IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Progetti > Museo della bicicletta

Museo della bicicletta


  • Luogo
    Cesiomaggiore, Belluno
  • Superficie di intervento
    610 mq
  • Committente
    Comune di Cesiomaggiore (BL)
  • Team progettuale
    Geom. Pio Sasso
  • Impresa
    Costruzioni Sebben Vittore Srl
  • Aziende fornitrici
    STIFERITE
  • Categoria di intervento
    MUSEI E GALLERIE
Richiedi informazioni

 

Il Paese del ciclismo e il Museo Toni Bevilacqua

Per Claudio Gregori, giornalista della Gazzetta dello Sport che ne ha scritto la biografia, Toni Bevilacqua (detto “Labròn” per la sua bocca carnosa), avrebbe potuto concludere la sua già splendida carriera con un palmares ancora più ricco se non avesse pedalato insieme a mostri sacri come Coppi, Bartali, Koblet, che hanno fatto grande la storia del ciclismo degli anni ’50.

Al campione veneto è dedicato il Museo di Cesiomaggiore, Comune delle Prealpi bellunesi, noto come “il paese del ciclismo”, che ha intitolato ai grandi delle due ruote le sue strade e che ha voluto assicurare, con la nuova sede del Museo, futuro e visibilità ad una delle maggiori e più complete collezioni europee di biciclette.

Una collezione cresciuta negli anni grazie alla passione di Sergio Sanvido (ciclista professionista prima, meccanico, costruttore e collezionista poi) che nel 2007 ha scelto di regalarla al Comune per la costituzione di un’esposizione permanente degli oltre 170 oggetti che la compongono.

Nelle sale del Museo, collocate all’ultimo piano della Scuola Elementare fanno ora bella mostra di sé pezzi di antiquariato, come un celerifero del 1791 e pezzi di storia dello sport, come le biciclette dei campioni Coppi, Bartali, Moser, Saronni e Pantani.

 

Efficienza energetica delle strutture

Le sale del museo e l’anfiteatro centrale destinato alla documentazione multimediale occupano l’ultimo piano dell’edificio scolastico che, nella seconda metà del 2013, è stata oggetto di un intervento di manutenzione straordinaria della copertura, finanziato dal Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007 – 2013, con l’obiettivo di garantire la tenuta all’acqua della struttura migliorandone anche l’efficienza energetica e il comfort ambientale degli ambienti museali.

I lavori, progettati e diretti da geom. Pio Sasso, per conto del Comune di Cesiomaggiore, hanno comportato la rimozione delle tegole, il mantenimento del vecchio manto impermeabile, la posa del sistema STIFERITE ISOVENTILATO, specifico per l’isolamento termico di coperture a falde ventilate e microventilate, e il riposizionamento in sede delle tegole recuperate.

Il sistema ISOVENTILATO è stato adottato in funzione delle elevate prestazioni isolanti (lD = 0,026 W/mK) che hanno permesso di ottenere una resistenza termica aggiuntiva pari a 3,03 m2K/W utilizzando uno spessore di soli 80 mm, e delle caratteristiche del sistema di posa che consente un’installazione particolarmente rapida ed agevole.

L’impresa esecutrice, Costruzioni Sebben Vittore Srl di Fonzaso (BL), ha posizionato i pannelli ISOVENTILATO, forniti da Reato Edilizia (Fonzaso – BL), direttamente al di sopra del vecchio manto impermeabile, ed ha provveduto al loro fissaggio meccanico attraverso i listelli in legno inglobati nel pannello in corrispondenza delle scritte ISOVENTILATO riportate sul rivestimento.

La notevole dimensione dei pannelli (1200 x 2400 mm) ha consentito una rapida posa sull’intera superficie, mentre la facilità di taglio e sagomatura, realizzabile con i normali attrezzi da cantiere, ha contribuito alla perfetta coibentazione dei punti particolari, abbaini e lucernai, presenti sulla copertura.

Il particolare rivestimento in Laminglass assicura al sistema permeabilità al vapore ed impermeabilità all’acqua garantita anche in corrispondenza delle linee di giunzione tra i pannelli sigillate con l’apposita banda autoadesiva a freddo.

I listelli in legno inglobati nel pannello sono stati utilizzati per il fissaggio del profilo metallico ad omega destinato alla micriventilazione e al fissaggio delle tegole. Tra i vantaggi offerti dal sistema si sottolinea la possibilità di distanziare i listelli di ventilazione in funzione del passo degli elementi di copertura adottati.

_______________________________________________________________

STIFERITE Isoventilato è un pannello sandwich costituito da un componente isolante in schiuma polyiso, espansa senza l’impiego di CFC o HCFC, rivestito sulla faccia inferiore con fibra minerale saturata  e su quella superiore con rivestimento Laminglass, permeabile al vapore e impermeabile all’acqua.

All’interno della schiuma sono inglobati dei listelli in legno OSB3 che corrono lungo l’intera lunghezza del pannello.

Principali applicazioni

  • Pannello specifico per l’isolamento di coperture a falda ventilate e microventilate.
  • Dimensioni Standard: mm 1200 x 2400
  • Spessori Standard:  da 50 a 140 mm
  • Fornito con battentatura sui lati lunghi

Caratteristiche e prestazioni

Conducibilità Termica Dichiarata [UNI EN13165 Annessi A e C]

STIFERITE Isoventilato

  •             λD= 0,028 W/mK per spessori da 50 a 70
  •             λD= 0,026 W/mK per spessori da 80 a 110
  •             λD= 0,025 W/mK per spessori da 120 a 140

Trasmittanza (U) e Resistenza termica (R)

STIFERITE Isoventilato 80 mm

            U = 0,33 W/m2K                     R = 3,08 m2K/W

Resistenza a compressione, determinata al 10% di schiacciamento [EN 826]:

            STIFERITE Isoventilato spessore 80 mm - 140 kPa

Fattore di resistenza alla diffusione del vapore [EN 12086]

            STIFERITE Isoventilato                μ = 68 ± 9

Richiedi informazioni

TEMA TECNICO:

Coibentazione termica

Consiglia questo progetto ai tuoi amici

Commenta questo progetto

Il progetto è inerente le seguenti categorie
RISPARMIO ENERGETICO