100 milioni per l’edilizia scolastica nel biennio 2015-2016

Parere favorevole della Conferenza Stato – città ed autonomie locali

Una boccata di ossigeno per permettere alle Amministrazioni di riqualificare il patrimonio scolastico del territorio arriva dalla Conferenza Stato – città ed autonomie locali, che ha dato parere favorevole sul DPCM che – in attuazione delle legge di stabilità 2015 – ripartisce tra le Province e Città Metropolitane 50 milioni di euro, sia per il 2015 che per il 2016, da escludere dalle spese rilevanti per il patto di stabilità, per la realizzazione di interventi di edilizia scolastica.

Entro fine mese si completeranno i passaggi necessari alla pubblicazione del provvedimento.

Roberto Pella, sindaco di Valdengo e vice presidente Anci ha sottolineato: “E’ un primo passo importante che abbiamo sostenuto con forza evidenziando con una lettera del presidente Fassino i punti migliorabili per soddisfare ancor di più e meglio il fabbisogno dei Comuni sul versante dell’edilizia scolastica”.

“Oggi il sottosegretario all’interno Bocci ha annunciato che in sede comunitaria si sta discutendo un provvedimento che amplierà il quadro delle risorse utilizzabili per la messa in sicurezza degli edifici pubblici e delle scuole”, ha spiegato Pella. “Ritengo che con la spinta di queste risorse da Bruxelles si potrà arrivare ad un vero punto di svolta, con uno zoccolo finanziario importante con cui – conclude il vice presidente Anci – rispondere concretamente al fabbisogno di sicurezza scolastica espresso dai Comuni”.

Consiglia questa notizia ai tuoi amici

Commenta questa notizia

Tema Tecnico

Sostenibilità e Ambiente

Le ultime notizie sull’argomento