IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA

SIEEB


  • Luogo
    Pechino, CINA
  • Cronologia
    - progetto: da 2004 a 2005
    - realizzazione: 2006
  • Superficie di intervento
    20.000 mq.
  • Importo dei lavori
    20.000.000 €
  • Committente
    Ministero Italiano per l’Ambiente e il Territorio, Ministero Cinese per la Scienza e la Tecnologia Università di Tsinghua, Ci
  • Progettisti
    Cucinella Mario
  • Team progettuale
    Favero & Milan Ingegneria, China Architecture Design & Research Group
  • Categoria di intervento
    EDIFICI SCOLASTICI

 

Questo progetto, nato da una joint venture tra i governi italiano e cinese, verte sulla realizzazione di un edificio della Tsinghua University che occupa un'area di 20.000 m2 ed è destinato a ospitare il Centro sinoitaliano di istruzione, formazione e ricerca per la protezione dell'ambiente e la conservazione dell'energia.
L'edificio integra strategie attive e passive per controllare l'ambiente esterno al fine di ottimizzare le condizioni ambientali interne.
L'edificio si configura quindi attraverso una serie di test e simulazioni delle sue prestazioni in relazione alla sua possibile forma, orientamento, sviluppo, sistemi tecnologici e così via.
L'edificio è progettato con lo scopo di coniugare gli obiettivi di efficienza energetica e massima riduzione possibile nell'emissione di CO2 con un aspetto funzionale ed una immagine architettonica contemporanea.
I componenti dell'involucro esterno, i sistemi di controllo e le altre e diverse tecnologie utilizzate, rappresenteranno l'espressione della migliore e più innovativa capacità produttiva italiana.
Tutto ciò avverrà nell'idea di integrare l'utilizzo di materiali e tecniche particolarmente innovative con sistemi già consolidati.

Oltre agli obiettivi di risparmio energetico, l'edificio è anche caratterizzato da:
- risparmio di risorse inclusi materiali di costruzione e acqua
- riduzione dell'impatto ambientale sia nella costruzione che nell'utilizzo dell'edificio
- controllo intelligente durante la messa in opera e la manutenzione dell'edificio
- migliore qualità dell'aria interna all'edificio
- utilizzo di materiali durevoli e a basso impatto ambientale
- riciclo e riutilizzo dell'acqua

L'edificio è stato pensato come una foglia che utilizza e trasforma la luce solare in energia.
Una serie di terrazze giardino, esposte a sud, ospitano una folta vegetazione ed oltre 1000 metri quadrati di pannelli fotovoltaici che assicurano la maggior parte della richiesta elettrica interna. Il progetto a forma di ferro di cavallo si contrappone all'andamento solare permettendo cosi' una continua illuminazione naturale degli uffici riducendo il fabbisogno di energia che in Cina e' ancora principalmente prodotta con il carbone ed è la causa maggiore di emissioni di CO2.
Le facciate esposte ad est ed ovest sono realizzate con un sistema a "doppia pelle" dove il vetro esterno viene trattato con una molatura in grado di modificare l'andamento dei raggi solari evitando cosi' l'effetto di abbagliamento.
L'edificio, primo nel suo genere in Cina, rappresenta un passo importante sul tema della costruzione a basso consumo energetico in un paese che prevede da qui al 2015 una crescita pari al doppio di quella odierna ed apre la strada ad un'architettura piu' consapevole.
L'edificio utilizza al massimo l'illuminazione naturale riducendo così il fabbisogno di energia.

Illuminazione naturale e artificiale
Diversi sistemi di facciata, a seconda dell'orientamento, massimizzano la penetrazione di luce naturale consentendo alla luce solare di penetrare nelle stanze in inverno e di essere respinta in estate, riducendo così il consumo energetico dell'edificio.
L'illuminazione naturale è integrata da lampade e accessori ad alta efficienza, controllati da un sistema di commutazione in grado di adattare la potenza delle lampade all'effettivo bisogno locale.
Un sistema di controllo permette lo spegnimento delle luci negli ambienti vuoti.

Sistema HVAC
Il sistema impiantistico si basa sulla combinazione di aria primaria (distribuita con un plenum a pavimento) e soffitti radianti, consentendo così di minimizzare il consumo di energia elettrica nelle pompe e nei ventilatori.
Inoltre, la presenza di sensori accoppiati con rilevatori di CO2, consente di modulare sia il flusso d'aria che la temperatura del soffitto quando poche persone, o addirittura nessuno, si trovino nella stanza evitando sprechi di energia.
In estate si attiva il rinfrescamento notturno.

Sistema di Cogenerazione
I motori a gas rappresentano il cuore del sistema energetico dell'edificio.
Accoppiati con generatori elettrici, tali motori producono la quasi totalità dell'energia richiesta.
Il calore generato dai motori, anziché essere disperso, viene utilizzato per la produzione di calore in inverno e,attraverso scambiatori ad assorbimento, per la produzione di freddo in estate.
Questo sistema, inoltre, assicura acqua calda tutto l'anno.
Un sofisticato sistema di controllo gestisce l'intero impianto.
In conseguenza dell'energia "pulita" prodotta da questo sistema, la qualità di emissioni di CO2 per metro quadro relativa al SIEEB è significativamente ridotta rispetto allo standard degli edifici analoghi in Cina.

Gli uffici e i laboratori ai piani superiori dispongono di giardini pensili ombreggiati da pannelli fotovoltaici che producono energia per l'intero edificio.
Per la pavimentazione interna, infatti, è stato scelto il gres porcellanato di GranitiFiandre della collezione New Ground che rispetta in pieno le norme ambientali e risponde in modo perfetto alle esigenze tecniche.

Consiglia questo progetto ai tuoi amici

Commenta questo progetto

Il progetto è inerente le seguenti categorie
FONTI RINNOVABILI
RISPARMIO ENERGETICO