IL PORTALE PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE, IL RISPARMIO ENERGETICO, LE FONTI RINNOVABILI IN EDILIZIA
Percorso di navigazione Infobuild energia > Approfondimenti > Andamento storico delle concentrazioni e delle emissioni

Andamento storico delle concentrazioni e delle emissioni

Le emissioni dei principali inquinanti atmosferici in Europa sono diminuite dal 1990 anche se alcuni inquinanti sono ancora molto presenti con valori preoccupanti

andamento storico emissioni e concentrazioni

 

Le emissioni dei principali inquinanti atmosferici in Europa sono diminuite significativamente nel periodo 1990-2009, in particolare per quanto riguarda l'anidride solforosa (SO2) e il piombo (Pb), con conseguente miglioramento della qualità dell'aria in tutta la regione.


Anche il livello del CO è diminuito sensibilmente, principalmente per merito della normativa Euro sui mezzi di trasporto. A causa di complessi legami tra emissioni ed effettiva qualità dell'aria, ed ad un certo numero di incertezze sui dati relativi alle emissioni, queste ultime non hanno sempre prodotto un corrispondente calo delle concentrazioni atmosferiche, in particolare per il particolato (PM) e ozono (O3). Allo stato attuale, PM e O3 sono in Europa gli inquinanti più problematici in termini di danni per la salute.

 

PARTICOLATO

Per le concentrazioni di particolato, secondo l'analisi sulla qualità dell'aria in Europa della World Health Organization del 2011, è stato registrato un trend negativo negli ultimi anni. C'è stata una costante riduzione per i livelli medi di PM negli ultimi anni (dal 2006 in avanti) fatta eccezione per il 2009 in cui si registra un leggero aumento.

La WHO dichiara che però, per il PM2,5, i dati disponibili sono troppo limitati, a causa dell'ancora troppo basso numero delle stazioni di rilevazione, per trarre conclusioni definitive sulle tendenze. Tuttavia analizzando i dati disponibili, la tendenza negativa è rilevabile. Considerando i dati nello specifico le emissioni di PM primario sono scese in Europa tra il 1999 e il 2009, del 16% per il PM10 e del 21% per il PM2.5. Considerando invece un arco di tempo più ampio, le riduzioni tra il 1990 e il 2009 sono 27% per il PM10 e il 34% per il PM2.5.

 

Le emissioni dei gas precursori SOx e NOx sono diminuite del 80% e del 44% rispettivamente nel periodo 1990-2009, e del 56% e del 28% nel periodo 1999-2009.

 

Le emissioni di ammoniaca (NH3), un altro gas precursore, sono scese in maniera minore: solo il 11% circa tra il 1999 e il 2009.

 

OZONO

Confrontando i dati dei trienni 1998-2000 e 2007-2009, si nota che la maggior parte delle stazioni abbiano riportato meno superamenti della soglia giornaliera, anche se alcuni hanno registrato un incremento, soprattutto in Europa meridionale e centrale. In generale, comunque, il numero di superamenti della soglia di 120 μg/m3 (valore obiettivo WHO per l'europa) è diminuito dal 1990, ma si è mantenuto a livelli sostenuti negli ultimi anni. Considerando invece i valori medi registrati dalle diverse tipologie di stazione di rilevazione (rurali e urbane), non è rilevabile un chiaro trend nella media annuale per nessuno dei tipi di stazione, anche se per i gruppi di stazioni rurali vi è una lieve tendenza alla diminuzione dal 2006, mentre non si può dire lo stesso per le tipologie di stazioni urbane. Essendo l'ozono un inquinante secondario, occorre analizzare l'andamento degli inquinanti che ne sono precursori, in quanto responsabili della sua formazione. Le emissioni in Europa dei precursori dell'ozono risultano essere diminuite significativamente nel periodo 1990-2009. Le emissioni di CO hanno subito un calo del 62%, quelle di COVNM (composti organici volatili non metanici ) del 55%, mentre quelle di NOx del 44%.

 

BIOSSIDO DI AZOTO e NOx

Negli anni, le concentrazioni di NO2 e NOx sono state via via decrescenti, ma proporzionalmente la riduzione di NOx risulta maggiore di quella di NO2.  Il trasporto è il settore dominante per le emissioni di NOx, ed è responsabile del 49% del totale di esse nel 2009, seguito dal settore energetico, che ha contribuito con il 20% delle emissioni totali. Questi due settori hanno notevolmente ridotto le emissioni a partire dal 1990.

 

BIOSSIDO DI ZOLFO

Le concentrazioni di SO2 rilevate in Europa sono costantemente diminuite nel periodo 1999-2009. Le emissioni totali dell'UE nel 2009 sono stati minori dell'80% rispetto al 1990, e del 56% rispetto al 1999. 

