianto fotovoltaico e dalla centrale in cogenerazione e 8MW la produzione di energia termica e frigorifera che fanno dell'impianto uno dei primi in Europa.
Il beneficio ambientale è notevole: 1.200 m3 di gas combustibile risparmiati per ogni ora, 1.000 tonnellate di petrolio/anno non necessarie e 4.900 tonnellate di anidride carbonica/anno non emesse in aria.
Solo per avere un paragone, quest'ultimo dato corrisponde all'incirca a 1.000 auto che percorrono 18.000 km/anno.
Queste performance hanno reso possibile ottenere la certificazione Greenbuilding, riconoscimento della Commissione Europea per le aziende del settore edilizio che dimostrano di aver ridotto il fabbisogno energetico di edifici non residenziali di almeno il 25% rispetto a quanto richiesto dalla normativa vigente.
 
Per scaricare il documento della certificazione Greenbuilding
clicca qui

Consiglia questo progetto ai tuoi amici

Commenta questo progetto

Il progetto è inerente le seguenti categorie
FONTI RINNOVABILI
RISPARMIO ENERGETICO