IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Progetti > Nuovo stadio della Juventus

Nuovo stadio della Juventus


  • Luogo
    Torino
  • Cronologia
    - progetto: 2008
    - realizzazione: da 2009 a 2011
  • Progettisti
    Giugiaro Design, Pininfarina, Shesa, Studio Gau
  • Categoria di intervento
    CENTRI SPORTIVI

 

Alla base del progetto del nuovo stadio c'è la volontà di dedicare un impianto, anzi un intero luogo, a chi questo sport lo vive in tutti i suoi molteplici aspetti: dai tifosi, alle famiglie, a chi allo stadio va per affari o semplicemente per svago.
Lo stadio è luogo di incontro e divertimento.
La struttura architettonica concretizza quest'idea ed esalta lo spettacolo del calcio: nessuna barriera divide i tifosi dal campo, la pista di atletica è soltanto un ricordo e gli ingressi alle tribune consistono in 16 passerelle sospese.
Gli spazi sono ampi, gli accessi facilmente controllabili: massima sicurezza per rendere ogni partita una grande festa all'insegna dello sport.
L'impianto non è un semplice prodotto architettonico ma una vera opera di design, grazie ai contributi delle due firme più prestigiose del panorama italiano: Fabrizio Giugiaro e Paolo Pininfarina.
Pavimentazioni, arredi, lounge, sedili e pennoni: ogni elemento sia delle aree interne sia di quelle esterne sarà ispirato all'eccellenza del design industriale.

Uno stadio nella città
Il nuovo impianto avrà inoltre un impatto urbanistico di portata eccezionale. Nascendo sulle ceneri dello storico Delle Alpi, il nuovo stadio della Juventus andrà ad inserirsi nel cuore di un grande quartiere di Torino con l'effetto di riqualificare un'ampia zona della città: la vastissima area commerciale, gli spazi di verde pubblico e i parcheggi, renderanno l'area un autentico polo di intrattenimento cittadino, a disposizione di tifosi e non, anche nei giorni in cui non c'è la partita. Il nuovo impianto, infine, si candida a divenire a pieno titolo il nuovo simbolo di Torino, un'eccellenza che la città si fregia di ospitare, prima in Italia.

Uno stadio Eco-sostenibile
Il nuovo stadio non risponde soltanto a criteri architettonici o ad esigenze calcistiche: alla base del progetto si trova anche un'anima ecologica, rispettosa dell'ambiente e delle sue risorse.
Il ricorso ad accorgimenti che garantiscono il basso impatto del cantiere sulla città si accompagna all'impiego dei più avanzati metodi e tecnologie eco-sostenibili.
Il progetto punta a ridurre il più possibile il consumo energetico da fonti non rinnovabili: grazie all'adozione di tecnologie innovative è possibile migliorare l'efficienza energetica evitando gli sprechi e ottimizzando le risorse disponibili.
Così, anche per le attività di routine - dal riscaldamento all'irrigazione del campo - il nuovo stadio utilizzerà strategie e fonti energetiche alternative e pienamente ecologiche.

Il riciclo del Delle Alpi
Anche per la demolizione del vecchio Delle Alpi sono stati osservati rigorosi criteri di eco-compatibilità.
Tutti i materiali che lo smantellamento del vecchio impianto ha prodotto, infatti, sono stati recuperati e riutilizzati all'interno del nuovo cantiere o nell'ambito di altri cantieri situati nelle vicinanze: una vera e propria opera di riciclo totale che ha ridotto i costi, evitato gli sprechi e limitato i problemi di smaltimento.
 
- 40000 mc di calcestruzzo; dopo la frantumazione, sono riutilizzati all'interno del nuovo cantiere come sottofondo per rilevato strutturale
- 5000 tonnellate di acciaio; dopo idoneo trattamento, sono riutilizzate in altri manufatti
- 2000 mq di vetro; separati dagli altri materiali, sono inviati a specifici stabilimenti per poter essere riutilizzati dopo idoneo trattamento, sono riutilizzate in altri manufatti 
- 300 tonnellate di alluminio; dopo il trattamento negli impianti di rifusione, sono riutilizzate per finalità diverse

Sicurezza
La massima sicurezza è garantita dall'intervento nell'area del pre-filtraggio da parte Betafence Security Project - la nuova società di contracting Betafence - specializzata nella gestione di grandi progetti infrastrutturali e di progetti complessi che prevedono automazione, controllo accessi e rivelatori. Mentre Betafence Security Projects ha seguito le fasi di consulenza, progettazione, la messa in opera dei prodotti, assistenza al cantiere e post-vendita, Betafence Italia si è occupata della fornitura dei prodotti.
 
Capienza: 41.000 posti a sedere
Posteggi: 4.000 posti auto
Superficie totale: 355.000 metri quadrati
Superficie interna allo stadio: 45.000 metri quadrati
Aree dedicate ai servizi: 150.000 metri quadrati
Aree commerciali: 34.000 metri quadrati
Aree verdi e piazze: 30.000 metri quadrati
 
 
 

Consiglia questo progetto ai tuoi amici

Commenta questo progetto

Il progetto è inerente le seguenti categorie
RISPARMIO ENERGETICO