Il settore energetico è ancora la principale fonte di emissioni di Sox in UE, rappresentandone il 64% nel 2009, anche se le emissioni specifiche di questo settore sono state ridotte del 77% dal 1990 e del 52% dal 1999.  Il secondo settore per importanza è quello industriale, con il 21% delle emissioni comunitarie nel 2009.

 

MONOSSIDO DI CARBONIO

A più del 90% delle stazioni di traffico urbano e una tendenza alla diminuzione è evidente. (statisticamente significativo al 90% delle stazioni di traffico e il 72% delle stazioni urbane).  La riduzione delle emissioni di CO nel periodo 1990-2009 è stata notevole, per un totale del 62% nella UE e del 61% nel SEE-32. Dal 1999 al 2009 le emissioni dell'UE e del SEE-32 sono stati ridotte del 44%, mentre la riduzione 2008-2009 è stata dell'11% nella UE e del 10% nel SEE-32.  La maggior fonte di emissione di CO in Europa nel 2009 è stata quella legata all'utilizzo dei carburanti per i riscaldamenti, a seguito della riduzione molto significativa delle emissioni del settore dei trasporti, che sono il risultato dell'applicazione delle norme Euro sui veicoli. 

 

Per quanto riguarda i metalli pesanti, si registra in generale un calo di emissioni ma per i dati dettagliati su Arsenico, Cadmio, Piombo, Mercurio, Nichel e Benzene, si rimanda allo studio completo.

 

Scarica lo studio completo in pdf Andamento storico delle concentrazioni e delle emissioni

_______________________________________________________

*Gli autori
Marco IvaldiSUISM - Struttura Universitaria di Igiene e Scienze Motorie, Dipartimento di Scienze Mediche, Università degli Studi di Torino

Marco TestaSUISM - Struttura Universitaria di Igiene e Scienze Motorie

Giovanni CugliariIstituto italiano per la Medicina Genomica (IIGM)

Luca Feletti aGrisù S.r.l. Incubatore Università degli Studi di Torino

Consiglia questo approfondimento ai tuoi amici

Commenta questo approfondimento

Le ultime notizie sull’argomento
22/02/2019

Il quartiere fotovoltaico tedesco realizzato in stile Jenga

La città tedesca di Kiel ha rivelato il piano di riqualificazione di un vecchio sito industriale. Il nuovo quartiere, KoolKiel, prevede impianti fotovoltaici sui tetti delle strutture, roof garden e sistemi di raccolta delle acque piovane.   a ...

19/02/2019

Entro il 2040 rinnovabili saranno la prima fonte di energia elettrica

L'energia rinnovabile da qui al 2040 aumenterà più rapidamente delle altre fonti, contribuendo alla metà della crescita dell'approvvigionamento energetico globale e diventando la prima fonte di energia elettrica a livello ...

18/02/2019

GLAMPING: vacanze ecosostenibili e glamour

Chi ha detto che vivere una vacanza in sintonia con la natura e attenta all'ambiente non significhi anche godere del bello, se non addirittura del lusso? Le soluzioni Crippa Concept     Sono in aumento gli amanti delle vacanze all'aria ...

11/02/2019

Nel 2017 il 18,3% dei consumi in Italia coperti da rinnovabili

Nel 2017 gli 787.000 impianti a fonti rinnovabili presenti in Italia hanno coperto il 35% della produzione lorda di energia. Il Rapporto del GSE.     Cresce il ruolo delle rinnovabili in Italia, nel 2017 infatti il 18.3% dei consumi energetici ...

08/02/2019

Gli ultimi 4 anni sono stati i pi caldi di sempre

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres ha chiesto un'azione urgente per il clima, mentre l'agenzia meteorologica dell'ONU conferma il record di riscaldamento globale     Dopo l'allarme lanciato dal rapporto ...

07/02/2019

La crescita di fotovoltaico ed eolico in Europa

Agora Energiewende e Sandbag hanno presentato la valutazione annuale del sistema elettrico dell'UE per il 2018: lo scorso anno l'elettricità rinnovabile ha ridotto del 5% le emissioni di CO2 nel settore energetico dell'Unione, con la progressiva ...

06/02/2019

Le citt diventano intelligenti e sostenibili

Presentati al Klimahause di gennaio gli interventi realizzati a Bolzano e Innsbruck nell’ambito del progetto Sinfonia: edifici riqualificati, fonti rinnovabili, migliorie alla rete di teleriscaldamento     I risultati del progetto europeo ...

06/02/2019

Presentata in Commissione UE la proposta per il Piano nazionale integrato Energia e Clima

Una nota del Ministero dell'Ambiente fa sapere che la proposta di Piano Nazionale Energia e Clima è stata presentata in Commissione UE: al 2030 rinnovabili al 30% e riduzione dei consumi energetici del 43%.     Il Piano stabilisce le ...