home page Infobuild Infobuild Energia
IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA

U15


  • Luogo
    Milano
  • Cronologia
    - progetto: 2007
    - realizzazione: da 2010 a 2011
  • Progettisti
    Zucchi Cino
  • Team progettuale
    Cino Zucchi Architetti, General Planning
  • Impresa
    Gualini S.p.A
  • Aziende fornitrici
    SCHÜCO
  • Categoria di intervento
    UFFICI

 

Il nuovo edificio U15, progettato da Cino Zucchi Architetti con General Planning, sorge a Milano nel quadrante nord-ovest del nuovo insediamento di Milanofiori 2000 ad Assago.  
Collocato tra la strada nord-sud che separa gli edifici lineari lungo l'autostrada da quelli che contornano il nuovo parco e il grande isolato residenziale ad est.
Il contesto è caratterizzato da un panorama edilizio tipico dello skyline del comparto di Milano sud, caratterizzato da un groviglio infrastrutturale che scompare alla vista di chiunque lo percorra data la fruizione in veloce movimento.
 
Il complesso presenta una forma sinuosa, amorfa che attraverso il linguaggio della tecnologia impiegata nella costruzione diviene elemento catalizzatore della scena urbana.
È un edificio ipervetrato tutto curve, privo di angoli e spigoli, volutamente surreale.
Appare diverso se lo si guarda da un angolo o dall'altro.  Gli angoli sono concavità o convessità studiate in base all'orientamento, che sfruttano la migliore esposizione solare.
La disposizione sul suolo e i caratteri tipologici dell' edificio per uffici U15, articolano e specificano le guidelines generali del master plan in rapporto alla specificità del sito e al più generale disegno degli spazi aperti. La grande dimensione del lotto e della sagoma limite dell'edificio indicata dal master plan è interpretata piegandone i margini verso l'interno fino a generare uno schema distributivo che unisce le qualità positive di uno schema ad H con quelle di una pianta a nucleo distributivo centrale.
L'involucro perimetrale che delimita gli spazi interni è diviso in più strati e forma una facciata connotata da una forte plasticità e da uno sdoppiamento dei suoi piani: la parete interna, un involucro tradizionale che alterna una fascia finestrata e serramenti continui con una fascia opaca di parapetto e il sistema di frangisole fissi applicati esternamente.
Il disegno degli spazi aperti pertinenziali alterna superfici pavimentate ad aree verdi dalla superficie cangiante; le prime danno forma ai percorsi da sud e da est verso l'atrio principale, costituendo un piacevole dehors per gli uffici a piano terra. 
 
L'involucro
Quello che caratterizza l'edificio è, dunque, soprattutto l'involucro, l'inedito trattamento della facciata priva di interruzioni che si dispone come un nastro chiuso. 
Una pelle costituita da due strati distinti dove la trasparenza ininterrotta del guscio più interno realizzata con sistemi Schüco è alternata a pannelli frangisole in lamiera d'alluminio forata a controllo numerico con differente orientamento in base all'esposizione solare.
Una parete costituita dunque da una fascia finestrata a serramenti continui alternata ad un nastro opaco in corrispondenza del parapetto resa dinamica grazie all'inserimento di brise-soleil fissi che incorporano il valore scultoreo di questa architettura.
In corrispondenza dell'attacco a terra dell'edificio la seconda "pelle" di rivestimento si interrompe secondo un profilo leggermente ondulato, rivelando una vetrata continua sottostante che massimizza gli affacci sul verde.
La forma ovoidale e la grande dimensione della sagoma limite indicata dal master plan caratterizzano l'edificio e si sviluppano articolando l'involucro che, grazie ai profili per facciate AWS 65 costruiti appositamente da Schüco per seguire armoniosamente il profilo curvilineo disegnato dalla forma progettuale, riescono a piegare i margini dei prospetti verso l'interno fino a generare pareti ipervetrate senza spigoli ed angoli retti.
 
La fabbricazione e il montaggio dei sistemi di facciata Schüco sono stati eseguiti da Gualini S.p.A. di Bergamo che, partner di Schüco da decenni, da sempre opera nel campo degli involucri edilizi, privilegiando quelli dai contenuti più innovativi e complessi.
Anche questa volta, la collaborazione continua tra Schüco e Gualini ha fatto sì che un sistema agile come la serie AWS 65 vestisse con rapidità di posa un edificio dalle esigenze tecniche estremamente complesse (si pensi solo ai differenti comportamenti delle strutture in c.a. e della facciata in vetro/alluminio a seguito delle dilatazioni termiche oppure alle spinte anomale conseguenti a fenomeni aeroelastici del vento) ottenendo una forma plastica unica nel suo genere.
 
 

Consiglia questo progetto ai tuoi amici

Commenta questo progetto

Il progetto è inerente le seguenti categorie
FONTI RINNOVABILI
RISPARMIO ENERGETICO
Partnership