IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Progetti > Crystal Hotel

Crystal Hotel


  • Luogo
    Obergurgl, AUSTRIA
  • Cronologia
    - realizzazione: da 2008 a 2009
  • Superficie di intervento
    44.000 mc
  • Committente
    Famiglia Falkner
  • Progettisti
    Haid & Falkner Gmbh & Co.Kg
  • Categoria di intervento
    STRUTTURE TURISTICO ALBERGHIERE

 

The Crystal è probabilmente l'hotel più anticonvenzionale e moderno dell'intero arco alpino, la base di partenza ideale per chi ha deciso di sciare in modo ecologico.
Infatti, dietro un'architettura futuristica e innovativa, c'è un sistema innovativo per proteggere l'ambiente
E' posizionato direttamente sulle piste da sci di Obergurgl (110 km di piste e 24 impianti di risalita ultramoderni, skipass venduto direttamente in hotel: la mattina si scende sulle piste in pantofole, la sera - sganciati gli sci e tolti gli scarponi - si rimettono le pantofole ai piedi e dalle piste si va direttamente alla SPA e al centro benessere per nuotate, saune, bagni turchi ecc) e con le sue pareti di cristallo garantisce una formidabile illuminazione naturale e quindi un forte risparmio energetico.
L'hotel impiega quasi al 100% energia da fonti rinnovabili.
L'energia termica per riscaldamento, acqua calda, piscina e ventilazione è assicurata da 265 mq di sistema solare termico a cui si abbina un sistema di pompe di calore di profondità per un totale di quasi 8.000 metri di perforazioni, come se avessero scavato il Monte Everest dalla cima alla base.
E' unico in tutta la regione alpina e infatti ha ottenuto dalla prestigiosa guida internazionale Condé Nast Johansens il "green award". 
Per alimentare l'intero impianto di riscaldamento della struttura con fonti rinnovabili, è stato installato un raccoglitore d'energia che può contenere fino a 20.000 litri. Tale impianto è isolato da una parete di 30 cm.
L'intera struttura alberghiera viene riscaldata da corpi a bassa temperatura (riscaldamento a pavimento, radiatori, ecc.).
Il raccoglitore accoglie l'energia proveniente dalla superficie di pannelli solari di 265 m² e dalle tre pompe a bassa temperatura che producono ciascuna 110 kw e che alimentano l'accumulatore centrali di 6m di altezza con 45 gradi.
La parte superiore viene invece alimentata da una quarta pompa (ad alte temperature) fino a 65 gradi per alimentare l'acqua che confluisce nei sanitari delle stanze.
Gli impianti di riscaldamento e di areazione vengono programmati attraverso un computer centrale onde evitare sprechi.
Le riserve d'energia provenienti dal sole e dalla terra riescono a fare abbassare notevolmente i costi di gestione del The Crystal e ciò - ha deciso la proprietà - va a beneficio dei clienti, attraverso il contenimento delle tariffe.
The Crystal riesce a ridurre le emissioni di Co2 di circa 225.000 kg all'anno.
Questo significa, che in 20 anni, durata media degli impianti, saranno risparmiati alla natura ben 4.500.000 kg di veleni. Insomma il Crystal ha abbandonato il petrolio e le fonti inquinanti, introducendo energia geotermica ricavata da 8.000 m di perforazioni e da 76 sonde poste singolarmente a 120 m di profondità e da energia solare.
Questa rivoluzione energetica permette così di risparmiare 90.000 litri di gasolio durante i mesi invernali, da  novembre a maggio, salvaguardando la natura alpina circostante e il pianeta. 

Impatto zero
La natura e le piste da sci entrano direttamente in hotel, attraverso le gigantesche vetrate che caratterizzano la struttura alberghiera.
Il vero gioiello del The Crystal è l'area benessere, dotata di 3 piscine con vista sui ghiacciai e di diverse saune, fitness center, sale relax con camino a vista. Obergurgl festeggia l'inizio della stagione invernale con molte iniziative: concerti, discese in slittino in notturna, party sulla neve e serate a lume di candela.
 
Dati ecnici
5 pompe energetiche da terreno (di cui 4 a bassa temperatura, 1 ad alta temperatura)
8.000 m di scavo nel suolo (praticamente "profondo" come il Mount Everest)
76 sonde, ognuna a 120 m di profonditá
Un Hotel di queste dimensioni (40.000 m³) ha bisogno di ca. 90.000 lt.  di olio da riscaldamento
Energia del suolo é 4 volte piú economica dell'olio e 3 volte piú economica dei cosidetti Pellets.
Ammortizzazione investimento in ca. 12-14 anni
300 m² di collettori solari
Costi impianti riscaldamemto: piú di 1 Mil EURO

TEMA TECNICO:

Biomasse, Solare termico

Consiglia questo progetto ai tuoi amici

Commenta questo progetto

Il progetto è inerente le seguenti categorie
FONTI RINNOVABILI
RISPARMIO ENERGETICO