IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA

Type-A


  • Luogo
    Milano
  • Cronologia
    - realizzazione: 2010
  • Progettisti
    Studio Associato i3D
  • Impresa
    Bertelli
  • Aziende fornitrici
    ROBUR
  • Categoria di intervento
    RESIDENZE
Richiedi informazioni

 

Type-A sorge a Milano. Si tratta di un edificio residenziale all'avanguardia in tema di case a risparmio energetico, rispetto per l'ambiente e qualità dell'abitare. Type-A è un ottimo investimento perchè vedrà rivalutato il suo valore nel tempo. L'edificio è un connubio di modernità e tecnologia, frutto di tutta l'esperienza nel costruire del Gruppo Bertelli. Unico nel suo genere, Type-A è destinato ad essere capostipite di un nuovo modo di costruire e di vivere.
La qualità che rende unico questo Type-A è costituita da tanti piccoli particolari:
Isolamento a cappotto
Riscaldamento e raffrescamento
Giunto strutturale Frank
Sistema solare termico
Sistema fotovoltaico
Serramento
Ventilazione meccanica
Materiali di facciata
 
Type-A è il primo edificio plurifamiliare a Milano ad ottenere la certificazione energetica in classe A, risultato di una progettazione minuziosa, sensibile e rispettosa. Questo prestigioso riconoscimento certifica il contenimento dei costi e il controllo delle emissioni inquinanti, garantendo assoluto rispetto per l'ambiente.

Eleganza, efficienza e ecologia
Tutto questo è "Type-A", l'edificio residenziale progettato dallo Studio Associato d'Architettura i3D di Milano con la collaborazione dello studio AB Project di Dalmine, che ha seguito gli impianti meccanici.
Nella zona nord-est di Milano undici appartamenti su sei piani, tutti caratterizzati da un ottimo isolamento, dal controllo e dalla captazione della radiazione solare e, soprattutto, dall'utilizzo di energie rinnovabili.
A livello energetico sono stati subito chiari e ben definiti: "Type A", lo dice la parola stessa, doveva essere un edificio CasaClima Classe A Oro. Ovvero il massimo.
Un risultato, che per essere ottenuto, necessitava del giusto mix tra isolamento e efficienza dell'impianto di riscaldamento.
Lo studio di architettura ha così previsto un involucro perimetrale che riprende il concetto delle murature a "cassa vuota": infatti la chiusura verticale di 50 cm
di spessore è formata da strati di laterizio, da isolante e da una camera d'aria di 14 cm, oltre che da un cappotto esterno di 12 cm in lana minerale.
Inoltre finestre di legno lamellare in abete, doppia vetrocamera e eliminazione totale dei ponti termici.
Per non consumare energia e quindi rispettare l'ambiente è importante prima di tutto isolare correttamente: questo obiettivo è stato raggiunto utilizzando un cappotto in lana di roccia di 12 cm di spessore che avvolge completamente l'edificio, come la corteccia un albero, attraverso uno speciale raccordo termoisolante che separa la struttura dell'edificio da quella del balcone. All'isolamento contribuiscono i serramenti in legno, dotati di vetrate isolanti a bassa emissione, con doppio vetrocamera nel quale è interposto gas nobile.
L'approvvigionamento energetico dell'edificio è garantito da impianti che utilizzano fonti rinnovabili come il solare termico e l'impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica da destinare alle parti comuni dell'edificio. Ogni alloggio è dotato di un sistema di ventilazione meccanica che attraverso uno scambiatore di calore toglie l'aria viziata dai bagni e dalle cucine e la reimmette, a temperatura ambiente, nei soggiorni e nelle camere evitando le dispersioni termiche dovute all'apertura delle finestre. Un sistema radiante a pavimento, abbinato a un sistema di deumidificazione, provvede al riscaldamento e al raffrescamento dell'edificio.
 
L'impianto di riscaldamento
Per ottenere la Classe A Oro CasaClima è stato necessario prestare la massima attenzione agli impianti tecnologici.
Per questo lo studio termotecnico ha pensato a un impianto in grado di ottenere la massima efficienza in riscaldamento, limitando al minimo i consumi elettrici in condizionamento. Si è quindi optato per una centrale termofrigorifera composta da due pompe di calore ad assorbimento a metano Robur che utilizzano fino al 40% di energia rinnovabile aerotermica. Le due unità sono in grado di produrre circa 70 kW termici e 35 kW frigoriferi totali, andando ad alimentare un impianto radiante a pavimento.
L'altissima efficienza di queste unità in fase invernale (mediamente un G.U.E. - Gas Utilization Efficiency - di 1,45 alle condizioni di progetto) ha contribuito al raggiungimento della classe energetica richiesta.
L'impianto è integrato da un bollitore a condensazione, da pannelli solari per la produzione di acqua calda sanitaria oltre che da un impianto fotovoltaico da 22 mq che risponde al fabbisogno elettrico delle parti comuni.
Le pompe di calore Robur si accollano pertanto l'onere di essere il "cuore" dell'impianto "centralizzato e contabilizzato" di questo palazzo.
Le unità scelte, progettate per funzionare fino a -20 °C di temperatura esterna, sono state installate a tetto evitando l'occupazione di spazi comuni.

I vantaggi
La pompa di calore ad assorbimento a metano Robur, utilizzando il 25,3% di energia rinnovabile aerotermica, è in grado di superare un'efficienza termica del 149% riducendo quindi del 25,3% i costi annuali per il riscaldamento e le emissioni di CO2 rispetto alle migliori caldaie a condensazione.
Permette inoltre di condizionare sempre a metano, riducendo in questo modo il fabbisogno di energie elettrica, rispetto ai sistemi tradizionali, fino all'86%.
La scelta quindi di adottare un'impiantistica evoluta basata sullo sfruttamento di fonti rinnovabili, l'utilizzo di strategie passive e isolamenti di alta qualità hanno permesso di contenere in maniera drastica i consumi energetici, limitandoli a soli 22,5 kWh/mqa, facendo meritare così all'edificio l'ambito certificato CasaClima Classe A Oro.

Le conclusioni
Type A è la dimostrazione che elevati livelli di classe energetica sono conseguibili solo ed esclusivamente attraverso una progettazione sinergica tra la parte strutturale e architettonica e quella impiantistica.
Un edificio che mira al risparmio energetico deve, oltre a essere adeguatamente isolato e coibentato, avere un idoneo impianto di produzione del calore. Le pompe di calore ad assorbimento a metano Robur, con le loro efficienze, mediamente superiori del 40% rispetto alle migliori caldaie a condensazione, garantiscono questo tipo di risultato.

Richiedi informazioni

Consiglia questo progetto ai tuoi amici

Commenta questo progetto

Il progetto è inerente le seguenti categorie
FONTI RINNOVABILI
RISPARMIO ENERGETICO